LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Campania. Il Palazzo Mediceo ora deve rivivere
Rosa Carillo Ambrosio
Corriere del Mezzogiorno - Campania 5/2/2021

Il Palazzo Mediceo di Ottaviano sarà oggetto di un finanziamento di 200mila euro da parte del Gal (gruppo azione locale) Vesuvio Verde dal titolo-tema «Tra Parco e Città». Ad annunciarlo è stato il sindaco Luca Capasso con un post su Fb qualche giorno fa. Ubicato all’ingresso del Parco Nazionale del Vesuvio, è un bene di grandissimo pregio. Conosciuto purtroppo ai più per essere finito nelle mani della camorra cutoliana, fu poi confiscato dallo Stato e dato in uso al comune di Ottaviano. In verità questo antico maniero ha ben più pregevoli e valide motivazioni per essere famoso. Il nuovo finanziamento permetterà al Palazzo di essere una sorta di snodo tecnico-informativo tra il Parco Nazionale del Vesuvio, la città di Ottaviano e si spera i molti turisti. Per coloro che sono appassionati di bike è previsto uno stallo per biciclette elettriche alimentate da energia solare. Quindi a progetto realizzato il Palazzo fungerà come una sorta di «catenaccio verde» tra il Parco Nazionale del Vesuvio e il territorio circostante. È davvero una bella notizia. Questo monumento merita una tutela ed uno sviluppo progettuale importante. Uno sviluppo teso sì alla sua valorizzazione ma che impianti anche una programmazione di eventi coordinati, che gli consenta di non essere più identificato nell’immaginario collettivo come il Castello di Cutolo. A dire il vero l’amministrazione Capasso, sin dal suo esordio, ha lavorato sodo per restituire questo bene alla comunità. Permettendo alla cittadinanza di sentirsene «proprietaria» rendendo pubblica la fruibilità dei giardini antistanti e di alcune le stanze. Anche il Parco Nazionale del Vesuvio, che dal 2008 grazie ad un comodato d’uso da parte dell’amministrazione ottavianese ne utilizza il piano terra e i giardini storici. È forse giunto il momento per la comunità ottavianese tutta di interrogarsi con concretezza e lungimiranza sulla vocazione del palazzo e sulla valorizzazione della sua storia. Il Palazzo Mediceo di Ottaviano necessita di essere inglobato in un contenitore ricco di contenuti. Magari una fondazione della quale facciano parte il comune di Ottaviano e altri enti sovracomunali. Insomma bisogna dare vita ad un organismo che sia sintesi di questi attori appena citati ma che sappia camminare con le proprie gambe. Capace di dotarsi di un gruppo di lavoro che si dedichi specificamente alla sua tutela e alla sua programmazione. Necessita di figure che si occupino di procurarsi fondi dal pubblico e da soggetti privati per attendere alla manutenzione globale dei suoi ambienti e di dotarlo anche di un’anima organizzativa e propositiva. Una fondazione capace di realizzare progetti di alto valore storico e scientifico, di caratura internazionale. Iniziative nuove che supportino e incentivino quelle già in essere legate alla promozione della cultura della legalità di cui il Palazzo oggi, grazie proprio alla amministrazione locale, è già un simbolo. La famiglia de’ Medici di Ottajano (ramo cadetto della famosa dinastia fiorentina) nel 1567 comprò l’antico maniero e nel corso dei secoli lo ha trasformato nel bel rinascimentale palazzo che oggi ammiriamo. Ora l’edificio deve ripartire con una propria identità e personalità. Il sindaco Luca Capasso ha avuto il grande merito di consegnare il Palazzo alla città. Di aprirlo. Di farlo vivere. Di farlo sentire un bene comune. Ora deve avere il coraggio di farlo volare.



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news