LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Scavi San Giustino, gli archeologi abruzzesi contro "il fantasioso e immaturo sensazionalismo"
19 Febbraio 2021


Gli archeologi abruzzesi contro la pubblicazione del volume “Relazione storica dei rinvenimenti di piazza San Giustino, già piazza Vittorio Emanuele II e Colle Gallo” della collega Marida De Menna e Teresio Cocco.

Dopo la Soprintendenza anche il direttivo della confederazione archeologi Abruzzo è contraria alle affermazioni contenute nel volume attraverso il quale viene chiesto al Comune di continuare gli scavi nella piazza principale della città, anziché richiudere tutto e proseguire con il cantiere per la realizzazione della nuova piazza. Secondo i due autori del volume "sotto piazza San Giustino c'è "uno scrigno sepolto che solo ora, con i lavori della piazza, si può aprire, la punta dell'iceberg di reperti ben più estesi e di origine romana o addirittura pre-romana, e non medievale e di scarso pregio".

La confederazione Archeologi ritiene "che la citata vicenda sia la giusta occasione per brevi riflessioni riguardanti il ruolo, la dignità, la deontologia dell’archeologo di cantiere".

Con l’approvazione della Legge 110/2014 e del suo decreto attuativo DM 244/2019, quella dell’archeologo è oggi una professione regolamentata, il cui operato ricade sotto la direzione scientifica delle competenti Soprintendenze territoriali, nell’ambito del pieno rispetto delle regole stabilite dal Codice dei Beni Culturali (art. 88 del Dlgs 42/2004).

Questa premessa acquista ancora più di rilievo nel momento in cui si parla di archeologi da campo, quelli che nel resto del mondo sono definiti “Field Archaeologists”, esperti del metodo stratigrafico, il cui compito è praticare quell’operazione tanto magnifica quanto irripetibile e per questo delicatissima, che è lo scavo scientifico. Solo chi scava e rimuove con perizia, metodo e pazienza i singoli strati, registrandone contenuti e reciproche relazioni, può essere considerato testimone attendibile delle evidenze investigate. Un lavoro che porta ogni archeologo a produrre una copiosa documentazione tecnica (relazioni, rilievi, schede stratigrafiche, diagrammi, etc.), la cui rielaborazione in funzione anche della successiva pubblicazione richiede un impegno che non può essere contenuto nei tempi frenetici del social media.

Inoltre il direttico della confederazione ritiene che:

"Ovviamente, nell’ambito della più ampia discussione scientifica, ogni confronto è legittimo e salutare, così come lo sono opinioni alternative e interpretazioni diverse da quelle di chi scava. Al contempo, qualsiasi serio archeologo professionista sa bene che non è etico pensare di elaborare e rendere pubbliche ipotesi, riguardo a scavi non personalmente condotti, prima che la relativa documentazione scientifica sia stata pubblicata integralmente dagli autori delle indagini sul campo. Chi fa altrimenti non dimostra spirito scientifico, piuttosto un immaturo e fantasioso sensazionalismo, dannoso per la società cui propina falsità storiche, e irriverente nei confronti dei colleghi e di riflesso di tutta la comunità scientifica. Quella dell’Archeologo è una professione che non s’improvvisa, sottoposta a una deontologia della professione stessa. Anche nella competizione imposta nostro malgrado dal mercato del lavoro, non si dovrebbero mai perdere di vista il basilare rispetto e i principi di correttezza. Dai comunicati della Soprintendenza emerge chiaramente come una corretta, cordiale e sincera apertura delle professioniste archeologhe impegnate sul campo, nei confronti di membri della comunità cittadina, sia stata arbitrariamente usata, oltretutto senza alcun coordinamento e accordo con la competente Soprintendenza, alla cui autorità unica è demandata la tutela dei beni e la funzione di filtro quale garanzia della puntualità scientifica riguardo alle informazioni di dettaglio di ogni scavo inedito. Oltremodo, la comprensione di una complessa stratificazione, specie in un ambiente urbano a continuità di vita, non può affidarsi a un breve e veloce sguardo occasionale, a scorci colti attraverso una recinzione, o a foto".

Un giudizio sulla vicenda fortemente negativo:

È palese il comportamento scorretto sotto il punto di vista etico e deontologico di quanti, in maniera subdola e ingannevole, si appropriano di dati e immagini provenienti dal lavoro altrui per scopi miranti al conseguimento di un personale vantaggio, fosse anche solo d’immagine, aggravato nel caso in oggetto dall’assoluta distorsione interpretativa delle informazioni che non trovano assoluto riscontro nei reali dati oggettivi emersi durante le indagini. La Cia Abruzzo ritiene che il rispetto per la storia, la cultura e i monumenti, parta innanzitutto dal rispetto per i professionisti che ogni giorno si dedicano allo studio, alla tutela e alla conservazione delle testimonianze del passato, assolutamente non senza difficoltà

https://www.chietitoday.it/attualita/scavi-san-giustino-archeologi-abruzzesi-critiche-soprintendenza.html


news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news