LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Viterbo come Castel Gandolfo? Il Tar respinge ricorso contro vincolo Mibact
Simone Lupino
Viterbo News 24, 21/03/2021

Nei giorni scorsi il Tar del Lazio ha respinto un ricorso presentato dal Comune di Castel Gandolfo contro Mibact e Soprintendenza per chiedere l’annullamento della ''dichiarazione di notevole interesse pubblico'' di un’ampia porzione di campagna romana.

Che c’entra tutto ciò con Viterbo? In apparenza niente, nella realtà moltissimo. Si tratta infatti di un caso molto simile a quello del vincolo posto nel 2019 sull’area denominata ''Dal Bullicame e Riello alle Masse di San Sisto'', che vede contrapposti davanti alla giustizia amministrativa da una parte Palazzo dei Priori e costruttori viterbesi (rispettivamente con ricorso straordinario al presidente della Repubblica e al Tar) e dall’altra sempre i Beni culturali, in attesa di giudizio.

Il Comune di Castel Gandolfo contestava in particolare due aspetti: la legittimità della nuova classificazione, a favore di quella precedente contenuta nel Ptpr che definiva la zona come semplice ''paesaggio agrario di continuità'', e l’incidenza negativa del vincolo sulle possibilità di sviluppo urbanistico del Comune. Il Tar non ha avuto dubbi: la ''prevalenza dell’interesse paesaggistico su quello urbanistico rende infondata la censura (...). È infatti la pianificazione urbanistica a doversi conformare al valore paesaggistico, e non il contrario''.

Lo stesso principio sarà applicato anche per Viterbo? Le analogie sono molte, come detto. Nel caso di Castel Gandolfo l’estensione della nuova area sottoposta a vincolo è di circa 1400 ettari compresi tra i comuni di Marino, Castel Gandolfo e Albano Laziale; a Viterbo una superficie di 1600 ettari tra il capoluogo e il confine con il comune di Vetralla. Entrambi i vincoli vanno ad ampliare zone già tutelate: la zona di campagna romana in questione si inserisce tra il parco dell’Appia Antica, l’ambito meridionale dell'Agro romano e al confine del vincolo paesaggistico dei Castelli Romani. Per Viterbo invece il provvedimento va ad ampliare l’area protetta dell’Urcionio.

La decisione del Tar è stata appresa ''con soddisfazione'' dalla Soprintendenza: ''La sentenza, oltre a confermare la validità del provvedimento, afferma nelle maglie della motivazione alcuni importanti principi sulla tutela paesaggistica e sul rapporto tra questa e gli altri livelli di pianificazione territoriale. Viene, infatti, ribadita la competenza attribuita dalla Costituzione e dal Codice dei Beni culturali e del paesaggio, allo Stato per il tramite del Ministero per la salvaguardia del paesaggio al di sopra delle determinazioni degli Enti Locali, quindi la prevalenza dell'interesse primario paesaggistico su quello urbanistico. Essa, inoltre, riconosce che il decreto di vincolo costituisce una corretta applicazione del principio di proporzionalità nella misura in cui delimita le aree da preservare e quelle già compromesse dalla urbanizzazione spontanea e individua una gerarchia del valore agrario nei diversi tipi di paesaggio, oltre a rispettare il rapporto tra aree abitate, aree a vocazione agricola e insediamenti storici diffusi. Sebbene la difesa erariale del provvedimento sia ancora in corso e altri giudizi per aree interessate dal vincolo siano pendenti, ci sia consentito oggi rendere noto questo riconoscimento del giudice amministrativo per il lavoro profuso dalla Soprintendenza a tutela del nostro territorio. Lo sviluppo sostenibile è tale solo ove tenga conto di tutte le esigenze di tutela dell'ambiente, della cultura e del paesaggio''.

Per la cronaca va ricordato che a Viterbo contro il vincolo si era opposta anche l'Università della Tuscia limitatamente ai terreni di sua proprietà nella zona del Bullicame: orto botanico e azienda agraria. In questo caso il tribunale amministrativo si è già espresso, accogliendo invece il ricorso e annullando il vincolo.

http://www.viterbonews24.it/news/viterbo-come-castel-gandolfo-il-tar-respinge-ricorso-contro-vincolo-mibact_112867.htm


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news