LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LE INTEGRAZIONI AL CODICE DEI BENI CULTURALI
18/11/2005 Comunicato MIBAC



BENI CULTURALI
Il Consiglio dei Ministri ha licenziato il decreto legislativo recante disposizioni correttive ed integrative del Codice dei beni culturali e del paesaggio (d.lgs. 22 gennaio 2004, n. 42), cos come previsto dall'art. 10, comma 4, della legge-delega 6 luglio 2002, n. 137.
Si tratta, in particolare, di aggiustamenti suggeriti dall'esperienza dei primi diciotto mesi di applicazione del Codice. Si proceduto, da un lato, alla riformulazione di alcune norme per rendere pi intelligibile la volont del legislatore e quindi favorirne l'attuazione; dall'altro, sono state eliminate dal testo le disposizioni nel frattempo abrogate, integrandolo con le norme sopravvenute.
Sotto quest'ultimo aspetto, certamente il pi rilevante, rientrano le modifiche alle disposizioni di cui agli artt. 10, 12, 29, 115 e 182.
In particolare, all'art. 10, sono state conciliate due esigenze: da una parte quella di conferire alle monete di interesse numismatico una maggiore visibilit nell'ambito degli oggetti da collezione meritevoli di tutela; dall'altra, quella di evitare una diminuzione della tutela rispetto al mercato numismatico, (in particolare in riferimento alla recente norma di cui all'art. 2-decies del d.l. 26 aprile 2005, n. 63, introdotto dalla legge di conversione 25 giugno 2005, n. 109).

L'intervento sull'art. 12 a sua volta conforma il testo ai principi generali dell'ordinamento in tema di procedure amministrative (in particolare all'art. 20, comma 4, della legge n. 241/90 di recente novellato) ribadendo l'inapplicabilit ai beni culturali e paesaggistici del meccanismo del silenzio-assenso; viene inoltre formalizzato il venir meno della fase emergenziale, di natura transitoria che pur non avendo dato luogo a effetti pratici, aveva ingenerato equivoci nella pubblica opinione (cfr. le disposizioni dell'art. 27 del d.l. 30 settembre 2003, n. 269-convertito nella legge 24 novembre 2003, n. 226 in materia di verifica dell'interesse culturale dei beni pubblici interessati dalle procedure di dismissione).
In materia di percorsi didattici per la formazione dei restauratori e di insegnamento del restauro, sono stati apportati significativi ritocchi al testo dell'art. 29, concordati con il Ministero per l'istruzione, l'universit e la ricerca ed stato previsto l'avvio, in via sperimentale, di un corso di laurea a Venaria Reale.
Le modifiche apportate all'art. 115 fanno chiarezza per quanto riguarda il ricorso a strumenti di tipo privatistico per la valorizzazione dei beni culturali qualora non sia praticabile attraverso le strutture pubbliche. Tra l'altro, viene disciplinata la partecipazione del Ministero ai soggetti giuridici da costituire al riguardo, consentendo di assumere tutte le forme consentite dall'ordinamento; con apposito contratto di servizio, sar possibile stabilire le modalit di esercizio dei poteri riconosciuti al Ministero, cos da garantire sia la rispondenza delle attivit di valorizzazione alle previsioni progettuali, sia la loro conformit alle esigenze di tutela.
Infine, all'art. 182, sono stati precisati meglio taluni aspetti della disciplina transitoria per il conseguimento della qualifica di restauratore, in attesa della entrata a regime della disciplina dettata dall'art. 29.

PAESAGGIO
Il Consiglio dei Ministri ha approvato inoltre in prima lettura la revisione della Parte Terza del Codice, riguardante il paesaggio.
Il testo contiene significative novit volte ad accelerare il superamento della fase transitoria prevista dal Codice e ad aumentare la efficacia concreta della tutela. Viene incentivata l'opzione dell'elaborazione congiunta tra regioni e Stato dei piani paesaggistici, fino ad ora rimasta inattuata, prevedendo che in caso di elaborazione unilaterale da parte della regione la soprintendenza possa esprimere un parere vincolante sul rilascio dell'autorizzazione paesaggistica; la disciplina di quest'ultima, che mantiene in generale il divieto di sanatoria, viene raccordata con la disciplina delle sanzioni amministrative, che era rimasta quella della legge sulle bellezze naturali del 1939 e che viene adeguata, recependo la possibilit di sanatoria limitata agli abusi c.d. minori gi introdotta dalla legge 308/2004 sul condono paesaggistico; inoltre vengono posti limiti temporali per la conclusione dei procedimenti vincolistici, a salvaguardia della posizione dei proprietari interessati.
L'obiettivo quello di fare delle previsioni di tutela e valorizzazione del paesaggio uno strumento di indirizzo delle trasformazioni del territorio, aumentando la trasparenza, la comprensibilit e la condivisione sociale dei vincoli e dando certezza alla repressione degli abusi sostanziali.

Il testo verr ora sottoposto alla Conferenza Stato-Regioni ed alle Commissioni parlamentari



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news