LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Forcella non può rinascere senza Santa Maria a Piazza
Luigi La Rocca
Corriere del Mezzogiorno - Campania 5/3/2021

Chi ha l’età per farlo non può non ricordare, con qualche angoscia, la selva di tubi innocenti e la rete di barriere costituite da quei muretti che oggi definiremmo «jersey», che costellavano il centro storico di Napoli dopo il terremoto del 1980.

Puntelli, opere provvisionali, segni di quelli che dovevano essere immediati e provvisori interventi di messa in sicurezza del patrimonio costruito e che invece hanno segnato quel paesaggio urbano per anni, sebbene certo non peggiori di maldestri lavori di consolidamento con cui ancora oggi i progetti di restauro, anche di edifici monumentali di particolare pregio e di complessi pluristratificati che raccontano l’intera storia della città, si devono confrontare. Frutto anche, purtroppo, dalla mancata interazione tra istituzioni pubbliche e dell’assenza di una visione che privilegiasse forme di collaborazione tendenti ad esaltare le competenze e l’approccio multidisciplinare, ad esempio tra università e soprintendenze.

Tuttavia il post terremoto fu caratterizzato anche da un intenso dibattito intorno alla «ricostruzione», che vide impegnati architetti restauratori, urbanisti, pianificatori, archeologi e naturalmente, amministratori pubblici, sui possibili sviluppi della città e, in particolare, del centro antico, da cui scaturirono idee e progetti, in alcuni casi un po’ bizzarri e si spera definitivamente confinati nel regno dell’impossibile, in altri invece portatori di interessanti iniziative tese a garantire, attraverso la salvaguardia e il recupero del patrimonio culturale, la riqualificazione e la valorizzazione di interi comparti della città storica. Idee e progetti che certamente hanno favorito l’inserimento il centro storico di Napoli nell’elenco dei beni patrimonio dell’umanità dell’Unesco nel 1995 e da cui è scaturita la variante al Piano regolatore del 2004, elaborata attraverso un complesso iter avviato con la variante di salvaguardia nel 1998 e che pone al centro la tutela e il ripristino dell’integrità fisica e dell’identità culturale del territorio mediante il recupero della città storica e la valorizzazione del territorio di pregio ambientale e paesistico, un punto di partenza ineludibile per qualsiasi nuova idea della città.

I fondi europei hanno consentito di realizzare o di avviare importanti progetti di restauro di siti archeologici o di complessi monumentali che hanno contribuito a cambiare il volto del centro storico, oggi attraente per i turisti, cosicché quelle transenne e quei tubi innocenti sembrano solo un lontano ricordo.

Tuttavia di quel passato non tutte le ferite sono state rimarginate; rimane un tessuto urbano complesso perché pluristratificato, e fragile perché contrassegnato per lo più da una edilizia di scarsa qualità, ma vivissima, che tende a fagocitare nel suo degrado ogni singola emergenza, anche quelle monumentali. Tra queste la chiesa di Santa Maria a Piazza, alle porte di Forcella, da decenni ingabbiata tra tubi innocenti che non solo nascondono quel che resta delle sue architetture ma rischiano di vanificare i processi di riqualificazione del quartiere che coinvolgono le forze attive della città, pubbliche, private, dell’associazionismo illuminato e che passano anche e soprattutto attraverso il recupero del patrimonio culturale, delle molteplici testimonianze archeologiche e architettoniche che Forcella contiene e che ci stiamo sforzando di rendere fruibili.

Perché se la conservazione dei beni culturali è un dovere, per chi ne è il proprietario ma anche per chi ha il compito istituzionale di garantire la loro tutela, fondamentale è associare al restauro prospettive di valorizzazione definite anche da nuove destinazioni d’uso del bene che, come indicato dal vicepresidente de «L’Altra Napoli», Antonio Lucidi, ieri su queste stesse pagine, ne contemplino la restituzione alla comunità affinché essa ne riconosca il valore e, riconducendolo alla sua memoria storica e identitaria, ne condivida le esigenze di conservazione. E nel caso di Santa Maria a Piazza non sarà difficile progettare il restauro e insieme definire le attività culturali e sociali di cui essa potrà diventare futuro contenitore.

Soprintendente archeologia,belle arti e paesaggioper il Comune di Napoli



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news