LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei nella bufera per il nuovo direttore ma un "carro di lusso" zittisce la polemica
Nino Materi
Dom, 28/02/2021 - 08:01


Due consiglieri scientifici si dimettono. Il ministro: "Guerra ai tombaroli"

Sarà certamente una coincidenza. Ma sta di fatto che ogni volta che attorno al Parco archeologico di Pompei c'è aria di polemica, ecco spuntare - con altrettanta puntualità - la notizia di una «clamorosa scoperta archeologica»; ottima per «rilanciare nel mondo l'immagine di Pompei», ma buona pure per attutire il polverone del dissenso.




E negli ultimi giorni in quel di Pompei le grane non sono mancate, a cominciare dalla querelle «diplomatica-istituzionale» relativa alle dimissioni di due (Stefano De Caro e Irene Bragantini) fra i quattro «grandi saggi» del Consiglio scientifico del parco a seguito della nomina appena decisa dal ministro per i Beni culturali, Dario Franceschini, del nuovo giovane direttore tedesco, Gabriel Zuchtriegel, al posto dell'italianissimo Massimo Osanna, «principale artefice del grande rilancio di Pompei» (Franceschini dixit).

Nei giorni scorsi la coppia De Caro-Bragantini aveva scritto una lettera a Osanna che si concludeva così: «Non ci sono le condizioni per collaborare con il Suo successore». Apriti cielo. Ma ora a richiuderlo - il cielo, ma soprattutto l'imbarazzo per le dimissioni dei due consiglieri - è giunta, provvidenziale, la scoperta di un «reperto unico, finora mai rinvenuto in Italia, miracolosamente scampato all'azione di saccheggio dei tombaroli». Quando si dice la combinazione. Ma pensare male sarebbe davvero una pretestuoso. Non ci resta quindi che esultare con i vertici del Parco Archeologico e dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata che ieri hanno all'unisono spiegato la valenza storica e culturale del «carro da parata emerso dallo scavo della villa suburbana in località Civita Giuliana, a nord di Pompei, oltre le mura della città antica». Un successo arrivato «nell'ambito dell'attività congiunta, avviata nel 2017 e alla luce del Protocollo d'intesa sottoscritto nel 2019, finalizzati al contrasto delle attività illecite ad opera di clandestini nell'area».

«Pompei continua a stupire con le sue scoperte e sarà così per molti anni con venti ettari ancora da scavare - ha dichiarato un radioso Dario Franceschini -. Ma soprattutto dimostra che si può fare valorizzazione, si possono attrarre turisti da tutto il mondo è contemporaneamente si può fare ricerca, formazione e studi». Il ministro della Cultura ha quindi ringraziato i carabinieri del nucleo Tutela patrimonio culturale per «aver scongiurato che reperti così straordinari fossero trafugati e illecitamente immessi sul mercato».

Il grande carro cerimoniale a 4 ruote è stato rinvenuto nel porticato antistante alla stalla, dove nel 2018 erano emersi i resti di tre cavalli. «Si tratta di un ritrovamento unico, che non ha precedenti in Italia, in ottimo stato di conservazione», ha sottolineato Massimo Osanna, neo direttore generale dei musei del ministero dei Beni culturali. Da parte invece del nuovo direttore del Parco archeologico di Pompei, Gabriel Zuchtriegel, nessuna dichiarazione. Chissà perché.

https://www.ilgiornale.it/news/politica/pompei-nella-bufera-nuovo-direttore-carro-lusso-zittisce-1927198.html


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news