LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Santa Maria a Piazza, una rara chiesa medievaleche deve essere salvata
Valentina Russo
Corriere del Mezzogiorno - Campania 6/3/2021

Entro il denso e stratificato tessuto urbano napoletano, sono soprattutto le architetture magniloquenti delle grandi basiliche a testimoniare, ancora oggi, di committenze e culture del Medioevo riconducibili alla presenza della corte angioina in città. Molto frammentarie sono, invece, le evidenze delle fabbriche che precedono il secolo tredicesimo e ascrivibili al lungo periodo che, dal primo Cristianesimo, attraversa la Napoli bizantina, ducale, normanna e sveva. Una circostanza, quest’ultima, le cui cause storiche sono innumerevoli e che, al contempo, apre ancora vaste prospettive di conoscenza e di tutela attraverso metodiche interpretative sempre più aggiornate. Entro tale sfondo più generale, possiamo affermare che la chiesa di Santa Maria a Piazza nell’antica Regio Furcillensis costituisca un tassello prezioso per la comprensione della città che precede l’anno Mille e per la messa a fuoco di dinamiche sociali e dei fattori religiosi che l’hanno attraversata.

Sottratto all’uso pubblico dagli anni Novanta del Novecento e inglobato dal 2009 in una selva di puntelli, lo spazio della chiesa è invisibile per quanti vivono il quartiere di Forcella da troppi anni. Presidiata a causa di dissesti strutturali diffusi, la chiesa di Santa Maria a Piazza – in antico anche definita come Santa Maria de Merulo comite – è, invero, una rara testimonianza architettonica della Napoli medioevale, riferita da eruditi del passato ad origini costantiniane e alla preesistenza di una cappella riccamente decorata di cui al presente nulla è noto. Ciò nonostante, la conservazione di frammenti di opere d’arte già collocati nella chiesa – l’iscrizione funeraria del Duca Bono morto nel 834 e resti di plutei – lascia propendere per una datazione della fabbrica anteriore al terzo decennio del nono secolo. Al fianco dello spazio chiesastico e in corrispondenza di vico Scassacocchi si ergeva, inoltre, la torre campanaria rivestita interamente in laterizio, la cui cronologia appare piuttosto controversa sebbene il manufatto fosse assimilabile, anche figurativamente, al campanile della Pietrasanta. Alla base della torre di Santa Maria a Piazza, come nell’omologo campanile citato, erano reimpiegati, quali spolia, possenti rocchi di colonne scanalate.

Trascorsa una lunga storia che vedrà la chiesa detenere il titolo abbaziale e, dagli inizi del Cinquecento, essere sede di parrocchia, nel 1904 fu decretato il suo destino in quanto coinvolta nei programmi di Risanamento della Vicaria vecchia. L’obiettivo di garantire, attraverso l’allargamento della sede stradale di via Forcella, una migliore mobilità est-ovest si rifletté nel progetto di riduzione dell’ingombro della chiesa resecandone le tre campate allineate lungo il precorso viario. Altrettanto insensibile nei confronti di un Medioevo ancora poco apprezzato dai più fu la decisione di coinvolgere nelle demolizioni l’adiacente torre campanaria.

Seguirono due decenni di proposte alternative e di querelle s tra una cultura storico-umanistica, tesa a preservare la preziosa architettura medioevale, e l’aspirazione alla regolarizzazione, di stampo «ingegneristico», di una parte «insana» della città storica. Accanto al soprintendente Adolfo Avena, molti furono coloro che si batterono per salvare l’integrità della chiesa e per risparmiarne il raro campanile adiacente: intellettuali, archeologi e architetti – quali Raffaele D’Ambra, Gennaro Aspreno Galante, Giuseppe Pisanti, Silvio Castrucci, Giuseppe Ceci, Giulio de Petra e Antonio Sogliano – impegnarono congiuntamente le loro energie culturali per scongiurare la perdita delle fabbriche di Santa Maria a Piazza. Prevalsero, di contro, le ragioni del Municipio per le quali nulla poté la debole tutela nella Napoli del primo dopoguerra. Nel marzo 1922 la Commissione Comunale dei Monumenti votò a maggioranza la totale demolizione del campanile medioevale. Nel 1924 il programma di abbattimento e di «riduzione» della chiesa fu completato.

Quanto è oggi di Santa Maria a Piazza, in uno stato di diffuso degrado di strutture e finiture, mal si accorda con i significati che tale architettura ha accumulato attraverso la sua storia. Parimenti, la condizione di «oblio» della fabbrica nel presente sottrae alla comunità urbana e di quartiere un potenziale, fecondo, apporto in chiave sociale e culturale.

Occorre fare tesoro delle battaglie combattute da quanti ci hanno preceduto e dimostrare di non averne disperso il messaggio. A distanza di un secolo dal «piccone demolitore», i tempi sono maturi, anche simbolicamente, per restituire alla comunità un prezioso palinsesto di Storia.

Professore ordinario di Restauro dell’Università Federico II di Napoli



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news