LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA: Legge Sgarbi. Alcune riflessioni.
di Carmelo Nigrelli
POST-IT [20] del 18.12.2004 WWW.piazzagrande.it



Come stato anticipato da alcuni organi di stampa nei giorni scorsi, la questione dello scontro tra l'assessore regionale dei BBCCAA e l'on. Sgarbi su chi avesse titolo a assumere decisioni relative al monumento romano, stata presa in mano dal Presidente della regione e risolta con l'inserimento di un articoletto nella legge finanziaria regionale attraverso il quale si autorizza la giunta regionale a nominare un Alto Commissario che abbia il compito di coordinare tutti gli interventi da attuare per la tutela e la valorizzazione del monumento provvedendo a predisporre, promuovere e coordinare tutti gli interventi per la conservazione, la tutela e la valorizzazione della Villa Romana di Piazza Armerina.
Addirittura, ma limitatamente agli interventi sul sito, a valere sulla misura 2.01 Azione B del P.O.R. Sicilia 2000-2006, cio ai 18 milioni di euro stanziati per il restauro e la copertura, l'Alto Commissario esercita tutti poteri di gestione e d' amministrazione del dirigente generale e del dipartimento Beni Culturali al quale per tale attivit equiparato. Il Commissario resterebbe in carica fino al completamento degli interventi finanziati nell'ambito del POR, cio, al massimo, fino al 2008.
Nell'articolo si legge che il commissario deve essere un soggetto esterno particolarmente qualificato nella materia dei beni culturali e che il suo compenso, che dovr essere stabilito nel decreto di nomina, sar pagato con le somme provenienti dal 30% degli incassi dei biglietti della Villa stessa che incasser il comune in base alla convenzione (di cui si molto parlato negli ultimi mesi) la quale dovr essere stipulata entro due mesi.
Per evitare che il comune possa vedere ridotte le somme nella propria disponibilit, l'articolo prevede che non si applica al Comune di Piazza Armerina il limite del 30 percento dei proventi derivati dalla vendita dei biglietti di accesso.
L'articolo approvato prevede anche quali strutture vengono messe a disposizione dell'Alto Commissario che si avvarr di uffici della sovrintendenza di Enna nonch degli altri uffici interessati (cio della struttura del Museo regionale della Villa, dove dovrebbe installarsi), anche appartenenti ad amministrazioni locali (cio gli uffici del Comune e della Provincia).
Un articolo di questa portata, inserito com' ormai d'uso in Sicilia nella legge finanziaria che da anni si configura come "legge omnibus", consente di fare alcune riflessioni.
Cominciamo dalla questione specifica.
Fino ad ora l'on. Sgarbi ha potuto parlare pi o meno liberamente di come intendeva affrontare la questione della progettazione degli interventi sulla villa, rivendicando un ruolo da king maker, libero dai vincoli delle leggi. Durante il convegno di IN-Arch Sicilia ha pi volte ribadito, facendo riferimento ad analoghi casi del passato, che voleva la libert di scegliere direttamente il progettista cui affidare l'opera.
Poteva farlo, ovviamente, perch non aveva alcun ruolo ufficiale. Ora, o meglio dopo il decreto di nomina che interverr se il Commissario dello Stato riterr legittima la norma, egli sar equiparato al Direttore dell'Assessorato, assumendone anche le responsabilit gestionali e amministrative, e dovr coordinare i funzionari e i dirigenti delle amministrazioni pubbliche.
Adesso non potr pi prescindere dalle norme vigenti, per esempio dalla legge sui Lavori pubblici che stabilisce come si affidano gli incarichi di progettazione e come si affidano i lavori. Una legge che regionale, ma che recepisce quella nazionale che, a sua volta, segue le direttive UE. Non sar in alcun modo possibile fare cose diverse da quelle consentite dalla legge.
Penso, ad esempio, che non potr affidare direttamente la progettazione, dato l'importo dei lavori, a un tecnico di sua scelta e non sar facile aggirare la norma con altri meccanismi, come ho gi scritto nel post-it precedente.
In questo senso si deve interpretare l'affermazione di Sgarbi con la quale ha annunciato che :lavorer su una linea progettuale Meli-Canali, con l'Istituto regionale del restauro, per la copertura della Villa romana del Casale. L'ipotesi dunque di integrare nel progetto dell'arch. Meli, alcune intuizioni dell'arch. Canali individuando una soluzione che potrebbe non essere lontana da quanto auspicato dai massimi esponenti italiani del restauro architettonico firmatari dell'appello. Ma, a questo punto ci si domanda: che motivo c'era di perdere sei mesi per giungere a questa conclusione?
In secondo luogo (ma si tratta, secondo me, di un ragionamento puramente teorico, poich, come dicevo, la soluzione difficilmente sar scelta da lui direttamente) non avr pi alibi circa la tipologia di intervento, se fare la manutenzione della copertura Minissi (che ha sempre escluso) o una sua reinterpretazione o la famigerata cupola che egli stesso ha pubblicamente bocciato al teatro Garibaldi.
Una terza questione locale, ma che ha rilevanza pi generale quella del Museo regionale della Villa romana, una struttura tecnico-amministrativa della Regione siciliana, composta da oltre 25 persone, che costa, solo per gli stipendi, qualche centinaia di migliaia di euro all'anno e che, dopo essere di fatto ignorata durante questi mesi, verrebbe ormai formalmente scavalcata dall'Alto commissariato. Non una questione che riguarda il corretto uso delle risorse finanziarie pubbliche? La Corte dei Conti non avr nulla da dire, nel momento in cui si spenderanno altre centinaia di migliaia di euro per l'Alto commissariato?
Ci sono poi altre questioni di portata pi generale.
Siamo certi, innanzitutto, che un alto commissariato possa disporre dei fondi POR? Io non ne sono troppo sicuro.
Ma andiamo oltre.
Di fatto il Governo regionale ha imposto anche alla sua maggioranza recalcitrante (come dimostra il fatto che una ventina di deputati di centro destra ha votato contro) una norma che porta con s lo smantellamento dell'amministrazione dei beni culturali in Sicilia, come ha denunciato l'on. Tumino (la Sicilia del 18 dicembre)
Io, se fossi il sindaco di Siracusa o di Agrigento, chiederei subito a Cuffaro di istituire un alto commissario a me gradito per la neapolis o per la Valle dei templi. Nel giro di qualche mese ci potrebbero essere sei, sette o dieci alti commissari, equiparati al direttore (il quale non dirigerebbe pi quasi nulla), con costi esorbitanti.
Io credo che il centro sinistra a livello regionale, nella sua interezza, dovrebbe fare di questo aspetto una battaglia politica campale, ma dubito che ci avverr.
Un'altra questione potrebbe essere approfondita circa l'eccesso di potere che si d al commissario rispetto ai compiti degli enti locali, provincia, ma soprattutto, comune, i quali sono tutelati a livello costituzionale.
A parte il caso specifico di Piazza, dove sia l'amministrazione comunale che quella provinciale sono consenzienti, cosa succederebbe se uno degli enti locali fosse in dissenso rispetto a una tale eccentrica impostazione?
Infine, per il momento, la questione del 30% di fondi provenienti dai biglietti e di competenza del Comune. La convenzione che dovr stabilire come potranno essere spesi dovr certamente essere approvata dal Consiglio comunale che si gi espresso sulla questione. La legge dice che il limite del 30% sar innalzato, fino al 2008, per pagare il commissario.
Allora occorrer innanzitutto capire quanto coster questa figura e tale somma non potr che essere aggiuntiva rispetto al 30% come dovr essere aggiuntiva ogni altra spesa che riguarder, in qualunque modo, l'ufficio del commissario che essendo una struttura regionale, non potr gravare sui fondi comunali, come ha correttamente affermato l'on. Crisafulli (la Sicilia del 18 dicembre). Per lo stesso motivo, il 30% non potr essere nella disponibilit del commissario, ma del comune (che, ricordiamo, ha un consiglio comunale che non concorda con il sindaco, a riguardo) e che l'uso di tali somme sar stabilito proprio nella convenzione.
Come si vede l'approvazione dell'articolo di legge pone una notevole quantit di questioni che potrebbero addirittura renderlo inefficace, aumentando il rischio della perdita dei finanziamenti.

www.piazzagrande.it


news

13-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news