LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pistoia, un duello sulle mura. «Lì preziosi reperti». «Bufala»
Matteo Lignelli
Corriere Fiorentino - 9/2/2021

È scontro sui reperti archeologici apparsi sulle mura di Pistoia, di recente sgombrate da radici e erbacce. Durante la pulizia sono stati portati alla luce una decina di stemmi antichi e manufatti di epoca moderna (dal 1500 in poi, circa) presentati dal Comune come «tracce di un passato millenario» e «incastonati nei secoli tra le pietre» della terza cerchia muraria. Una «bufala» secondo l’architetto pistoiese Roberto Agnoletti, che ha pubblicamente rettificato con una lettera quanto comunicato dall’amministrazione comunale. «In realtà si trovano lì solamente dai primi anni dello scorso secolo», sostiene il professore.

A fine dicembre, per circa un mese, il Comune si è impegnato nel ripulire le mura urbane di viale Arcadia, vicino al centro, nel punto in cui a settembre è crollato un tratto di 32 metri. I rampicanti e le piante infestanti che si sono fatti largo durante gli anni, infatti, minavano la loro stabilità. Così durante l’intervento è venuta a galla la serie di reperti di età moderna che oggi fa discutere la città. «Alcuni rilievi che ritraggono un Cristo, un sole e un mascherone risultano moderni, così come lo stemma con le chiavi di Pistoia» si legge nel comunicato. L’architetto Agnoletti concorda sulla datazione, ma contesta che possa trattarsi «di un viaggio a ritroso nei secoli», come annunciato dal Comune. «Quella che i politici ci propongono è una bufala — avverte — e prima di raccontarla potevano documentarsi un po’. Non serve “un’indagine accurata” da parte degli studiosi, come scrivono, basterebbe una telefonata a uno storico locale: tutti sono al corrente dell’esistenza dei manufatti».

Sostiene Agnoletti che «quel che sfugge ai politici è che gli stemmi sono stati comprati e posizionati sulle mura pistoiesi soltanto tra il 1910 e il 1915 da uno dei fratelli Lavarini, imprenditore che nel 1909 ha acquistato il bastione sul viale Arcadia per realizzarci la propria abitazione». Un’interpretazione molto diversa da quella dava il Comune il 22 gennaio: «L’Amministrazione ha avviato la ripulitura dell’area da una fitta vegetazione che, lasciata crescere in modo improprio, per anni ha nascosto alla città un capitolo della sua storia». E se dal palazzo comunale fanno sapere che i ritrovamenti «potranno essere valorizzati da percorsi di interesse culturale e turistico» Agnoletti ribatte che il loro potenziale è pressoché nullo. «A quei tempi — sostiene — erano oggetti piuttosto comuni e di poco valore. Non si riferiscono ai podestà, non sono incastonati da secoli e non ci raccontano un passato millenario».

Infine, il professore contesta che la porzione delle mura ripulita, quella del bastione Lavarini, sia in realtà «di proprietà privata fin dal Novecento». «È così — conferma l’assessore Bartolomei — ma l’intervento, dopo decine di anni senza cura, è stato fatto solo sulla facciata esterna, le antiche mura della città la cui proprietà privata non sembra affatto assodata».



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news