LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Uffizi, brand da non inflazionare
Chiara Dino
Corriere Fiorentino - 10/2/2021

In un crescendo di entusiasmo il progetto degli Uffizi diffusi si allarga sino a comprendere potenzialmente 100 musei del territorio toscano. Il direttore delle Gallerie fiorentine Eike Schmidt alla delocalizzazione del patrimonio dei suoi depositi tiene molto. E così da qualche mese ha investito energie e tempo alla ricerca di siti adatti a contenere opere degli Uffizi fiorentini — dovremo abituarci a chiamarli così — in altre sedi museali. Il 4 febbraio ha detto: «Per gli Uffizi diffusi dovrebbero esserci almeno 60 sedi, ma io ne vorrei anche 100, naturalmente non si potrà fare tutto in un anno, ci vorrà più tempo». Il fulcro attorno a cui si articola il progetto comprende cinque luoghi: la villa Medicea di Careggi, dove l’intento sarebbe quello di concentrare le opere capaci di illustrare cosa fu l’Accademia neoplatonica di Marsilio Ficino e la villa Ambrogiana a Montelupo, dimora prediletta di Cosimo III a cui sono destinate molte delle opere da lui collezionate oltre che da Ferdinando I. Nella top five ci sono anche il Museo Civico di Pescia, il Museo della Battaglia di Anghiari, dove è stata esposta la Tavola Doria prestata proprio da Firenze e il Centro visite del Parco Nazionale foreste casentinesi Monte Falterona e Campigna a Castagno d’Andrea che ospita già il museo virtuale di Andrea del Castagno e dove dovrebbe arrivare quest’anno il ritratto di Dante fatto dall‘artista.

Recentemente il direttore Schmidt è andato in visita alle Terme del Corallo di Livorno — qui potrebbero arrivare gli Uffizi del mare — e sono di questi ultimi giorni le candidature di Massa Marittima e di Grosseto ma anche di Fivizzano, Rapolano e di molti Comuni. Sono almeno 40 i siti che hanno chiesto di essere ricompresi nel progetto, tanto che il museo fiorentino ha dovuto organizzare una sorta di ufficio ad hoc per smistare richieste. Idea bella e interessante quella di delocalizzare la gran copia di opere custodite nei depositi agli Uffizi, sulla quale, qualche mese fa, su questo giornale, Andrea De Marchi ha sviluppato un ragionamento ricordando però «come nella stessa Toscana, ancor oggi non si riesce a tenere aperti i musei che già ci sono» e chiedendo una progettazione condivisa del decentramento degli Uffizi che tenga conto della necessità di un spostamento delle opere secondo criteri filologicamente rigorosi. Su questo Schmidt è stato inflessibile e i progetti della villa Ambrogiana e di quella di Careggi lo dimostrano. Saranno spostate solo quelle opere che, per ragioni storiche e culturali, dialogano con i siti che le ospiteranno.

Però c’è un’altra domanda che aleggia? Siamo certi che diffondere il brand Uffizi in modo così capillare sia ragione di sviluppo dei musei meno noti e non di inflazione dello stesso brand? Siamo certi che un turista straniero, costretto a operare delle scelte venendo in Toscana, preferisca vedere 100 emanazioni degli Uffizi con tutto lo storytelling delle Gallerie alla visita di altri luoghi con altre storie e altre identità? E se ciascuna realtà si auto-raccontasse facendo della propria specificità e della propria ricchezza un motivo di vanto e di diffusione della conoscenza? Facciamo degli esempi. Santa Fiora potrebbe condividere col mondo l’eccezionalità delle sue terrecotte robbiane. Arezzo potrebbe raccontare urbi et orbi , meglio di quanto non lo faccia ora, la stupefacente bellezza del ciclo di affreschi sulla Leggenda della Vera Croce di Piero della Francesca nella Basilica di San Francesco, Volterra potrebbe farci innamorare di nuovo dei suoi alabastri e Vicchio potrebbe costruire la sua narrazione sulle infanzie di Giotto e del Beato Angelico che qui sono nati.



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news