LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Inceneritore vicino al Giardino di Ninfa, insorge la Fondazione Caetani: "No all'impianto"
Clemente Pistilli
La Repubblica - Roma 3/3/2021

No a un inceneritore a due passi da Ninfa. Il Giardino realizzato dalla nobile famiglia romana Caetani attorno alle rovine della città morta medievale, in provincia di Latina, è un ambiente unico, dove prosperano piante di oltre mille specie diverse, originarie dei diversi Paesi del globo. Un luogo delicato e magico, definito dal New York Times il giardino più bello e più romantico del mondo. Davanti alla prospettiva della riattivazione del vecchio inceneritore della Corden Pharma Latina spa, un'azienda farmaceutica in crisi, che sorge a poca distanza dal monumento naturale, la Fondazione Roffredo Caetani, che gestisce Ninfa, è insorta.

La Regione Lazio sta esaminando l'istanza presentata dalla Corden per modificare e riesaminare l'autorizzazione integrata ambientale, con cui è stato proposto di far tornare in attività l'impianto di incenerimento. Un'operazione che la Corden intende compiere per tentare di risollevarsi dall'esposizione debitoria. La società si trova in concordato preventivo, le ha garantito supporto la Bristol-Myers Squibb, che oltre dieci anni fa le aveva ceduto proprio quello stabilimento a Sermoneta, e la Itelyum Purification srl si è detta pronta ad acquistare proprio il ramo aziendale relativo alla piattaforma ecologica. Ma ovviamente un impianto del genere non fa dormire sonni tranquilli alla Fondazione Caetani, che oggi parteciperà alla riunione della Conferenza dei servizi convocata nella sede della Regione Lazio e anche in quella sede manifesterà la propria posizione, attraverso una serie di documenti dettagliati elaborati dai propri uffici e da tecnici di fiducia.

"La forte preoccupazione e la netta contrarietà all'impianto - fa sapere la stessa Fondazione - nasce dalla vicinanza del sito al Monumento naturale Giardino di Ninfa, compreso l'area naturale del Parco Pantanello, ubicati a circa sei chilometri in linea d'aria, e dalla vicinanza di aree naturalistiche come il Monumento naturale di Monticchio, l'area Zps dei Monti Lepini e le relative aree che rientrano nel contratto di fiume Cavata e Linea Pio. Non ultima la vicinanza, tra le altre, dell'azienda agricola Gelasio Caetani".

La stessa Fondazione sottolinea inoltre che si tratta di un impianto datato e che si rischia di dar vita a un vero e proprio business legato alla lavorazione di rifiuti speciali pericolosi provenienti da siti industriali esterni al territorio. Senza contare l'aumento del traffico di mezzi pesanti nella zona per trasportare rifiuti e sostanze pericolose. Una pattumiera di veleni, in pratica, a due passi da Ninfa.

"La Fondazione Roffredo Caetani - dichiara il presidente Tommaso Agnoni - si opporrà in ogni sede, prima fra tutte la conferenza dei servizi in corso presso la Regione Lazio, alla riattivazione di questo impianto che, ribadiamo, è obsoleto, spento ormai da anni e legato ad una vecchia logica che punta ad alimentare gli affari in siti dismessi trasformandoli in veri e propri centri di lavorazione di rifiuti, in questo caso pericolosi, a due passi da un centro abitato e da aree di interesse naturalistico di livello internazionale".

Un'operazione difficile da digerire, del resto, quella dell'inceneritore in tempi in cui tanto a livello centrale quanto a livello regionale tutti assicurano che la transizione ecologica sarà al centro di tutte le politiche di sviluppo.

https://roma.repubblica.it/cronaca/2021/03/03/news/inceneritore_vicino_al_giardino_di_ninfa_insorge_la_fondazione_no_all_impianto_-290020210/


news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news