LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il “cumulo alla rinfusa” e la sua inapplicabilità negli appalti relativi ai “beni culturali”
8 LUGLIO 2021

APPALTI PER LE IMPRESE 0 TAG: CODICE APPALTI - ART.146 CUMULO ALLA RINFUSA


La vicenda che ha riguardato la pronuncia resa dal Tar Emilia Romagna – Sezione staccata di Parma concerne l’aggiudicazione ad un consorzio fra imprese artigiane di una gara relativa all’adeguamento sismico di un plesso scolastico. Il ricorrente – giunto secondo in graduatoria – ha sostenuto che il consorzio aggiudicatario meritava l’esclusione per aver indicato quale impresa esecutrice una consorziata priva delle classificazioni SOA richieste dalla legge di gara. Le classificazioni spese in gara infatti erano quelle proprie del consorzio e la consorziata esecutrice ne era totalmente priva. Il ricorso, pur riconoscendo l’ampia operabilità dell’istituto del “cumulo alla rinfusa”, si appuntava in particolare sull’art. 146 del Codice dei Contratti che non consente che i lavori relativi ad interventi su “beni di culturali” siano svolti da un’impresa non in possesso dei requisiti richiesti. A detta del ricorrente, rientrando l’intervento oggetto della gara in una riqualificazione di un immobile assimilabile ad un “bene culturale”, allora l’istituto del “cumulo alla rinfusa” non avrebbe potuto essere applicato.

La sentenza è di interesse poichè analizza la ratio della norma secondo cui nel settore dei beni culturali il “cumulo alla rinfusa” non deve trovare applicazione posta la necessità espressa dal legislatore di far sì che nelle specifiche gare disciplinate dall’art. 146 gli interventi oggetto di affidamento debbano essere eseguiti da parte di personale specializzato, pena la compromissione del valore dei predetti beni, che potrebbero essere danneggiati irrimediabilmente dall’operato di soggetti non in possesso di specifiche qualifiche.

Quindi il “cumulo alla rinfusa”, la cui applicazione deve essere intesa in senso ampio, trova una netta deroga nel settore dei beni culturali, laddove nel caso di partecipazione di un consorzio stabile quest’ultimo sarà tenuto ad indicare consorziate esecutrici debitamente qualificate in proprio.

Calando dette coordinate ermeneutiche nel caso concreto, la pronuncia, pur riconoscendo la correttezza “teorica” dell’assunto del ricorrente, respinge il motivo di censura sulla scorta del fatto che nel caso in esame la procedura di gara non aveva ad oggetto un intervento su una struttura qualificabile quale “bene culturale” ma su un “semplice” immobile scolastico, con la conseguenza che l’art. 146 del D.Lgs. n. 50 del 2016 non poteva trovare momento.
Invero, quella dell’art. 146 essendo una espressa deroga ad un istituto di natura “pro-competitiva” quale è il “cumulo alla rinfusa”, deve trovare una stretta applicazione ed essere utilizzata solamente in quei casi in cui si stia con certezza affidando un appalto nel settore dei “beni culturali”; cosa che, nel caso affrontato dal Tar emiliano, non si era verificata, trattandosi di un intervento su un “ordinario” immobile scolastico.

https://www.appaltiecontratti.it/2021/07/08/il-cumulo-alla-rinfusa-e-la-sua-inapplicabilita-negli-appalti-relativi-ai-beni-culturali/


news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news