LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

«Il castello svevo di Rende sia messo in sicurezza»
Corriere della Calabria 9/3/2021

Rende. Il caso del castello svevo di Rende finisce al ministero dei Beni culturali. Con una lettera inviata al ministro Franceschini, al direttore del Segretario regionale della Calabria per la Cultura e al Soprintendente per l’archeologia, belle arti e paesaggio per la provincia di Cosenza, Marina Simonetti, presidente dell’associazione AttivaRende, Mauro Stellato, segretario della Federazione Riformista di Rende, Francesco Beltrano, Rossana Ferrante, Sandro Principe, Annarita Pulicani, Domenico Talarico, consiglieri comunali di Rende chiedono lumi sul rispetto della normativa antisismica.

«Il maniero – scrivono – presenta una struttura mista con pareti portanti in muratura e torre civica, cordolo e travi di copertura in cemento armato; ed, inoltre, delle superfetazioni in ferro e vetro sui lati ovest ed est. La tipologia strutturale del castello è quanto di più pericoloso si possa immaginare in zona sismica di prima categoria, per come è classificato il territorio di Rende. Il comune ottenne nel 2007 dalla Regione, presidente on.Agazio Loiero, un milione e mezzo di euro per ristrutturare il castello. Quel finanziamento è stato confermato all’incirca nel 2012, assegnando al comune di Rende il ruolo di soggetto attuatore. L’Amministrazione Comunale dell’epoca provvide subito ad appaltare la progettazione dell’opera. I professionisti, vincitori della gara, consegnarono al Comune un progetto che prevedeva la demolizione di tutte le parti in cemento armato da sostituire con una copertura leggera in travi di legno e coppi, nonché l’eliminazione di tutti gli ampliamenti in ferro e vetro realizzati nel corso degli anni, per mantenere gli uffici comunali nel centro storico. Attuando il progetto aggiudicatario, si sarebbe eliminato il pericolo, sotto il profilo sismico, della pesante copertura e della pesantissima torre civica realizzate in cemento armato sulle pareti portanti in muratura ed, inoltre, il maniero sarebbe ritornato al suo aspetto architettonico originario, con il giardino sul lato est e con il grande terrazzo sul lato ovest».

«Il commissario prefettizio Valiante che ha gestito il Comune a cavallo degli anni 2013/2014 – proseguono Simonetti, Stellato, Beltrano, Ferrante, Principe, Pulicani e Talarico – rifiutò di svolgere il ruolo di soggetto attuatore che venne assegnato, dopo un ulteriore perdita di tempo per rifare l’iter, alla Direzione Regionale dei Beni Culturali che non ha tenuto in nessuna considerazione il progetto di proprietà comunale più sopra illustrato ed ha provveduto a redigere un nuovo progetto, posto a base della gara d’appalto. Il progetto appaltato non elimina le superfetazioni e, soprattutto, non rispetta la normativa antisismica vigente, la quale, giova ricordare, non consente la realizzazione di strutture miste, ancor di più se le copertura in cemento armato e la torre civica appesantiscono le strutture portanti in muratura». In altri termini, i consiglieri comunali sottolineano «che l’impegno di pubblico denaro, in misura pari a 1,5 milioni di euro, non viene utilizzato per eseguire i lavori più necessari ed urgenti, e cioè le opere di adeguamento antisismico per riportare il bene culturale in sicurezza. Inoltre, il progetto che noi contestiamo è stato ulteriormente cambiato, per destinare ben 500mila euro per l’allestimento di un museo privato (Bilotti Ruggi d’Aragona), prendendo a pretesto la necessità di esporre una collezione donata al Comune di Rende, che, però, può essere allocata in uno dei musei di proprietà comunale».

Per questi motivi chiedono in modo particolare a Franceschini, «sempre sensibile alla tutela e alla valorizzazione dei beni culturali, il rispetto della normativa antisismica vigente nel territorio del comune di Rende e, per l’effetto, di utilizzare il finanziamento pubblico pari ad 1,5 milioni, per riportare il castello Normanno-Svevo di Rende in sicurezza sotto il profilo sismico».

https://www.corrieredellacalabria.it/2021/03/09/il-castello-svevo-di-rende-sia-messo-in-sicurezza/


news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news