LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Raimo: «Sono belle le scritte sui muri»
Flavia Fiorentino
Corriere della Sera - Roma 7/2/2021

Degrado e decoro per lui non sono concetti contrapposti: «È un non tema - spiega Christian Raimo, assessore alla Cultura del Municipio III - di fronte a un muro grigio e pulito preferisco un muro pieno di scritte ma che renda la città viva».

Con un post apparso ieri mattina su Facebook, in cui si chiedeva «Cos’è una città senza scritte?», l’assessore e scrittore quarantacinquenne sapeva bene di aprire un dibattito su manutenzione e uso degli spazi comuni, a lui caro da sempre: «Roma si è liberata dal papato con i versi del Belli o con le pasquinate, battute corrosive quando il teatro era vietato. Si enunciavano nelle strade e nelle piazze: ancora oggi le scritte sono la voce della gente e non credo che l’unica strada per affrontare questo tipo di espressività siano le sanzioni, il Daspo e un regime di polizia».

Raimo ci tiene però a puntualizzare che dipende anche dal tipo di messaggio che viene veicolato: «Se sono scritte contro i rom o inneggianti al fascismo non piacciono nemmeno a me — sottolinea — ma dobbiamo chiederci se vogliamo una città viva o spenta. A me piacciono le città molto segnate, con i muri parlanti e quello dei writer è diventato un argomento mondiale che va da New York a Pechino alla Spagna. Ormai è parte dell’arte contemporanea. Se Banksy non avesse infranto qualche regola non sarebbe mai diventato l’artista che è oggi».

Quindi liberalizzazione di tutte le scritte ? «Certo, ci sono anche persone a cui non piacciono i murales. Ma quando un ragazzino sporca un muro appena risistemato da un anziano, invece di una sanzione preferirei che al “colpevole” si offra un corso di educazione artistica per affinare la sua sensibilità estetica». Tornando invece sul decoro, Raimo ritiene «molto più decoroso che un homeless abbia un tetto sopra la testa piuttosto che passare liberamente sotto i portici di piazza Vittorio», riferendosi alla polemica sulla diffida al Comune portata avanti da alcuni residenti tra cui il regista Paolo Sorrentino.

Il post sull'apprezzamento della street art ha infine un altro fronte non meno provocatorio: «Nel nostro municipio abbiamo 13 centri anziani e nessuna struttura, nessun luogo pensato per i più giovani. Ecco perché poi si vanno a fare le risse a piazza del Popolo. Per un ragazzino scrivere o disegnare qualcosa su un muro è anche un modo per prendersi un pezzetto di città».



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news