LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei, grossa polemica sulla nomina di Zuchtriegel, con dimissioni nel comitato scientifico
Finestre sull'arte 21/2/2021

Non è passato neanche un giorno dalla nomina di Gabriel Zuchtriegel come nuovo direttore del Parco Archeologico di Pompei ed è subito divampata una feroce polemica, che ha portato alle dimissioni, già nella giornata di sabato, di due importanti membri del comitato scientifico del Parco (su quattro che lo compongono), Stefano De Caro e Irene Bragantini. Per motivare le dimissioni i due hanno scritto una lettera al direttore ad interim, Massimo Osanna, in cui si legge, negli stralci riportati dall’Ansa: “Con decisione irrevocabile ed effetto immediato abbiamo deciso di dare le dimissioni. Con vivo disappunto, riteniamo non sussistano le condizioni minime per collaborare con il suo successore”.

Bragantini e De Caro sono due autorevoli figure dell’archeologia romana. Bragantini, veronese, classe 1948, ha partecipato a missioni di scavo in Italia e all’estero (in Tunisia, Egitto, Libia e Turchia) e lavora come archeologo per il MiBACT fin dal 1981, senza contare il suo lavoro come docente di lunga data presso l’Università di Napoli l’Orientale. Stefano De Caro, classe 1951, ha diretto per diversi anni l’Ufficio Scavi di Pompei ed è stato anche direttore generale dei Beni archeologici presso il MiBACT. Irene Bragantini ha preferito non parlare con la stampa, ma De Caro, al contrario, ha rilasciato diverse dichiarazioni. In sostanza, l’archeologo ritiene che Zuchtriegel non abbia le credenziali necessarie per dirigere Pompei.

Zuchtriegel è del 1981, ed è attualmente il più giovane direttore di un museo statale italiano: nel 2015, quando è stato nominato direttore del Parco Archeologico di Paestum, aveva soltanto trentaquattro anni (un fatto decisamente inusuale, in Italia, dirigere un importante museo nazionale così giovani, motivo per cui la sua nomina era stata da molti salutata positivamente): prima di arrivare a Paestum era stato borsista dell’Istituto Archeologico Germanico e della Fondazione Humboldt, era stato ricercatore all’Università della Basilicata, e aveva già insegnato a Bonn, a Matera, a Napoli (alla Federico II) e a Palermo. Aveva inoltre ricoperto l’incarico di membro della Segreteria tecnica di Progettazione del Grande Progetto Pompei.

Un curriculum insufficiente per dirigere Pompei, secondo De Caro. “Il nuovo direttore Zuchtriegel”, ha dichiarato all’agenzia LaPresse, “è molto esaltato per la sua attività nel parco di Paestum, ma a noi sembra che a Pompei non abbia avuto tutta questa esperienza: dal suo curriculum risultano 8 mesi alla segreteria del parco, ma in 8 mesi non riesci a farti un’idea sui millenni di storia di Pompei”. Inoltre, riferisce sempre De Caro a LaPresse, “non sono chiari i requisiti in base ai quali sono state compiute le valutazioni che hanno portato alla nomina di oggi”. E ancora, parlando con il Corriere della Sera, De Caro ha affermato che a suo avviso è difficile che Zuchtriegel “abbia l’esperienza sufficiente per decidere, gestire e dirigere la conservazione e soprattutto i restauri, dove è molto facile sbagliare ma impegnano milioni e milioni. La commissione avrà valutato il curriculum ma non conosciamo i criteri. Preferiamo fare un passo indietro piuttosto che aprire un capitolo di polemiche”.

Nel pomeriggio di sabato è arrivata anche la replica di Massimo Osanna: “Francamente non capisco la polemica”, ha detto. “Zuchtriegel ha un curriculum scientifico eccellente, a Paestum ha fatto benissimo e a Pompei assicurerà una gestione del sito in piena continuità con quanto fatto da me in questi ultimi anni per il grande progetto; il fatto che Zuchtriegel abbia appena quarant’anni non penso possa essere un motivo per non ritenerlo all’altezza. Anzi, credo che sia un valore ed un grande segnale di apertura verso le nuove generazioni”.

https://www.finestresullarte.info/musei/pompei-polemica-per-nomina-di-gabriel-zuchtriegel-con-dimissioni


news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news