LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Libera circolazione per le immagini di beni culturali pubblici
Giuliano Volpe
Blog di Giuliano Volpe su Huffington Post, 18/03/2021

Il tema della liberalizzazione delle immagini dei beni culturali continua ad animare il dibattito. Ora è la volta del Capitolo italiano di Creative Commons che lancia un appello agli stati membri dell’Unione Europea e agli istituti culturali (musei, archivi, biblioteche, gallerie e siti archeologici, etc.) per la liberalizzazione dell’uso delle immagini del patrimonio culturale in pubblico dominio.

Le ragioni alla base dell’appello sono evidenti e si possono così sintetizzare: 1) L’immagine di beni culturali pubblici in pubblico dominio è patrimonio di tutti; 2) La cultura può essere un volano per lo sviluppo economico.

Secondo Creative Commons Capitolo Italiano solo in tal modo si può attuare l’art. 14 della direttiva 790 del 2019 della EU sul diritto d’autore nel mercato unico digitale. È questa l’occasione per una interpretazione ampia della norma prevedendo la rimozione dei diritti connessi sulle immagini riproducenti opere delle arti visive di pubblico dominio qualora «l’atto risultante dalla riproduzione non sia di per sé opera originale».

Si chiede, sostanzialmente, di favorire la libera circolazione, per qualsiasi fine, delle immagini di beni culturali pubblici non più protetti dal diritto d’autore.

L’appello, sottoscritto dalla maggior parte dei capitoli europei di Creative Commons, ha finora raccolto il sostegno da numerose importanti associazioni rappresentative del settore culturale a livello nazionale e internazionale e di associazioni rappresentative dei diritti della società civile: AIB - Associazione Italiana Biblioteche; AISA - Associazione Italiana per la promozione della Scienza Aperta; ANA - Associazione Nazionale Archeologi; ANAI - Associazione Nazionale Archivistica Italiana; ArcheoFOSS; CIA - Confederazione Italiana Archeologi; Federculture - Federazione delle Aziende e degli Enti di gestione di cultura, turismo, sport e tempo libero; ICOM Italia - International Council of Museums Italia; Wikimedia Italia; #noisiamorete; APRIL -Promouvoir et défendre le logiciel libre; Communia; Free Knowledge Advocacy Group EU (Wikimedia); Hermes Center for Transparency and Digital Human Rights; ICA - International Council on Archives.

La grave crisi creata dall’emergenza sanitaria ha evidenziato la centralità della rete e del digitale nel comunicare al pubblico il patrimonio culturale stimolando in tutto il mondo iniziative volte a offrire il libero riuso, anche per fini commerciali, delle risorse digitali in rete per superare le distanze fisiche imposte dalle misure di contenimento del contagio: si tratta di esperienze di cui sarà fondamentale fare tesoro, anche e soprattutto dopo la fine dell’emergenza, per rilanciare l’imprenditoria culturale, l’industria creativa, il turismo, nonché le attività di studio e ricerca scientifica.

C’è da sperare, quindi, che gli Stati membri recepiscano il principio enucleato dall’articolo 14 nel modo più ampio possibile, in modo da consentire agli istituti culturali di dotarsi degli strumenti legali per identificare i contenuti in pubblico dominio e di adottare le licenze aperte per il libero riuso delle immagini del patrimonio.

C’è da sperare, soprattutto, che il Piano di Rinascita e Resilienza italiano accolga tali istanze, per poter liberare energie creative e favorire nuove iniziative imprenditoriali.

I tempi per il recepimento da parte degli Stati membri europei della Direttiva europea sul diritto d’autore sono assai stretti: il termine fissato dalla Direttiva stessa scade il 7 giugno 2021.

Di qui la necessità di interpretare tale disposizione ispirandosi alle linee guida diffuse da Communia, in modo da permettere agli istituti culturali pubblici di perseguire pienamente le proprie finalità istituzionali di promozione, conservazione e divulgazione del patrimonio culturale, nello spirito dell’articolo 9 della nostra Costituzione che affida alla Repubblica il compito di promuovere lo sviluppo della conoscenza e della ricerca, insieme alla tutela del paesaggio e del patrimonio storico e artistico della Nazione.

Il Paese per ripartire davvero ha bisogno di contare sulla centralità della cultura, di sana economia della cultura, di creatività, di nuova imprenditoria culturale: la liberalizzazione delle immagini del patrimonio culturale è parte integrante ed essenziale di tale ripartenza.

https://www.huffingtonpost.it/entry/liberalizzare-le-immagini-del-patrimonio-culturale-e-parte-integrante-della-ripartenza_it_60532102c5b6f93a1d047249


news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news