LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

«I musei sono come gli ospedali. Offrono cure per l’incompetenza»
Francesca Bonazzoli
Corriere della Sera - Milano 1/3/2021

Artista, scrittore, poeta, giornalista, uomo di teatro, autore di radiodrammi e installazioni musicali, Emilio Isgrò, siciliano classe 1937, quattro Biennali veneziane alle spalle, un primo premio alla Biennale di San Paolo e decine di mostre nel mondo, vive a Milano dal 1956 e lo scorso anno è stato insignito del riconoscimento dell’Ambrogino d’Oro.

Maestro, la quinta edizione di Museo City, la festa dell’arte che avrebbe coinvolto 90 musei milanesi dal 2 al 7 marzo è stata annullata a causa della risalita dei contagi ed è ora fruibile solo sul web. Il titolo è «I musei curano la città»: un’esagerazione?
«Per nulla. Penso ai musei come agli ospedali dove riceveremo un vaccino non meno necessario di quello che ci viene offerto dai medici: il vaccino contro l’indifferenza e l’incompetenza. Perché l’arte, come diceva Picasso, non serve a decorare gli appartamenti, e neppure a rimpinguare il listino di Borsa, ma a schiudere prospettive inattese».

Teme che la lunga chiusura della cultura faccia perdere alla gente l’abitudine di andare a teatro, al cinema alle mostre?
«Certamente è un rischio. Ma so anche che è sulle rovine che i milanesi hanno sempre tirato fuori i risultati migliori della loro passione e della loro intelligenza. La cultura era ferma da prima dell’arrivo del virus perché viviamo ancora sulla creatività degli anni ‘50 e ‘60 del Novecento. Milano era una felice eccezione che può rivivere grazie a quello slancio che viene dopo le tragedie. E proprio qui che si apre uno spazio all’innovazione e alla nascita di nuovi linguaggi».

Dopo le sollecitazioni degli assessori alla cultura di molte città, con capofila il nostro Filippo Del Corno, il ministro Dario Franceschini ha fissato la data di riapertura dei teatri per il 27 marzo e concesso ai musei di accogliere i visitatori anche nei fine settimana. È un buon segno?
«Sì, buonissimo. Pur tra mille difficoltà tutti capiamo che senza cultura si muore più o meno come si muore di virus. Sarà una nuova cultura a vaccinarci, e senza una nuova cultura non nasce una nuova visione della realtà. Gli artisti sono qui apposta: a continuare a sognare quando intorno il mondo crolla da tutte le parti».

La cultura servirà alla rinascita di Milano?
«La ripresa del Paese non può che ripartire da questa città che si risolleverà se si prepara al dopo pandemia con le stesse armi con le quali si preparò al dopoguerra: la rinascita culturale accoppiata alla rinascita economica e produttiva. La sua più grande capacità, allora, fu quella di raccogliere le energie intellettuali che venivano da fuori, specialmente dal Sud, per restituirle al Paese e all’Europa, ancora in ginocchio, più forti e potenti. Oggi si tratta di nuovo di raccogliere le forze creative che arrivano dall’Europa e dal mondo, non solo dall’interno, per restituirle e smistarle in una logica di scambio della civiltà umana che rifiuta l’arroccamento».

Pensa che il mai realizzato museo di arte contemporanea si dovrebbe fare o non serve?
«Dobbiamo essere grati a chi ha contribuito con il design e la buona cucina all’affermazione della nostra immagine internazionale. Però intanto abbiamo imparato che senza un’arte contemporanea Made in Italy, e i nostri artisti sono valutati ancora tra i migliori del mondo, ci priveremmo di uno strumento culturale senza il quale si perde di visibilità e di prestigio con un’inevitabile perdita di peso contrattuale anche nelle trattative economiche. Non basta più l’immagine legata allo stilismo o alla buona cucina».

Quale luogo d’arte ama di più a Milano?
«Da quando sono arrivato nel ’56 ho visto nascere molte cose e ne ho viste morire molte altre. Sono convinto che ne scoprirò ancora tante».



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news