LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Riecco le gradinate imperiali: si allarga il Colosseo milanese
Pierpaolo Lio
Corriere della Sera - Milano 16/2/2021

C’era un Colosseo milanese. Saccheggiato, raso al suolo, dimenticato. Rinascerà a fine dell’anno prossimo con un progetto innovativo. Un anfiteatro vegetale che unirà le tracce storiche a una scenografia verde per ricreare l’impronta dell’arena romana che dominava l’area tra via Conca del Naviglio, via De Amicis e via Arena. È il fulcro del progetto «Pan-Parco amphitheatrum naturae», il vasto parco archeologico nel cuore della città. «Sarà un progetto di land art che rilancerà l’intera zona — spiega la soprintendente Antonella Ranaldi — Una simbiosi tra natura e storia che offrirà a cittadini e turisti una passeggiata che si estenderà su 100mila metri quadrati alla scoperta della Milano romana: dall’anfiteatro, alle Colonne, alla Basilica di San Lorenzo e a Sant’Eustorgio».

Un video racconta il progetto, gli scavi condotti dalla Soprintendenza, con il sostegno del Comune e di Italia Nostra, e le ultime scoperte. Alla presentazione del video, moderata da Paolo Conti, firma del Corriere, sono state illustrate le fondazioni rinvenute durante i lavori: 14 muri radiali delle gradinate della cavea. Si aggiungono ai sette scovati negli anni Settanta nel settore nord. Questi muri resteranno a vista. E insieme all’innesto green tracceranno la pianta dell’anfiteatro. Sarà la natura a ricreare le parti mancanti: 1.700 mq di siepi aiuteranno a ridisegnare la pianta dell’arena all’interno dell’incavo, mentre un doppio filare di cipressi traccerà l’ellisse esterno, sopraelevato, che diventerà una passerella per ammirare il passato.

Sarà quasi una radiografia — immaginata dall’architetto Attilio Stocchi — che renderà riconoscibile l’anello intorno al podio, le gradonate e all’esterno i muri dell’anello perimetrale lungo 425 metri. Gli scavi (iniziati a dicembre 2018, termineranno a fine 2022) hanno inoltre mostrato le strutture ipogee pavimentate a mattoni: forse una galleria da dove uscivano le belve o un canale per smaltire le acque.

In origine l’arena era simile, per dimensioni e aspetto, al Colosseo. Realizzata nel I secolo, aveva l’asse maggiore lungo 150 metri e l’asse minore di 120. Si sviluppava in altezza con arcate sovrapposte: 40 metri di facciate con in cima un velario a protezione degli spettatori. Restò in uso fino al IV secolo, poi il saccheggio. Le sue pietre si possono ancora vedere nelle fondazioni della vicina basilica imperiale di San Lorenzo (ci sono blocchi delle semicolonne, dei capitelli), negli argini dei canali della Vepra, nel fossato esterno. Ma c’è dell’altro. E risale a un periodo ancora precedente. Gli archeologi hanno trovato una serie di reperti di età pre-romana: sono un gruppo di ceramiche di vario tipo (bicchieri, olle, mortai, vasi e scodelle), di epoca celtica, che risalgono al periodo che va dal V al I secolo avanti Cristo.

Palazzo Marino ha scommesso sul progetto, concedendo le aree che hanno raddoppiato l’iniziale dimensione del parco. «Cambierà il volto della città — è convinto l’assessore all’Urbanistica, Pierfrancesco Maran —. Sarà uno dei simboli della Milano dei prossimi anni».



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news