LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. Preso il ladro di libri che rubava nelle biblioteche. Aveva 1.100 opere
Gi.Co.
Corriere del Veneto, Venezia e Mestre 4/3/2021

Sulla tessera della biblioteca pare si identificasse come «ricercatore universitario» anche se in realtà era da tempo disoccupato. Ma, in effetti, il suo era davvero un lavoro certosino di «ricerca» e, per portarlo avanti, non esitava a spostarsi attraverso mezzo Veneto, non rinunciando a sconfinare anche in Emilia e Friuli. Il suo lavoro di raccolta, che senza dubbio ha richiesto degli anni, è stato scoperto lunedì mattina dagli agenti della polizia locale di Venezia, allertati dal personale della biblioteca civica di Mestre: era scattato l’allarme delle placche anti-taccheggio e, dalle telecamere, erano convinti di aver riconosciuto un possibile ladro di libri, forse responsabile di aver fatto sparire una ventina di volumi. Quando è stato fermato dai vigili in borghese all’uscita l’uomo, 48 anni, aveva nello zaino tre tomi ormai senza targhetta antifurto; gli agenti però non si sono accontentati e hanno deciso per una perquisizione domiciliare. Non potevano immaginare cosa si sarebbe parato loro davanti: in casa, a Dolo, nel Veneziano, l’uomo nascondeva più di 1.100 libri rubati, stipati tra scaffalature, tavoli, scatoloni, persino buste di plastica della spesa gonfie a scoppiare e ammassate a decine; in totale, il valore stimato dei testi superava gli 80 mila euro: erano per la maggior parte volumi specialistici, libri di testo universitari, pubblicazioni scientifiche il cui prezzo, in libreria, oscillava tra i 70 e i 100 euro; chimica, fisica, matematica, algebra, scienze dei polimeri, principi di fisica aeronautica, elettrochimica, propulsione magnetica, diverse biografie e volumi storici, addirittura intere enciclopedie composte da decine di volumi, portate via un pezzo alla volta. Le etichette identificative hanno permesso ai poliziotti di confermare l’origine dei libri, rubati nelle biblioteche universitarie di Venezia, Padova, Udine, Ferrara e in quelle pubbliche di Spinea, Bassano, Martellago, Mira, Padova, Borgo Valsugana, Mirano, Scorzè, Castel Tesino, Ponte San Nicolò, Mogliano Veneto, San Donà di Piave, Portogruaro, Abano Terme, Noale e Vicenza, oltre a quelle di laguna e terraferma veneziana. Se a Spinea, a Vicenza e a Udine erano stati sottratti 35, 25 e 43 tomi, all’università Ca’ Foscari si arrivava a quota 260, all’ateneo padovano ben 423; anche alla biblioteca civica di Mestre le stime sono state abbondantemente superate: non 20 libri, ma 113. L’uomo, che viveva solo con l’anziana madre, ha spiegato di aver lavorato in passato in ambito universitario, con contratti a tempo indeterminato, ma da diversi anni risulta disoccupato; difficile capire cosa intendesse fare con i libri rubati, anche se non si può escludere la possibilità che intendesse rivenderli nel circuito dell’usato, tutto è ancora da chiarire.

Per il 48enne è arrivata una denuncia per furto pluriaggravato continuato e ricettazione. Ora resta un lungo lavoro di riconsegna da completare, complicato dove manchino le documentazioni aggiornate: basti pensare che la sola Ca’ Foscari conta oltre un milione e 200 mila testi in consultazione tra nove biblioteche, impossibile un inventario continuo.



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news