LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Il museo diocesano di arte sacra rinascerà a due passi dal Duomo
Mauro Bonciani
Corriere Fiorentino - 4/2/2021

Gravemente danneggiato all’attentato mafioso di via dei Georgofili e chiuso nel 2014, il museo diocesano di arte sacra della Diocesi di Firenze potrà rinascere. E dalla chiesa millenaria di Santo Stefano al Ponte, dove è stato dalla sua apertura nel 1983 alla chiusura, si trasferirà un in grande palazzo a due passi da piazza Duomo e dal Museo dell’Opera del Duomo. Anzi se non fosse stato per la pandemia, l’annuncio sarebbe già arrivato, per un’operazione che vale 25 milioni di euro.

Tutto nasce dall’inventario dei beni artistici presenti nelle chiese fiorentine voluto dall’arcivescovo Giuseppe Betori nel 2009 — «dobbiamo conoscere e salvaguardare un patrimonio importantissimo che ci viene dai nostri padri e che dobbiamo evitare che vada disperso o decada per incuria» — e chiusosi dopo anni di lavoro, seguiti dal diacono Alessandro Bicchi. «Firenze, come accade solo per Roma e Venezia, ha una concentrazione incredibile di opere d’arte religiose e l’inventario ormai terminato lo dimostra — spiega monsignor Timothy Verdon, direttore del Museo dell’Opera del Duomo e direttore dell’ufficio della catechesi attraverso l’arte della Diocesi — C’è una media di grande livello qualitativo anche nelle arti “minori”. Penso ai paramenti sacri o agli arredi per gli altari, che coniugano la creatività con la religiosità del popolo e la storia delle varie chiese, mostrando l’arte dei nostri artigiani e la maestria dei ricami delle donne. Spesso sono oggetti preziosi, che venivano indossati solo in particolari occasioni. E ci sono una sessantina di dipinti interessanti per il loro valore che andranno restaurati così da valorizzarli». Proprio alla luce dell’inventario, è rinato il progetto del museo diocesano. «Santo Stefano— dice Verdon — è stato chiuso da anni, non ci andava nessuno e non c’erano i soldi per tenerlo aperto, né per adeguarlo alle moderne esigenze museali. Così è nato il sogno-progetto del nuovo museo, con la disponibilità dell’Opera del Duomo e l’occasione di acquistare un grande palazzo vicino al Duomo che è in vendita. Si parla di 25 milioni in tutto e il palazzo sarebbe stato utilizzato per ampliare il Museo dell’Opera e per il nuovo museo diocesano, consentendo di esporre dipinti, statue e paramenti sacri, fino al Barocco, un periodo poco conosciuto di Firenze. Poi la pandemia ha congelato tutto».

Il palazzo non è stato venduto, ma la crisi innescata dalla pandemia — il Museo dell’Opera del Duomo aveva pre Covid 700.000 visitatori l’anno e assieme a tutti i monumenti della piazza totalizzava 4 milioni di biglietti — sposta il calendario del progetto. «Di certo l’Opera non potrà metterlo nei suoi primi progetti dopo il ritorno alla normalità, si tratta di una cifra molto importante, cui servono anche donatori privati, ma l’idea c’è. E penso — aggiunge monsignor Verdon — che sarebbe bello poter utilizzare giovani per il restauro delle sessanta tele, sempre con l’aiuto di sponsor e di un fundraising, così da dare loro lavoro e professionalità, mentre si potrebbero seguire on line gli interventi di restauro».



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news