LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Archeologia preventiva: la Direzione Generale sfavorevole all’emendamento leghista
3 FEBBRAIO 2021 https://www.exibart.com/



La Direzione Generale Archeologia accoglie l’appello lanciato dalle associazioni di categoria e si esprime contro l’emendamento al Milleproroghe, avanzato dalla Lega per limitare l’archeologia preventiva

L’appello corale, lanciato da nove tra le associazioni italiane di archeologia e ripreso dai sindacati di settore e da Italia Nostra, è stato accolto dalla Direzione Generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio, che ha espresso il suo parere sfavorevole rispetto all’emendamento riguardante l’archeologia preventiva, avanzato dalla Lega. «L’emendamento si pone in contraddizione con il Codice dei Beni culturali e con la Convenzione per la protezione del patrimonio archeologico (La Valletta) e non potrà portare, come auspicato dai proponenti, a uno snellimento delle procedure amministrative, ma al contrario a un aggravio di tempi e costi nella realizzazione dei lavori infrastrutturali», hanno dichiarato dalla Direzione Generale.

L’emendamento a firma Lega, per limitare l’archeologia preventiva
Avanzato dalla Lega e firmato da Silvana Andreina Comaroli, nell’emendamento al milleproroghe si richiedeva che «Per l’attuazione dei contratti disciplinati dal decreto Legislativo 18 aprile 2016 n. 50, i cui lavori non siano stati avviati alla data di entrata in vigore della presente disposizione e fino alla data del 31 dicembre 2025, la verifica preventiva dell’interesse archeologico, di cui all’articolo 25 comma 1 del, decreto Legislativo 18 aprile 2016 n. 50, è necessaria solo per le aree soggette a specifica tutela negli interventi urbanistici. Per i casi non ricompresi nel precedente periodo è sufficiente l’autocertificazione a firma di un progettista abilitato».

Mibact ha stilato un elenco di operatori abilitati alla redazione del documento di valutazione archeologica nel progetto di opera pubblica. Se a seguito di questa fase preliminare il soprintendente ravvisa l’esistenza di elementi archeologicamente significativi può richiedere una ulteriore fase di indagine. Nell’articolo citato, si stabilisce, che «Il soprintendente, qualora sulla base degli elementi trasmessi e delle ulteriori informazioni disponibili, ravvisi l’esistenza di un interesse archeologico nelle aree oggetto di progettazione, può richiedere motivatamente la procedura di verifica preventiva dell’interesse archeologico».

L’emendamento della Lega, in sostanza, vorrebbe limitare l’applicazione dell’articolo alle aree già sottoposte a specifica tutela. In effetti, se la ratio dell’emendamento è snellire le procedure, in realtà, come specificato dalla Direzione Generale, andrebbe solo a rallentare i lavori, considerando sto che lo scopo dell’archeologia preventiva è proprio quello di intervenire in una fase propedeutica alla realizzazione del progetto vero e proprio, non solo per proporre tutte le misure di salvaguardia necessarie alla tutela del bene archeologico ma anche per permettere di rimodulare il progetto a seconda degli esiti delle ricerche e delle analisi.

Numerose e importantissime sono le scoperte avvenute durante i lavori di costruzione di nuove strutture, come nel caso delle Metropolitane di Londra, Roma, Napoli e Atene. In Italia, tra gli esempi di sondaggi più sistematici, nel settore dell’archeologia preventiva, le ricerche che hanno preceduto i progetti per la realizzazione dell’Alta Velocità.


Sepoltura di un cavallo di epoca romana, nel cuore di Londra, 2006
Una mossa paradossale
Le associazioni di archeologia e beni culturali – NA – Associazione Nazionale Archeologi, API – Archeologi Pubblico Impiego, ARCHEOIMPRESE – Associazione delle imprese archeologiche, ASSOTECNICI – Associazione Nazionale dei Tecnici per il Patrimonio Culturale, CIA – Confederazione Italiana Archeologi, CNA – Confederazione Nazionale Artigianato e pmi, FAP – Federazione Archeologi Professionisti, LEGACOOP Produzione & Servizi, Mi Riconosci – hanno subito alzato la voce, inviando una lettera a Paola De Micheli, Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, e a Dario Franceschini, Ministro dei Beni Culturali e del Turismo.

«Il paradosso è che questo emendamento, lungi dall’accelerare i lavori pubblici, finirebbe col far ripiombare la disciplina di tutela nel vecchio “fermo cantieri”, quello sì esiziale per la speditezza dei lavori e con relativo aumento dei costi di realizzazione delle opere», si legge nella lettera (ma di paradossi la Lega ne mastica molti, come nel caso degli Argenti di Morgantina). «La proposta avanzata non tiene conto né della funzione dell’archeologia preventiva né delle ricadute negative di una sua sospensione non solo sulla tutela del patrimonio culturale, ma sulle stesse stazioni appaltanti e ditte esecutrici che vedrebbero lievitare in maniera incalcolabile costi e tempi di realizzazione delle opere».

E pronta anche la risposta della Direzione Generale: «La norma vigente mira a integrare le strategie di tutela del patrimonio culturali nelle politiche di trasformazione del territorio, intervenendo durante le prime fasi della progettazione (progetto di fattibilità)». Questa modalità consente infatti di intervenire, attraverso la modifica del progetto, prima che i lavori abbiano inizio.

«L’emendamento proposto porterebbe, in caso di rinvenimenti archeologici durante le attività di cantiere, ad applicare la procedura del “fermo lavori”, prevista prima dell’applicazione della legge sull’archeologia preventiva, bloccando per lungo tempo attività già avviate e facendo lievitare sia i tempi che i costi a carico del committente (e dunque spesso a carico della collettività, trattandosi di lavori pubblici) per consentire l’esecuzione delle modifiche al progetto o comunque l’esecuzione degli scavi archeologici. Si rassicura pertanto sulla tempestività delle iniziative intraprese in proposito da questa Direzione generale».

https://www.exibart.com/beni-culturali/archeologia-preventiva-direzione-generale-emendamento-lega/


news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news