LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milleproroghe 2005: testo approvato non ufficiale
http://www.ricercagiuridica.com/



RACCOLTA. Fonte Altalex


TESTO :

DECRETO-LEGGE RECANTE DEFINIZIONE E PROROGA DI TERMINI PREVISTI DA DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E CONSEGUENTI PROVEDIMENTI URGENTI


(Testo approvato nella riunione del Consiglio dei Ministri del 22 dicembre 2005)


Art. 1


(Definizione transattiva delle controversie per opere pubbliche di competenza dellex Agensud )


Allarticolo 9-bis, comma 2, del decreto legislativo 3 aprile 1993, n. 96, e successive modificazioni, le parole: "31 dicembre 2005" sono sostituite dalle seguenti: "31 dicembre 2006".


Entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, il Ministro delle politiche agricole e forestali presenta al Parlamento una relazione dettagliata sulla gestione delle attivit connesse alla definizione delle controversie di cui allarticolo 9-bis del citato decreto legislativo n. 96 del 1993, in corso alla stessa data.


.......................
Art. 3
(Privatizzazione, trasformazione, fusione di enti)


Il termine di cui al secondo periodo del comma 2 dellarticolo 2 del decreto legislativo 29 ottobre 1999, n. 419, da ultimo prorogato al 31 dicembre 2005 dallarticolo 15 del decreto-legge 9 novembre 2004, n. 266, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 dicembre 2004, n. 306, ulteriormente prorogato al 31 dicembre 2006, limitatamente agli enti di cui alla tabella A del medesimo decreto legislativo, per i quali non sia intervenuto il prescritto decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri.


Il termine per la revisione dello Statuto, lapprovazione del regolamento di organizzazione e funzionamento dellIstituto per la storia del Risorgimento italiano e per il rinnovo dei relativi organi statutari, prorogato al 31 dicembre 2006.


...............................

Art. 7
(Universit "Carlo Bo" di Urbino)
Allarticolo 1, comma 2, del decreto-legge 30 giugno 2005, n. 115, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 agosto 2005, n. 168, le parole: "entro centottanta giorni" sono sostituite dalle seguenti: "entro dieci mesi".


Art. 8
(Personale docente e non docente universitario)
1. Gli effetti dellarticolo 5 del decreto-legge 7 aprile 2004, n. 97, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 giugno 2004, n. 143, gi prorogati al 31 dicembre 2005 dallarticolo 10 del decreto-legge 9 novembre 2004, n. 266, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 dicembre 2004, n. 306, sono ulteriormente prorogati al 31 dicembre 2006.

..................
Art. 11
(Procedura di integrazione documentale in materia edilizia)


1. Lintegrazione documentale prevista nellallegato 1, ultimo periodo, del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326, come modificato dallarticolo 10, comma 1, lettera b), del decreto-legge 29 novembre 2004, n. 282, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 dicembre 2004, n. 307, pu essere effettuata entro il 30 aprile 2006.
..................
Art. 15
(Prosecuzione attivit di programmazione da parte di ARCUS S.p.A.)
Allarticolo 3, comma 1, del decreto-legge 31 gennaio 2005, n. 7, convertito, con modificazioni, dalla legge 31 marzo 2005, n. 43, dopo le parole: "per lanno 2005" sono inserite le seguenti: "e per lanno 2006".


..................
Art. 19
(Semplificazione e qualit normativa, nonch strumenti di monitoraggio e valutazione)


I componenti della Commissione di cui allarticolo 3, comma 6-duodecies, del decreto legge 14 marzo 2005, n. 35, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 maggio 2005, n. 80, denominata "Commissione per la semplificazione e la qualit della regolazione", durano in carica tre anni. Due di detti componenti sono nominati sentito il Capo del Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Nello svolgimento delle proprie competenze in materia normativa la Commissione si avvale del Dipartimento degli affari giuridici e legislativi della Presidenza del Consiglio dei Ministri


Il termine di cui allarticolo 14, comma 1, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, prorogato di sessanta giorni, limitatamente alla definizione dei meccanismi e degli strumenti di monitoraggio e valutazione dellattuazione delle indicazioni programmatiche e degli obiettivi definiti da ciascun Ministro, di cui allarticolo 8 del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 286, al fine di consentire ladeguamento di questi ultimi al sistema informativo messo a punto dal Ministro per lattuazione del programma di Governo, sulla base di linee guida emanate con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri entro il 15 febbraio 2006.


Allarticolo 3 del decreto-legge 14 marzo 2005, n. 35, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 maggio 2005, n. 80, sono apportate le seguenti modifiche:


a) al comma 6duodecies, dopo le parole "da un numero massimo di", la parola "venti" sostituita dalla seguente: "trenta"; e dopo le parole "dirigenti delle amministrazioni pubbliche", sono aggiunte le seguenti "esperti nelle materie economiche e statistiche";


b) al comma 6terdecies, dopo le parole "e il funzionamento." aggiunto il seguente periodo: "Le professionalit amministrative della segreteria tecnica della Commissione sono rinvenute, ove possibile, allinterno delle amministrazioni pubbliche, nel limite numerico complessivo di trenta unit. A tal fine si provvede tramite comando, anche contestualmente alla riorganizzazione di strutture gi operanti per finalit analoghe e utilizzando le corrispondenti dotazioni finanziarie".


Del supporto tecnico fornito dalla Commissione per la semplificazione e la qualit delle regolazione si avvale un apposito comitato interministeriale di indirizzo (di seguito denominato Comitato), cui attribuita lattivit di indirizzo e la guida strategica delle politiche di semplificazione e di qualit della regolazione. il Comitato presieduto dal Presidente del Consiglio dei Ministri o dal Ministro per la funzione pubblica da lui delegato. I componenti del Comitato sono individuati con decreto del Presidente del Consiglio, su proposta del Ministro della funzione pubblica. Possono essere invitati a partecipare a riunioni del Comitato, secondo loggetto della discussione, altri componenti del Governo, esponenti di Autorit regionali e locali, nonch di associazioni di categoria.


Il Comitato predispone, entro il 31 marzo di ogni anno, un piano di azione per il perseguimento degli obiettivi del Governo in tema di semplificazione, di riassetto e di qualit della regolazione per lanno successivo. Il piano, sentito il Consiglio di Stato, approvato dal Consiglio dei Ministri e trasmesso alle Camere.


Il Comitato verifica, durante lanno, lo stato di realizzazione degli obiettivi, che viene reso pubblico ogni sei mesi. Inoltre il Comitato:


a) svolge funzioni di indirizzo, di coordinamento e, ove necessario, di impulso delle amministrazioni dello Stato nelle politiche della semplificazione, del riassetto e della qualit della regolazione;


b) pu richiedere un approfondimento dellesame delle iniziative normative del governo in caso di proposte che non appaiano necessarie o giustificate relativamente al rapporto tra costi e benefici o alla coerenza con gli obiettivi del piano di azione annuale di cui al comma 5, anche avvalendosi degli strumenti di cui allarticolo 14 della legge 28 novembre 2005, n. 246;


c) individua, assume e sostiene iniziative non normative di semplificazione, anche tramite progetti di innovazione tecnologica o amministrativa, di comunicazione e di formazione;


d) effettua, con le opportune procedure di verifica di impatto, il monitoraggio successivo dellefficacia delle misure di semplificazione introdotte e della loro effettiva applicazione, proponendo, ove necessario, interventi correttivi;


e) individua forme e modalit stabili di consultazione con le organizzazioni rappresentative degli interessi della societ civile, anche prevedendo, ove possibile in via elettronica, forme di pubblicizzazione di tale attivit e coordinando la consultazione in via telematica di cui allarticolo 18 della legge 29 luglio 2003, n. 229, ed allarticolo 55 del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82.


Ai fini dellattuazione delle direttive e delle linee strategiche dettate dal Comitato, ciascun Ministro individua un proprio referente per le politiche di semplificazione e di qualit della regolazione, dandone comunicazione al Comitato.


Ai sensi dellarticolo 2 della legge 28 novembre 2005, n. 246, e dellarticolo 2, comma 3, della legge 29 luglio 2003, n. 229, il Comitato acquisisce indirizzi e proposte nella materia della qualit della regolazione e osservazioni per ladozione di strumenti comuni nellambito della Conferenza unificata di cui allarticolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, con particolare riguardo ai processi di semplificazione, riassetto e codificazione, analisi e verifica dellimpatto della regolazione, consultazione, nonch alla individuazione di livelli minimi essenziali di semplificazione dellattivit di impresa che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale, corrispondenti a una misura massima di oneri burocratici che lo Stato e le Regioni possono imporre in ciascun settore di attivit.


Il Comitato si avvale del supporto tecnico fornito dalla Commissione di cui al comma 1. Per lattuazione delle deleghe di cui allarticolo 14 della legge n. 246 del 2005 ci si pu avvalere anche del Consiglio di Stato ai sensi dellarticolo 14, 2, del regio decreto 26 giugno 1924, n. 1054, e in tal caso non va acquisito il relativo parere previsto dallarticolo 17, comma 25, della legge 15 maggio 1997, n. 127, nonch dallarticolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59. A tal fine la dotazione organica dei presidenti di sezione del Consiglio di Stato incrementata di una unit da destinare alla relativa Sezione per gli atti normativi, assicurandosi linvarianza della spesa mediante la contestuale riduzione di una unit nella dotazione organica dei consiglieri di Stato, ed altres costituita presso la stessa Sezione per gli atti normativi una segreteria tecnica, composta da un contingente di quindici unit, individuate nellambito delle amministrazioni pubbliche e obbligatoriamente poste in posizione di comando.


Per la definizione delle linee guida di cui al comma 2, nonch per lo svolgimento delle ulteriori attivit di monitoraggio e verifica dello stato di attuazione del programma di Governo in relazione ai provvedimenti emanati, degli effetti di questi ultimi e per i conseguenti aspetti di comunicazione istituzionale, nellanno 2006 il Ministro per lattuazione del programma di Governo si avvale di un Comitato tecnico istituito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per lattuazione del programma di governo, presieduta dal Ministro o da un suo delegato e composta dal Capo del dipartimento degli affari giuridici e legislativi della Presidenza del Consiglio dei Ministri, con funzioni di vice presidente, e da un numero massimo di dieci componenti scelti tra le categorie di cui allarticolo 3, comma 6duodecies, del decreto legge 14 marzo 2005, n. 35, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 maggio 2005, n. 80. Il Comitato tecnico assistito da una segreteria tecnica.


La nomina dei componenti del Comitato tecnico di cui al comma 10 disposta con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri o del Ministro per lattuazione del programma di Governo da lui delegato, che ne disciplina altres lorganizzazione e il funzionamento. Nei limiti dellautorizzazione di spesa di cui al comma 5, con successivo decreto dello stesso Ministro, di concerto con il Ministro delleconomia e delle finanze, sono stabiliti i compensi spettanti ai predetti componenti.


Per lattuazione del comma 3 autorizzata la spesa massima di euro 600.000 per ciascuno degli anni 2006, 2007 e 2008. Al relativo onere si provvede mediante corrispondente riduzione dellautorizzazione di spesa di cui al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 303, come determinata dalla tabella C della legge 30 dicembre 2004, n. 311; dallanno 2008 si provvede ai sensi dellart. 11, comma 3, lettera d), della legge 5 agosto 1978, n. 468. Il Ministro delleconomia e delle finanze autorizzato ad apportare con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.


Per lattuazione dei commi 10 e 11 autorizzata la spesa massima di 500.000 euro per lanno 2006, a valere sullautorizzazione di spesa per lanno 2006, di cui allarticolo 1, comma 261, della legge 30 dicembre 2004, n. 311.


..................
Art. 23
(Consiglio universitario nazionale)
1. In attesa dellapprovazione del provvedimento di riordino, il Consiglio universitario nazionale (CUN) gi prorogato, nella sua attuale composizione, fino al 31 dicembre 2005 dallarticolo 2 del decreto-legge 30 giugno 2005, n. 115, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 agosto 2005, n. 168, resta in carica fino allinsediamento del nuovo Consiglio riordinato e, comunque, non oltre il 30 aprile 2006.

..................
..................
Art. 28
( Disposizioni in materia di catasto )
1. Il termine di due anni, da ultimo stabilito con provvedimento adottato ai sensi dellarticolo 7 della legge 15 marzo 1997, n. 59 e dellarticolo 7 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, per lesercizio delle funzioni previste dallarticolo 66 del predetto decreto legislativo n. 112 del 1998, prorogato di un anno.


..................
Art. 32
( Trasformazione e soppressione di enti pubblici )
1. Allarticolo 28, della legge 28 dicembre 2001, n. 448, primo periodo le parole " 31 dicembre 2005" sono sostituite dalle seguenti: " 31 dicembre 2006".


..................
Art. 36
Esposizione permanente del design italiano e del made in Italy ai sensi della legge 24 dicembre 2003, n. 350, articolo 4, commi 68-70)

1. Le risorse gi previste per gli anni 2004, 2005 e 2006 di cui al comma 70 dellarticolo 4 della legge 24 dicembre 2003, n. 350, come integrate per lanno 2005 dallarticolo 1, comma 230, della legge 30 dicembre 2004, n. 311, costituiscono il patrimonio della Fondazione, appositamente costituita dal Ministro delle attivit produttive per la gestione dellEsposizione permanente del design italiano e del made in Italy , di cui ai commi 68 e 69 del medesimo articolo 4, e sono alla Fondazione stessa trasferite entro il 28 febbraio 2006 al fine di favorirne limmediata operativit.




http://www.ricercagiuridica.com/leggi/index.php?num=693&search=


news

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

05-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 5 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news