LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Museo di Rivoli, la bando-mania frena la nomina di Lavazza
Gabriele Ferraris
Corriere della Sera - Torino 12/3/2021

La presidenza del Castello di Rivoli è vacante dal 13 dicembre, giorno della scomparsa di Fiorenzo Alfieri. Sono ormai trascorsi tre mesi. Il 19 febbraio scorso è scaduto il termine per candidarsi a quella poltrona. L’avviso di «evidenza pubblica» che invitava i cittadini a proporsi era stato pubblicato sul sito della Regione il 28 gennaio, senza particolare rilievo. Una semplice formalità, via.

In realtà, subito dopo la dipartita di Alfieri s’era avviata la normale procedura (quella vera) per la successione. Procedura del tutto corretta ai sensi dello Statuto che all’art. 20 non prevede alcuna evidenza pubblica, tanto meno nel caso che s’è purtroppo verificato a Rivoli. Sta scritto infatti: «Se dalla carica cessa il Presidente o uno dei Consiglieri, il Consiglio provvede a sostituirlo con propria deliberazione di cooptazione, sentito il Presidente della Giunta Regionale». Stop. Nessun cenno a bandi, evidenze e affini.

Sicché ai primi di gennaio l’assessore Poggio interpella alcuni papabili e quindi, con la benedizione del CdA, convince Francesca Lavazza ad accettare l’incarico. Scelta impeccabile: si tratta di una figura di qualità, nota e rispettata nell’ambiente internazionale dell’arte contemporanea.

Combinazione, in attesa dell’ufficialità, io lo vengo sapere per vie traverse, e com’è mio dovere il 22 gennaio lo anticipo qui, sul Corriere. Ma intanto entra in azione l’Ucas, Ufficio complicazione affari semplici. Non vorremo mica che il mite Cirio passi per un despota? Non sia mai. Scatta la pregiudiziale della «procedura di evidenza pubblica» per qualsiasi nomina, anche per quelle — tipo la presidenza di un ente culturale — che non la prevedono né per legge, né per statuto. È una pregiudiziale antica quanto inesplicabile, che si tramanda di giunta in giunta senza che nessuno capisca su quali presupposti legali essa poggi. Sollecitare i cittadini a candidarsi per quel genere di cariche ha una sua suggestione di apparente democrazia, ma in punto di diritto la nomina resta a discrezione del governatore regionale e del CdA. Il governatore indica, e il Consiglio d’amministrazione coopta. Fine del gatto.

Però una tradizione è una tradizione, e non risparmia certo il Castello di Rivoli. Quindi tutto si ferma, il 28 gennaio pubblicano la «call», aspettano le improbabili candidature, e dal 19 febbraio sono lì che fingono di ponzarci su. Spero che al più presto nominino Francesca Lavazza, e la piantino di fare i cacadubbi.

Sono gli effetti stravaganti della bandomania che da qualche anno imperversa nelle pubbliche amministrazioni. A sindaci e presidenti di Regione non par vero di esibire una «trasparenza» del tutto formale e al tempo stesso sgravarsi della responsabilità politica di piazzare un imbecille sulla poltrona sbagliata.

Il bando, se onesto, ha un senso per le cariche operative — ad esempio la direzione di un museo — che presuppongo specifiche competenze accertate da un’apposita commissione. Inoltre il professionista presta un servizio per il quale riceve una remunerazione in denaro pubblico, ed è corretto accertarsi che quei soldi non finiscano nelle tasche di un incapace sponsorizzato. Poi capita lo stesso, ma questa è un’altra storia.

Mi sfugge invece la ragion d’essere di un’evidenza pubblica per scegliere il presidente di un ente culturale. Quello non è un ruolo professionale, bensì «politico» e fiduciario: il nominato rappresenta chi lo nomina, e in sua vece si fa carico degli indirizzi e degli obiettivi dell’ente; per cui mi pare civile che il nominante indichi un nominato di suo gradimento. Oltretutto quell’incarico non dà diritto a nessun tipo di compenso: la legge invece prescrive procedure con evidenza pubblica per le assunzioni nella pubblica amministrazione, ed è palese che senza stipendio non c’è assunzione. E allora, di cosa stiamo parlando?



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news