LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. Venti imprese in corsa per difendere la Basilica. Spitz, pace con Zincone
Alberto Zorzi
Corriere del Veneto, Venezia e Mestre 14/2/2021

I soldi sono stati trovati: tre milioni usciti dalle pieghe dei bilanci del Provveditorato. E nei giorni scorsi è arrivato anche l’ok definitivo della Soprintendenza, che chiede solo di «ottimizzare il tracciamento dei pilastrini», alla luce anche di quanto indicato dai comitati tecnico-scientifici del ministero dei Beni Culturali, in modo che si adattino meglio alle linee della Basilica: questo se le modifiche non peggioreranno dal punto di vista idraulico e strutturale il progetto di Daniele Rinaldo e Mario Piana. Ora però per dare la spinta finale alla barriera di vetro che proteggerà San Marco serve trovare chi eseguirà i lavori: e il fattore tempo è fondamentale, visto che anche in questo «pazzo» inizio d’anno, di solito caratterizzato dalle secche, il nartece è andato sott’acqua quasi tutti i giorni.

A un certo punto pareva essere passata l’idea che facesse tutto il Consorzio Venezia Nuova: sia la barriera, che i lavori di impermeabilizzazione della piazza, con Kostruttiva in prima fila, essendo il progettista insieme a Thetis. Ma un paio di settimane fa, al comitato tecnico del Provveditorato, si è deciso che questi lavori devono andare in gara, perché non riguardano il Mose. Sulla barriera è necessario accelerare e la soluzione trovata è quella della procedura negoziata: visto che il lavoro vale meno di 5 milioni e 350 mila euro, saranno chiamate una ventina di imprese (la legge ne prevede almeno 15) per chiedere un’offerta e poi sarà scelta quella economicamente più vantaggiosa. Una procedura ritenuta più rapida e anche meno a rischio di ricorsi al Tar, che invece stanno bloccando da un anno e mezzo la gara sulla manutenzione delle paratoie. Quanto alla piazza, invece, il problema sono i soldi – dopo che la Corte dei Conti ha ricusato il visto all’ultimo atto aggiuntivo che li stanziava – e il cambio di rotta sulla gara, dopo che si pensava addirittura di far partire il cantiere a inizio febbraio per il solo primo stralcio. Ora l’idea è quella di completare l’intero progetto esecutivo e bandirlo tutto insieme, in modo da fare una gara unica. Il vincitore realizzerà il primo stralcio, mentre le fasi successive saranno legate ai tempi della disponibilità dei fondi.

Il problema di San Marco è reale, visto che l’atrio della Basilica va sotto già con 88 centimetri. Per questo il commissario Elisabetta Spitz e il provveditore Cinzia Zincone hanno deciso di provare per due volte questa settimana a chiudere solo la bocca di Lido, in presenza di maree per le quali il Mose non si dovrebbe nemmeno alzare nelle attuali condizioni di emergenza (previste a quota 130 centimetri). Così è stato martedì, con 116 centimetri alla piattaforma del Cnr, 120 in bocca di Lido e 104 alla Salute; e anche giovedì, quando l’acqua è arrivata a 108 in piattaforma e 116 in bocca di Lido, ma a 92 alla Salute. Se si confrontano le curve e si prendono come riferimento gli 88 centimetri di cui sopra, al largo la marea è stata sopra quella quota per 3 ore e 40 minuti, mentre alla Salute per un’ora e 40. Questo funziona soprattutto in fase di sizigia, perché si sfasa la coincidenza di marea tra picco meteo e picco astronomico.

Intanto ieri, Spitz ha voluto gettare acqua sul fuoco sui presunti scontri con Zincone: «Nessuna divergenza personale, solo un confronto intenso e leale nel rispetto dei reciproci ruoli istituzionali».



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news