LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cartolarizzazioni. Le incoerenze del progetto. Intervista a Di Tanno
Alessandro Valentini
Rassegna sindacale, n. 42, novembre 2002

Esiste veramente il rischio di vendere il Colosseo ai privati? E ,con il provvedimento che ha messo a punto, il governo può effettivamente sperare di incassare i 4 miliardi di euro già contabilizzati in Finanziaria? Ne parliamo con il professor Tommaso Di Tanno, giurista, esperto di questioni tributarie.

“Il governo prevede che i beni demaniali, compresi quelli di valore storico-artistico – spiega Di Tanno – siano espressamente compresi fra quelli trasferibili dalla proprietà dello Stato a quella di Patrimonio spa. È sufficiente un semplice decreto del ministro dell’Economia. A loro volta i beni in oggetto possono essere trasferiti da Patrimonio spa a Infrastrutture spa. La differenza tra le due società è che mentre Patrimonio spa è e deve restare interamente proprietà dello Stato, Infrastrutture spa, che in questo momento appartiene al Tesoro, può in futuro cedere quote di partecipazione, anche maggioritarie, ai privati. Quindi dei beni demaniali, oggi proprietà dello Stato, potrebbero, dopo questi trasferimenti, finire ai privati. Che poi il ministro del Tesoro non autorizzi questi passaggi è un altro discorso. La legge, poi, aggiunge un’altra cosa: che i beni demaniali, nel momento in cui vengono trasferiti a Patrimonio spa, perdono la natura di beni demaniali e diventano beni appartenenti al patrimonio disponibile dello Stato. E fin qui sarebbe coerente con il disegno, da noi considerato pericoloso, di rendere interamente disponibili per l’alienazione, anche a terzi, i beni che oggi sono del demanio.

Rassegna E dove sta l’incoerenza?

Di Tanno La legge, forse per tutelare i beni stessi, fa salva l’applicazione dell’articolo 823 del codice civile e del primo comma dell’articolo 829. L’823 dispone che i beni demaniali non possono essere alienati. Questa è la prima contraddizione. Beni, che secondo quell’articolo istituzionalmente non sarebbero trasferibili, possono essere oggetto di trasferimento prima a Patrimonio spa e successivamente a Infrastrutture. E finire sul mercato. Ma l’823 dice anche che i beni demaniali non sono suscettibili di azione esecutiva da parte di terzi, non possono essere aggrediti da eventuali creditori. Ma allora quali garanzie si possono offrire per le operazioni finanziarie di Patrimonio spa? Ciò significa che quando gli investitori verranno chiamati a mettere nelle mani dello Stato quei famosi 4 miliardi di euro non lo faranno perché non si sentiranno tutelati.

Rassegna Almeno così il patrimonio storico-artistico sembra al sicuro…

Di Tanno C’è però il primo comma dell’articolo 829, secondo cui un bene demaniale resta tale fino a quando un decreto di sclassificazione del ministro dell’Economia non ne cambia la natura, trasformandolo da bene demaniale in bene appartenente al patrimonio disponibile dello Stato. Conclusione: o il richiamo all’articolo 823 è erroneo, perché se garantisce la collettività non garantisce i creditori, oppure non è affatto erroneo perché il ministro può semplicemente cambiare la qualifica del bene e rendere aggredibile ciò che nasce come non aggredibile.

Rassegna Che cosa si sarebbe potuto fare ?

Di Tanno Si può convenire su un punto, la valorizzazione dei beni dello Stato. Se è vero che l’obiettivo era di rendere i beni dello Stato (demaniali e non) più facilmente gestibili si potevano formare due distinte società per azioni. Patrimonio 1, con le funzioni attualmente previste di offrire garanzie e poter trasferire a Infrastrutture tutti i beni ad eccezione di quelli demaniali, e Patrimonio 2, nella quale far confluire esclusivamente i beni demaniali storico-artistici con il solo scopo di gestirli al meglio e nell’intesa che non potranno essere oggetto di né di garanzie verso terzi e né di trasferimenti a Infrastrutture spa.

()

http://www.rassegna.it/2002/attualita/articoli/cart3.htm


news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news