LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Colico (Lecco). Il Forte dimenticato
Fiorenzo Radogna
Corriere della Sera - Milano 1/3/2021

«Noi sopravviviamo solo perché inseriti in una rete, solida economicamente, di strutture uguale alla nostra («Il museo della guerra bianca”, organo tecnico per Regione Lombardia per la cura e il restauro di manufatti della Grande Guerra, ndr). Ma questo luogo racconta una storia importante e, se nessuno lo visita, significa scomparire. Eravamo pronti ad aprire, speravamo in una deroga già questo fine settimana, prima di tornare in zona arancione. E alla Pasqua manca un mese. Restare chiusi sarà un disastro».

Marcello Villani sposta lo sguardo verso il Monte Legnone innevato. Da anni Villani si occupa della gestione dei Forti di Colico, fra questi, il Montecchio Nord. Costruito fra il 1912 e il 1914, esempio fra i meglio conservati di architettura militare d’inizio ‘900. Nel suo ventre quattro imponenti cannoni d’artiglieria in torrette girevoli («Francesi, marca Schneider, una rarità») perfettamente conservati. I loro affusi a riposo ora mirano al Trivio di Fuentes, alla confluenza dell’Adda nel Lario e, oltre il lago, a quella Via Regina che scende verso Como. «La percorse la colonna-Mussolini in fuga da Milano. Questi cannoni, già in mano ai partigiani, gli spararono cinque colpi. Tre alti finirono sui monti; due bassi nelle acque del lago. I tedeschi avevano già mollato il Duce a Dongo e, dopo quelle bordate, consegnarono le armi per fuggire in Svizzera». A 500 metri, il Forte di Fuentes. Roccaforte spagnola del ‘600 — inserita nella stessa rete museale —, che Napoleone quasi rase al suolo nella Campagna d’Italia. Ce n’è di storia in questo fazzoletto di terra. «Ma a chi la raccontiamo? Prima dell’ultimo Dpcm, avremmo potuto aprire solo durante la settimana. Ma, in giorni feriali chi sale fin qui a visitarci? La nostra rete museale assume con regolari contratti anche a chiamata; ragazzi e stagisti appassionati che si danno da fare e ci credono. Almeno una ventina di persone. Per fortuna, per quasi nessuno è l’unica fonte di reddito».

Dentro, le mura spesse (fino a un metro e mezzo) del Montecchio Nord sembrano ancora arginare vecchie paure di invasioni austro-ungariche. Non possono nulla contro quelle attuali: «Ora aspetteremo che la situazione migliori. La pandemia, nel 2020, ha ridotto del 65-70% gli incassi — prosegue Villani —. Annullate tutte le visite scolastiche, una perdita di decine di migliaia di euro. Soldi importanti, considerando che solo mantenere i due forti ne costa altre decine di migliaia. Noi resteremo pronti ad aprire in questo mese di marzo, sempre e solo con visita guidata». Nei weekend dalle 10 alle 17 e, negli stessi orari, ogni giorno di luglio e agosto (8 euro il biglietto adulti; 5 euro per gli under 17, 11 euro il ticket cumulativo per i due forti). «Guardi laggiù — indica Villani — . Da quella strada passarono quei Lanzichenecchi raccontati dal Manzoni. Portavano la peste...». Pandemie, bastasse sparagli un colpo di cannone.



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news