LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Piemonte. Tornano nel castello i dipinti rubati
Massimo Massenzio
Corriere della Sera - Torino 6/3/2021

Non avevano nessuna documentazione, nessun certificato di proprietà eppure erano stati messi in vendita in una nota casa d’aste torinese e inseriti nel catalogo online. Cinque preziosi quadri settecenteschi dipinti da Francesco Antoniani, rubati durante un clamoroso furto nel castello di Moretta, sono stati recuperati dai carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale. Le tele erano state trafugate nel 1988 e all’epoca erano state valutate 160 milioni di lire, ma dopo 23 anni il loro valore è crollato a causa dei danneggiamenti subiti. Ieri i quadri sono stati restituiti, ma prima di tornare nelle stanze del maniero avranno bisogno di un restauro. Le indagini erano iniziate subito il furto, durante il quale una banda di ladri era riuscita a dare l’«assalto» al castello superando l’antico fossato di protezione e le grate di protezione. Indisturbati, avevano disattivato l’impianto di allarme e razziato mobili e preziosi. Fra i pezzi pregiati anche 4 dipinti e un soprapporta commissionati all’artista lombardo Francesco Antoniani. Raffiguravano cinque episodi della vita di Mosè e dal giorno dopo il colpo, nessuno ne seppe più nulla, ma nel 2019 gli investigatori, coordinati dal tenente colonnello Silvio Mele, sono riusciti a individuarli nel catalogo di una vendita all’incanto in programma a maggio. Il confronto con le immagini nella banca dell’Arma non lasciava spazio a dubbi, nonostante la «falsa identità» con la quale erano stati pubblicizzati. A metterli in vendita era stato un 63enne torinese che li aveva appena ereditati dal padre, morto pochi mesi prima. «Era un collezionista, i quadri erano la sua grande passione – ha riferito ai carabinieri, senza opporsi al sequestro – Ma non so dove e come se li possa essere procurati». Nessun provvedimento è stato adottato nei confronti dell’uomo e neppure dei responsabili della galleria (che non avevano minimamente verificato la provenienza delle opere) e adesso i quadri potranno tornare a casa. I danni subiti, però, sono notevoli, in alcuni casi si è verificata una perdita di colore e il loro valore si è ridotto a circa seimila euro ciascuno, almeno secondo la valutazione della casa d’aste. «La banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti è il più grande database di opere d’arte rubate al mondo – ricordano i carabinieri – E può condurre, anche a distanza di molto tempo, alla ricomposizione di importanti collezioni».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news