LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ascoli Piceno. Dagli scavi nel Duomo Ascoli pavimenti domus e ceramiche picene
Ansa, 01/04/2021

Rinvenuti anche medagliette, crocifissi bronzo, ossa


Dagli scavi sotto il Duomo di Ascoli Piceno affiorano ritrovamenti che gettano nuova luce sull'assetto dell'area prima della costruzione dell'edificio religioso che chiude il limite orientale di piazza Arringo. Tra i resti rinvenuti ci sono oggetti devozionali - medagliette, crocifissi in bronzo, grani di rosario - oltre che ossa umane e materiale lapideo, inglobato nelle strutture del cimitero, tra cui basi di colonne, cornici modanate, pilastri scanalati e frammenti di pavimentazioni musive.

A confermarlo all'ANSA è la Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio delle Marche, impegnata nei lavori di sistemazione del cimitero ipogeo rinascimentale. Un intervento finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno.

Lo scavo, diretto da Paola Mazzieri, ha permesso di indagare parte del cimitero, individuando - spiegano dalla Soprintendenza - numerose strutture e stratigrafie del tutto nuove, riconducibili ad epoche diverse e che si sono via via sovrapposte nel corso del tempo. Andando a ritroso nei secoli, i primi sbancamenti per il cimitero furono operati tra la fine del XV e l'inizio del XVI secolo per realizzare le camere per i defunti appartenenti alle famiglie nobili e per i viandanti che morivano lontano da casa. Gli scavi rinascimentali - viene ricordato - intercettarono e distrussero le strutture pertinenti a due probabili "domus" di epoca romana repubblicana di cui sono sopravvissuti le fondazioni ed alcuni lacerti pavimentali in "cocciopesto" e "tessellatum". Le indagini archeologiche attualmente si sono concentrate nella parte settentrionale, quella a ridosso del Battistero. Le "domus" - viene ancora spiegato - sono separate da una canalizzazione che doveva raccogliere e convogliare una vena d'acqua che scorreva da sud verso nord. Lo scavo del riempimento del canale "ha permesso il recupero di materiale antico che va dal V-VI secolo d. C. sino a frammenti di ceramica e vetro di età altomedievale, periodo in cui l'infrastruttura deve essere stata defunzionalizzata".
Le presenze di epoca medievale nell'area sono confermate anche dal ritrovamento di una fornace che ha intaccato le strutture della "domus" occidentale. Infine, nella galleria occidentale subito sotto la facciata della cattedrale, laddove si è conservata una stratigrafia più consistente, sono state individuate due grandi fosse di forma circolare contenenti materiale ceramico di epoca picena: la presenza di queste buche - dicono dalla Soprintendenza - attesterebbe una fase di frequentazione addirittura più antica dell'urbanizzazione di epoca romana repubblicana. (ANSA).

https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/arte/2021/04/01/da-scavi-duomo-ascoli-pavimenti-domus-e-ceramiche-picene_4fef11fa-b25c-4502-913c-c1c05daccca8.html


news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news