LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Soldi alle universit: ma quali?
sapereefuturo.it

Lettera aperta al personale dell'Universit di Pisa e a tutti coloro che sono interessati al suo futuro.


Abbiamo pensato di condividere qualche riflessione, fortemente preoccupata, sulla vicenda della scuola IMT di Lucca, alla luce dei recentissimi sviluppi. Gioved 10 novembre, in Senato, il governo ha posto la fiducia sull'emendamento alla finanziaria 2006: un piccolo comma, difficile a decifrarsi, ha gettato le basi per la "istituzionalizzazione" dell'IMT di Lucca, insieme all'Istituto Italiano di Scienze Umane di Firenze; in poche
parole, queste due scuole di (autoproclamata) eccellenza, nate pochi mesi fa come scuole di dottorato di ricerca, ottengono un finanziamento, consolidato per gli anni a venire, di 1,5 milioni di euro annui, che andranno a far parte del fondo di finanziamento ordinario (FFO) delle universit - preludio
al loro definitivo riconoscimento come nuove istituzioni universitarie.
Detto e fatto: con una velocit senza precedenti - e senza scrupoli - la ministra Moratti ha infatti firmato, lo scorso venerd 18 novembre, il decreto che riconosce alle due scuole il nuovo status di universit.


Una prima riflessione di carattere generale: mentre la stessa finanziaria massacra di tagli l'universit e la ricerca (taglio del 40% al fondo per l'edilizia universitaria, taglio del 15% al fondo per la ricerca di base, taglio dell'1% al FFO delle universit che, in termini reali, corrisponde al 10% dato che il 90% del FFO va in spese incomprimibili come gli stipendi,
conferma del blocco delle assunzioni dei ricercatori al CNR, ...) non si negano finanziamenti generosi a specifici progetti in nome di una "eccellenza" presunta ed avulsa da qualunque criterio di valutazione, progetti personalistici come nel caso lucchese, legato al presidente del Senato Marcello Pera. E questo nonostante una relazione circostanziata del
CNVSU (il Comitato Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario) che, pur dando parere favorevole alla finanziabilit delle due scuole di Lucca e
Firenze, raccomanda di aspettare ad accreditarle, nell'impossibilit di valutarle a cos poco tempo dal loro avvio. Nel caso dell'IMT, il Comitato pone l'accento sulla evidente difficolt di creare una scuola di dottorato dal nulla, in assenza di strutture di ricerca proprie che possano sostenere
la scuola (citando dal documento del Comitato, "Nella prassi internazionale, anche in paesi come USA e Regno Unito che hanno una regolamentazione della formazione dottorale diversa da quella italiana, la presenza di una solida comunit scientifica il presupposto per l'avvio del dottorato, non la sua
conseguenza."). Ma, nonostante questo parere, il governo ha deciso di procedere a tappe forzate ed istituire due vere e proprie istituzioni universitarie, nella fretta di mettere fieno in cascina prima delle elezioni di primavera. Uno scandaloso regalo personalistico, senza precedenti; ma anche un modo per affermare la linea di questo governo: operare una netta
divaricazione fra una ristretta lite di research university eccellenti, personalizzate e private, create ex novo se serve, e la maggior parte delle universit pubbliche - belle o brutte, grandi, medie o piccine, buone o cattive - finalmente declassate a teaching university, pure dispensatrici di didattica a basso costo ed altrettanta qualit. Una strada, peraltro, resa
possibile dalla modifica della riforma dell'autonomia didattica fortemente voluta dalla ministra Moratti: il nuovo D.M. 270 del 2004 non obbliga pi le universit ad erogare lauree di primo livello come condizione per poter offrire lauree specialistiche, liberalizzando cos la creazione di atenei che si specializzano sui soli livelli pi alti della formazione, e riducendo
i requisiti minimi di risorse necessarie per accreditarli. Ma l'eccellenza non si crea per decreto, non si improvvisa con la forza del denaro (pubblico), non va confusa con l'elitarismo. Si costruisce pazientemente, con l'impegno, la tenacia, la qualit diffusa, la valutazione, il riconoscimento dei risultati raggiunti da parte del mondo scientifico. Il primo professore di ruolo alla Scuola Normale fu nominato nel 1955, pi di
cento anni dopo la sua fondazione; oggi, IMT ottiene la sua
istituzionalizzazione a nove mesi dall'avvio dei suoi corsi, nel marzo 2005!


Una seconda riflessione riguarda invece la nostra Universit di Pisa ed i pericoli che pu correre nel nuovo scenario che si apre nell'area che la ospita. IMT nata sulla base di un compromesso, come scuola di dottorato: cosa in astratto condivisibile, in quanto estendere il dottorato di ricerca e riorientarlo non solo verso la carriera accademica ma anche verso l'industria e la pubblica amministrazione una emergenza nel nostro paese,
anche se rimangono tutti i dubbi sulla qualit dell'operazione avviata. Ma non c' ormai alcun dubbio che IMT tender ad affermarsi come universit autonoma, con un proprio corpo docente, con propri corsi di studio, anche di
laurea specialistica, naturalmente anche questi eccellentissimi. Questo intento stato espresso pubblicamente da Pera stesso e da Fabio Pammolli, direttore di IMT, in varie occasioni. Abbiamo presente cosa potr succedere all'Universit di Pisa se questo scenario dovesse concretizzarsi, indipendentemente dal livello di qualit che IMT potr raggiungere nel breve periodo? Non solo ci troveremmo a due passi delle versioni "eccellenti" - a
numero chiuso e ristretto - dei nostri corsi di studio che avremo
inopinatamente contribuito a creare, e che inevitabilmente farebbero percepire i nostri come corsi di serie B. Ma, ancora peggio, si potrebbe destabilizzare il quadro di partnership storica fra la nostra universit, la Scuola S. Anna e la Scuola Normale. Oggi, questa partnership di mutuo rinforzo, perch i normalisti e gli studenti del S. Anna frequentano i corsi
di studio dell'Universit di Pisa. Domani, per rispondere ad una presenza troppo ingombrante di IMT, potrebbe diventare di pura concorrenza - e non ad armi pari: poche risorse per tanti studenti da un lato, e viceversa dall'altro. In questo scenario, potrebbe delinearsi un mesto futuro da teaching university per l'Universit di Pisa, vaso di coccio fra formidabili, snelle e ben foraggiate research university, in grado di attirare gli studenti migliori lasciando a noi il "lavoro sporco".

Catastrofismo? Pu darsi. Ma ignorare il problema, oggi, molto rischioso.
N, crediamo, pu darci molta tranquillit il fatto di essere presenti, in qualche modo, all'IMT - come soci di minoranza in alcuni organi e come gestori di un dottorato. bene ricordare che l'Universit di Pisa entrata dalla porta di servizio e che ancora oggi non fa parte, nell'oscuro gioco di scatole che controllano IMT, del consorzio che percepisce i finanziamenti -
e infatti il parere del Comitato di Valutazione non nomina neppure l'Universit di Pisa, ma solo i soci fondatori: LUISS, Politecnico di Milano e Scuola S. Anna, oltre gli enti locali lucchesi. bene sapere che, per i recenti sviluppi, la Scuola S. Anna sul piede di guerra, e sta uscendo da IMT. bene ricordare che tutti i professori, una volta trasferiti ad un
diverso ateneo, diventano ben presto organici al nuovo contesto e non possono garantire gli interessi dell'ateneo di provenienza, e questo ci si pu aspettare che accada se qualche docente pisano dovesse trasferirsi ad IMT. Insomma, non crediamo che nelle condizioni attuali l'Universit di Pisa si possa illudere di incidere sul futuro di IMT.

Crediamo invece che si debba fare di tutto per fermare questo treno in corsa. Occorre piuttosto rilanciare al pi presto un programma di estensione del sistema universitario pisano a livello di area vasta, creando a Lucca, ma anche a Livorno, pezzi importanti di universit "vera": lauree e lauree
specialistiche in settori nuovi ed emergenti, con annesse strutture scientifiche e di ricerca, che non trovano a Pisa spazio, risorse e contesto socio-economico, e che siano in grado di assicurare qualit e quantit, didattica e ricerca. Occorre espandere l'universit, non semplicemente decentrare; creare nuove opportunit di studio e di ricerca, non doppioni di
scarsa qualit. In questo modo si creerebbe, nelle citt vicine a Pisa, un contesto di universit "vera", in cui progetti di scuole dottorali come IMT potrebbero - forse - recuperare qualche sensatezza. In questo contesto, il progetto IMT potrebbe integrarsi nel sistema universitario per creare una
buona scuola dottorale interuniversitaria, con impegni chiari e sottoscritti dalle parti e garantiti dalla regione e dal governo, ed entro un rigoroso e trasparente percorso di valutazione. Occorre coinvolgere gli enti pubblici, con un ruolo decisivo della Regione, in un accordo di programma che veda
l'area intorno a Pisa ed alla sua universit come quel tessuto metropolitano in grado di sostenere un'idea pi ambiziosa di universit, un'universit che con pi forti radici locali possa giocare un ruolo scientifico e culturale pi importante sulla scena globale.

Crediamo che questi siano temi decisivi, su cui valga la pena interrogarci e confrontarci; ci appelliamo ai diversi attori istituzionali - l'Universit di Pisa, le altre Universit pisane e toscane, i Comuni e le Province dell'area vasta e, soprattutto, la Regione Toscana - perch si impegnino ad imporre una fase di riflessione e valutazione sulla vicenda IMT e,
contemporaneamente, a concordare un piano di potenziamento del sistema dell'universit e della ricerca nelle citt dell'area vasta della costa nord-occidentale della Toscana.


I sottoscritti aderenti all'associazione Sapere Futuro
(http://www.sapereefuturo.it) e i sottoscritti docenti dell'Universit di Pisa:

Amedeo Alpi,
Claudio Casarosa,
Gianfranco Denti,
Giancarlo Fasano,
Gianfranco Fioravanti,
Piero Floriani,
Aldo Frediani,
Giuseppe Forte,
Marco Guidi,
Riccardo Lanzara,
Giuliano Manara,
Luigi Muzzetto,
Dino Pedreschi,
Adriano Podest,
Maria Grazia Ricci,
Paolo Rossi,
Laura Semini,
Mario Aldo Toscano,
Franco Turini

Per commenti, critiche ed adesioni: pisa@sapereefuturo.it


Pisa, 20 novembre 2005



news

16-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news