LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ARRIVA IL SIT, AIUTERA' A DIFENDERE IL PATRIMONIO ARCHEOLOGICO
ANSA 30/01/2006 18:55



ROMA - Il mondo intero invidia le ricchezze della nostra archeologia. Eppure quello che e' gia' noto e studiato e' solo la minima parte dell'esistente, non piu' del 5 per cento di quello che la nostra terra ancora offre. A sostenerlo e' una ricerca condotta dal laboratorio di Topografia antica del Consiglio Nazionale delle Ricerche - Universita' di Lecce, che presenta il Sit, un sistema informativo territoriale per la gestione integrata dei beni archeologici al servizio della tutela. E lancia l'allarme: i vincoli sono pochi, il 50% dei tesori archeologici rischia la ''distruzione o l'asportazione''.

Il sit, anticipano i ricercatori (il lavoro sara' presentato domani a Roma in un convegno organizzato dal Cnr) e' frutto di un lavoro in corso da 10 anni ed e' basato sull'integrazione di varie fonti: i dati individuati mediante la ricognizione di ampi comprensori campione, le documentazioni aerofotogrammetriche, a partire dagli anni 20 fino alla piu' recente documentazione digitale con rilevamenti satellitari o sensori multibanda, la bibliografia. Tutta questa mole di dati e' poi raccolta in un sistema Gis interrogabile, gestito da un software messo a punto dal Cnr.

Obiettivo del progetto, la mappatura del patrimonio dei beni culturali nel suo complesso, con particolare attenzione al settore archeologico. Uno strumento a servizio delle strutture che operano nel settore dei Beni Culturali, in particolare per tutela, fanno notare dal Cnr, tanto piu' che il sistema restituisce una mappa dettagliata delle aree di maggiore interesse, con ''emergenze mai rilevate fino ad oggi''. E ''zone a forte rischio di manomissione e di abbandono, poiche' non sottoposte a vincolo''.

''Dal lavoro svolto - spiega il professor Marcello Guaitoli dell'Universita' di Lecce, responsabile scientifico del Sit - emerge l'urgenza di una adeguata conoscenza di questi beni, minacciati da una sistematica distruzione a causa di lavori agricoli e di edificazione''. Allo stato attuale, sottolinea, il numero dei beni archeologici conosciuti (escludendo le aree in proprieta' pubblica) ''e' inferiore al 5% di quanto e' rilevabile con una analisi attenta del territorio o con piu' raffinate tecniche di indagine. E meno dell'1% delle ricchezze esistenti e' sottoposto a vincoli ufficiali. Piu' del 50% delle evidenze sono a forte rischio''.

I risultati ottenuti con la ricognizione, spiega Guaitoli, sono sorprendenti, nel Lazio, ma anche in Basilicata, in Sicilia, in Puglia. Ovunque, quello che si e' trovato era in gran parte ignoto agli archivi e fara' parte ora della nuova schedatura a disposizione degli studiosi e delle forze dell'ordine.

Sulla base dei dati ottenuti con la ricognizione (condotta anche con sorvoli sistematici dal Nucleo Elicotteri Carabinieri), che riguardano piu' di 10.000 evidenze archeologiche gia' inserite nel sistema con schedatura di dettaglio (su circa 100.000 dati censiti scientificamente sul terreno e ancora da inserire), quelle di cui e' conservata notizia, sottolinea il responsabile del Sit, ''sono una minima parte: 7-8% nel Lazio, 2% in Sicilia, meno dell'1% nella Valle del Sinni in Basilicata e 20% circa nel Salento, dove pero' la percentuale di testimonianze archeologiche perdute, perch distrutte dopo la segnalazione e' superiore al 60%''. Gli esempi sono infiniti, si va da un'area di 100 kmq nel viterbese, tra Soriano nel Cimino e Vignanello dove grazie al sit sono stati individuati con la ricognizione 444 punti di interesse (solo 51 erano in qualche modo menzionati in bibliografie e archivi) a Torrimpietra, alle porte di Roma, dove a fronte di 38 punti noti (solo uno vincolato) la ricognizione ha fatto scoprire ben 777 siti tra cui ville con piscina e necropoli. Dal Lazio alla Puglia, dove sono stati trovati complessi anche molto estesi, ma di fatto non studiati o in precedenza del tutto ignoti e quindi non tutelati o sorvegliati.

Mentre nell'area di Veio sono state segnalate cinque necropoli villanoviane , edifici della fase etrusca e romana, un grande monumento interrato e una villa romana e anche in Abruzzo, tra l|Aquila e Capestrano, sono state avvistate tre diverse necropoli, tratti della viabilita' antica e complessi di eta' romana. ''Gran parte dei dati sono stati reperiti mediante analisi diretta sistematica del territorio e schedatura analitica - spiega Patrizia Tartara, topografa del Cnr - Per le aree a rischio sono state prodotte cartografie su base fotogrammetrica di dettaglio del rilevamento, facendo confluire nel sistema tutti gli elementi archeologici visibili sul terreno al momento attuale e tutti quelli documentati in passato o visibili in foto storiche''.



news

09-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 09 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news