LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Mistero nella Cappella Palatina. Sparito un candelabro dall’altare
Walter Medolla
Corriere del Mezzogiorno - Campania 7/3/2021

Misteriosa sparizione al Palazzo Reale di Napoli. A mancare all’appello è uno dei candelabri dell’altare della Cappella Palatina, un pezzo di fine Ottocento-inizio Novecento, non appartenente agli arredi originari e non censito negli archivi fino al 1950.

A precisare che si tratta per ora di una “mancanza” emersa durante il lavoro di inventario è la stessa direzione del Palazzo. La scoperta sarebbe stata fatta da uno dei funzionari che durante un controllo ha notato che i candelabri presenti sull’altare, non erano più tre, bensì due. Si pensi che in origine erano addirittura sei. Nessun allarme, per ora, come dicevamo prima, ma un certo disappunto per una situazione che si sta cercando di risolvere internamente con un’indagine tra impiegati e lavoratori del Palazzo. La vicenda è avvolta da un certo mistero, perché pare che il pezzo manchi già da qualche mese, almeno da novembre, quando grazie ad alcune immagini televisive andate in onda in un servizio della testata giornalistica regionale, si poteva notare che i candelabri erano già due e non tre. Il pezzo giornalistico è stato realizzato 10 giorni dopo l’arrivo del nuovo direttore, Mario Epifani, nominato alla guida del Palazzo Reale di Napoli all’inizio di novembre dello scorso anno, poi c’è stata la chiusura dei musei causa Covid.

Il furto, la sottrazione o lo spostamento potrebbe essere avvenuto anche alcuni anni fa, è difficile poter immaginare la data esatta o il periodo. Inutile ricorrere alle immagini di videosorveglianza interne alla struttura, visto che i filmati hanno una scadenza e dopo un determinato periodo di tempo vengono cancellati. Bisognerà ricostruire la sparizione attraverso eventuali immagini fotografiche e testimonianze di impiegati e dipendenti. «Quanto accaduto a Palazzo Reale ha dell’incredibile — sottolinea il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli —. Ho scritto al direttore in maniera ufficiale per avere chiarimenti ma non ho ricevuto alcuna risposta, spero si stiano facendo i dovuti controlli e verifiche per dare risposte chiare. La questione non è gestita in maniera corretta, perché se si sapeva già da prima, bisognava denunciare subito il fatto, nel caso contrario è assurdo che sia servita la segnalazione di alcuni cittadini per far venire fuori una situazione incresciosa come questa».

Intanto la verifica interna attivata dal direttore Epifani non ha ancora prodotto alcun risultato, c’è da verificare anche se eventualmente il candelabro sia stato portato nei sotterranei di Palazzo Reale o nei magazzini, per questo dalla direzione non c’è ancora l’intenzione di parlare di furto, e anche in una eventuale denuncia da effettuare negli uffici di polizia o carabinieri, non si parlerà di furto, ma solo di “mancanza”. «La scomparsa del candelabro nella cappella Palatina di Palazzo Reale — spiega Antonio Pariante del Comitato civico Portosalvo — è un fatto di una gravità inaudita che ci autorizza a stigmatizzare l’organizzazione per la tutela e la conservazione del grande patrimonio artistico e culturale della nostra città che da anni continua ad essere oggetto di ruberie e trafugamenti senza limite. Ci sono tutt’oggi decine di chiese incustodite in tutto il centro storico che sono ancora alla mercé dei ladri e che nessuno protegge. Una di queste è la chiesa di Santa Croce al Mercato che recentemente ha subito l’ennesimo assalto dei ladri senza alcun rimedio».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news