LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Quanto concorrono i beni culturali al benessere sociale? Ne discutono importanti studiosi
- 4 FEBBRAIO 2021


L’Organizzazione mondiale della Sanità ha ridefinito il concetto di salute, non più intesa come ‘assenza di sintomi patologici’, bensì come ‘stato di benessere fisico, spirituale, sociale’. Ad essa concorrono svariati fattori, condizioni economiche, rapporti sociali, vita culturale. Per questo conviene valutare il livello di crescita e sviluppo sociale di un Paese non solo in base al Pil (prodotto interno lordo) bensì anche al Bes (benessere equo sostenibile): la qualità si aggiunge alla mera quantità. In questa cornice ci si chiede come e quanto il patrimonio culturale, e le produzioni artistiche in genere, influenzino il benessere dei cittadini.

Il tema, arduo ma affascinante, è al centro del convegno “Well-Being and Cultural Heritage / BenEssere e Patrimonio Culturale” (Università di Catania, 11-13 febbraio). Lo promuove “CHAIN – Cultural Heritage Interdisciplinary Academic Network”, fondato dai dottorandi in “Scienze per il Patrimonio e la Produzione culturale”, coordinato dal professor Pietro Militello. “L’iniziativa promana dagli studenti – dice Maria Rosa De Luca, vicecoordinatrice – al CHAIN accederanno tutti i dottorandi, anno dopo anno. Quest’anno il convegno si occuperà del patrimonio culturale in senso generale, negli anni prossimi punterà a tematiche circoscritte, e coinvolgeremo altri dottorati, anche stranieri”. Giuseppe Sanfratello, che con altri dottorandi ha creato il CHAIN, prosegue: “Il Network è un laboratorio di formazione, la sua idea di base è la continuità, pertanto noi diventeremo tutor dei colleghi più giovani”.


Ventotto studiosi di otto diversi paesi saranno impegnati in un confronto interdisciplinare serrato. Si discuteranno i vari tipi di ‘beni culturali’; le tradizioni, i luoghi, le comunità che hanno prodotto il patrimonio giunto a noi; le modalità per tutelarlo, conservarlo, valorizzarlo, trasmetterlo; l’impatto dei sistemi di management a livello sociale, sanitario, economico, e i modi in cui essi possono conseguire obiettivi di sviluppo inclusivi e sostenibili.

Le relazioni di base vertono su tre assi. Christian Greco, direttore del Museo Egizio di Torino, interverrà sul ruolo svolto dalla memoria storica nella crescita della nostra civiltà; Peppino Ortoleva, già ordinario di Storia e teoria dei media nell’Università di Torino, illustrerà le modalità di appropriazione – individuale, ambientale, mediatica – del patrimonio culturale; Pier Luigi Sacco, ordinario di Economia della cultura allo Iulm di Milano, considererà le ricadute sociali e gestionali del patrimonio.

Il menù del convegno è ricco e vario: si parlerà di siti archeologici, edifici, biblioteche, archivi, musei, ma anche manifestazioni artistiche di natura performativa. Queste ultime, ossia gli spettacoli teatrali, musicali e coreutici, sono ‘beni culturali’ di una specie particolare: si consumano infatti all’atto stesso della produzione. Musica, danza e teatro sono una sorta di Giano bifronte. Da un lato producono importanti beni ‘materiali’: strumenti, partiture, scenografie, costumi, trattati, documenti sonori e video, archivi, edifici. Dall’altro, sono entità ‘immateriali’: opere liriche, pièces recitate, coreografie, musiche da concerto composte, eseguite e ascoltate, saperi teorici e pratici. Anche questi beni immateriali richiedono forme apposite di tutela, salvaguardia, valorizzazione: per dire, il ‘testo’ musicale o teatrale – un madrigale di Marenzio, il Prometeo di Luigi Nono, una commedia di Goldoni – necessita di cure filologiche che consentano di conoscerlo e riproporlo in termini storicamente e stilisticamente congrui.

Simile ma non identico il caso del cinema, arte indubitabilmente performativa all’atto della ripresa filmica, ma poi fissata su un ‘testo’ duraturo, la pellicola; la quale, certo, è esposta anch’essa al degrado e dunque necessita delle cure dovute alle testimonianze materiali dei vari comparti culturali.

Dal convegno scaturiranno spunti preziosi per meglio concettualizzare tali problematiche, sottili e complesse. In più, esse verranno declinate nella prospettiva del ‘benessere’ sociale e individuale, come evidenziato dal titolo stesso del convegno.

Alla base di qualsiasi ragionamento sulla tutela e valorizzazione dei beni culturali c’è, e non può non esserci, una consapevolezza di carattere più generale. I patrimoni culturali prodotti ed ereditati dall’umanità hanno un’inalienabile e irriducibile dimensione storica. La loro comprensione e fruizione non ne può prescindere. Vanno perciò contestualizzati: solo la coscienza della distanza storica che ci separa e al tempo stesso ci collega ad essi consente di intenderne sia il senso originario sia il significato che essi tuttora rivestono per la società odierna. “Se vogliamo che i patrimoni si trasmettano nel futuro – conclude Sanfratello – è nostra responsabilità accudirli: la pandemia ci ha trovati impreparati, per esempio, nella digitalizzazione dei Musei. Non dovrà più accadere”.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/02/04/quanto-concorrono-i-beni-culturali-al-benessere-sociale-ne-discutono-importanti-studiosi/6077682/


news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news