LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Basi Usa alla Maddalena: Giovanardi risponde alla Camera
23/09/2005; http://www.vita.it

di Benedetta Verrini (b.verrini@vita.it

Lo stenografico dello scambio tra il ministro per i Rapporti con il Parlamento e la parlamentare Elettra Deiana, che aveva posto un'interrogazione


"Signor Presidente, signor ministro, stando a recentissime notizie di stampa, il suo Governo continua a concedere porzioni del territorio sardo alla marina militare americana". E' l'inizio dell'intervento di Elettra Deiana (Prc), che mercoled alla Camera ha posto un'interrogazione a risposta immediata al governo. Ecco lo stenografico delle richieste della parlamentare e della risposta del ministro Carlo Giovanardi:

DEIANA: Come noto, infatti, due anni fa il ministro Martino ha concesso che la presenza americana nell'isola di Santo Stefano si allargasse e mutasse segno: da punto di approdo per sommergibili nucleari a una vera e propria base.
Oggi, poi, parrebbe che questa espansione sia destinata a crescere, secondo un piano statunitense di concentrazione e rafforzamento degli insediamenti americani, fino a comprendere 86.700 metri quadrati in un'area compresa tra Santo Stefano, La Maddalena e Palau.
Chiedo, dunque, di sapere se le notizie riportate dalla stampa siano vere, in quali sedi e sulla base di quali argomentazioni e pressioni americane e, soprattutto, con quali finalit di interesse nazionale una decisione in tal senso sia stata presa.

PRESIDENTE. Il ministro per i rapporti con il Parlamento, onorevole Giovanardi, ha facolt di rispondere.

CARLO GIOVANARDI, Ministro per i rapporti con il Parlamento. Signor Presidente, l'isola di Santo Stefano una base italiana una parte della quale, sotto il comando nazionale italiano, concessa alla Marina degli Stati Uniti quale area di supporto navale sulla base di accordi sottoscritti nell'ambito della storica alleanza fra i due paesi.
Per l'utilizzazione delle basi non vige alcuna condizione di extraterritorialit, permanendo allo Stato italiano l'esercizio della piena sovranit. Esse sono concesse in uso alle forze militari NATO o statunitensi, senza che la sovranit nazionale sia in alcun modo messa in discussione.
Ci premesso, in merito a questo ampliamento, il Governo e la Difesa hanno gi avuto modo di chiarire sia le motivazioni della riqualificazione della base sia il carattere di urgenza e la reale portata dei lavori.
Al riguardo, le notizie secondo cui l'ampliamento della base risulti andare oltre i 48 mila metri cubi sono assolutamente prive di fondamento, come gi pi volte ripetuto. La Difesa, infatti, non ha ricevuto richieste per progetti infrastrutturali che si discostino da quanto era stato precedentemente concordato, ossia contenute variazioni ricomprese nel recupero di superfici oggi gi destinate, in una situazione di profondo degrado, a depositi di materiale a cielo aperto e relative, soprattutto, all'adeguamento dei manufatti alle norme in materia di sicurezza, protezione fisica e benessere del personale civile e militare che opera in quegli ambienti.
Tali valutazioni sono state istituzionalmente condivise anche dalla soprintendenza di Sassari che, dopo vari sopralluoghi e incontri in loco, ha giudicato il progetto migliorativo anche sotto l'aspetto dell'insediamento nel paesaggio, esprimendo un parere favorevole.
Altres, l'Ente parco Arcipelago de La Maddalena, interessato in proposito, non ha rappresentato alcuna eccezione. Inoltre, la tipologia, le attivit e il livello di attivit svolte e il sistema di monitoraggio e controllo messo in atto nell'arcipelago escludono pericoli per l'ambiente e la salute dei cittadini.
Quanto all'arsenale de La Maddalena, non in atto alcuna attivit per l'eventuale cessione in uso di parte o di tutto il comprensorio alla Marina americana. Parimenti, non sono concessi in uso agli Stati Uniti n la caserma Sauro, n quella Favalli, mentre l'utilizzo del diporto e di alcune banchine permessa a livello locale per motivi di sicurezza, ma non in uso esclusivo.
Riguardo, inoltre, alle presunte conseguenze negative per la salute dei cittadini e la loro sicurezza, si osserva come l'azione svolta dal Governo sia sempre stata improntata alla massima trasparenza ed indirizzata opportunamente ad armonizzare i molteplici aspetti che attengono alla sicurezza, all'impatto ambientale e allo sviluppo turistico ed economico dell'area (dove passa le vacanze, come noto, anche il Presidente del Consiglio), nel rispetto dell'autonomia politica e amministrativa della regione Sardegna.

Infine, quanto alla richiesta dell'onorevole interrogante sull'opportunit di investire della problematica il Parlamento, opportuno ricordare che la Camera ha approvato, nella seduta del 26 febbraio 2004, una mozione presentata dall'onorevole Anedda, che impegna il Governo a portare avanti la realizzazione della riqualificazione del punto di appoggio logistico dell'isola di Santo Stefano.

PRESIDENTE. L'onorevole Deiana ha facolt di replicare.

ELETTRA DEIANA. Signor ministro, mi dichiaro ovviamente insoddisfatta, perch su questa materia, come sempre, vige un clima da porto delle nebbie, ossia non si sa mai esattamente di cosa si tratti.
Innanzitutto, voglio farle presente che non ci sono state smentite ufficiali da parte del Governo, n di nessun altro tipo, delle notizie che sono circolate sui giornali nazionali circa il piano americano che dovrebbe essere presentato il mese prossimo alle autorit italiane. Non ci sono state smentite e il presidente della regione Sardegna ha chiesto continuamente un incontro con le autorit americane. Ci lascia supporre che vi siano delle preoccupazioni anche da parte sua.
Lei sa benissimo che il Memorandum del 1972 segreto e che non mai stato sottoposto a ratifica da parte del Parlamento. Lei sa benissimo che il ministro Martino ha operato una concessione di rafforzamento della presenza americana, che non soltanto funzionale all'utilizzo dell'approdo, ma, in realt, si traduce in un vero e proprio insediamento americano, in una vera e propria base, mentre il famoso Memorandum del 1972 presupponeva soltanto il diritto ad un approdo.
Quindi, siamo di fronte a un continuo slittamento dei benefici di cui la Marina militare americana gode sull'isola di Sardegna e ad una continua e reiterata latitanza del Governo rispetto alla necessit di rispondere con piena trasparenza e di rendere chiaro il contesto entro cui il Governo si muove.


http://www.vita.it/articolo/index.php3?NEWSID=59765


news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news