LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Polemiche. Gli istituti storici ora sono pi giovani
Lorenzo Stella
INDIPENDENTE, 01-FEB-2006





Le nomine di Buttiglione che tanto hanno fatto discutere a sinistra erano necessarie. Guido Pescosolido prende il posto di Paolo Prodi come presidente della Giunta

RICORDATE SERGIO COFFERATI ai tempi dell'oceanica manifestazione dei sindacati contro l'abolizione dell'alt. 18? E avete presente quello giunto al Governo (di Bologna) meno di due anni dopo? E uno degli esempi pi eclatanti della condotta tutt'altro che lineare e coerente della sinistra, fatta di svolte e girotondi, sempre allerta per denunciare autoritarismi ed epurazioni e pronta allo spoil system appena messo piede nel Palazzo. Un atteggiamento che forse rientra in quel "complesso dei migliori" che Luca Ricolfi da sinistra imputa alla propria parte. Ora abbiamo un nuovo caso a seguito delle nomine che il ministro Rocco Buttiglione ha firmato per i nuovi direttori degli istituti storici, designando Guido Pescosolido, come presidente della Giunta storica nazionale, della quale fanno parte come membri di diritto anche i nuovi direttori degli Istituti Storici; Francesco Perfetti diviene direttore dell'Istituto storico italiano per l'et moderna e contemporanea; Andrea Giardina direttore e Giuseppe Zecchini e Mauro Moggi, componenti del direttivo dell'Istituto italiano per la storia antica; Giancarlo Andenna Direttore dell'Istituto storico italiano per il medioevo; Roberto De Mattei e Giorgio Petracchi componenti del Consiglio direttivo dell'Istituto storico italiano per l'et moderna e contemporanea; Agostino Paravicini Bagliani e Maria Luisa Ceccarelli Lemut, componenti del direttivo dell'Istituto storico italiano per il Medioevo. Una commissione del ministero dei Beni Culturali, di cui fa parte tra gli altri Ernesto Galli Della Loggia, metter poi ordine sulle norme di erogazione dei contributi alle istituzioni culturali e ai comitati celebrativi, come annuncia Buttiglione, sottolineando che la commissione elaborer le proposte di modifica entro la fine di febbraio. Una tornata di nomine che nell'articolo di Bruno Gravagnuolo apparso sullUnit viene lamentata con ampio sbracciamento e stracciamento di vesti, soprattutto per la sostituzione del Professor Paolo Prodi con Pescosolido come presidente della Giunta storica nazionale.
Lo stampo ad alta temperatura ideologica dell'articolo corroborato da termini come "colpo di mano", "filtro di governo sui manuali", "sbaraccati gli istituti storici", "vittime illustri", "epurati gli accademici" che "avrebbero fatto gridare allo scandalo gli storici italiani ed internazionali", con "vibrate proteste ufficiali di francesi e tedeschi" senza farci sapere cosa ne pensino quelli inglesi o americani...a cui probabilmente i personalismi e gli affari di famiglia importano ben poco. Una sceneggiata a cui non viene fatta mancare la tirata di giacca al Presidente della Repubblica: Paolo Prodi era stato nominato da Ciampi! Prodi viene definito
sempre dall'Unit con opportuna riverenza "studioso eminente" del "Potere e del Sacro" nella storia d'Europa. Ed forse per questo che egli voleva conservare la propria carica vitalizia del presidente della Giunta storica nazionale per gli studi storici (organo che sovrintende alle attivit degli Istituti storici nazionali, un direttivo della storiografa patria) secondo il modello monarchico: carica a vita e trasmissione agli eredi designati. Il fratello del leader dell'Unione, infatti, ha provato, nelle more della trattativa con il Ministro Buttiglione, a rinunciare passivamente ad appellarsi ad una sorta di art. 18 mascherato dalla mancanza di una data di scadenza per l'incarico - ricevuto insieme ad altri due membri ad aprile del 2001 dal Governo Amato, a poche settimane dall'arrivo Silvio Berlusconi a Palazzo Chigi, nel corso di un autentico blitz perpetrato in modo da garantire altre tre poltrone al centrosinistra prima del possibile ribaltone: altro che indicato dal Quirinale... - purch "agli storici fosse consentito scegliere i candidati da sottoporre al ministro" in loro sostituzione.
Il Ministro ha semplicemente provveduto a riformare la Giunta centrale per gli studi storici stabilendo, tra le altre cose, un mandato a termine di cinque anni (Franco Bolgiani, classe '22, era nel direttivo dal 1973!) e un limite di et di 75 anni, considerando che cinque degli 11 membri della precedente giunta avevano pi di 75 anni, con Gabriele De Rosa che ne aveva 88 (il pi giovane era l'unico nominato da Berlusconi: Massimo Miglio, 63 anni). Tra l'altro, il Governo ha deciso di incaricare solo met dei componenti la Giunta mentre finora tutti i membri erano nominati dai governi: da sempre, cio dal 1935. Commenta infatti de Mattei, docente a Cassino e all'Universit Europea di Roma e vicepresidente del Cnr: Va dato atto al ministro di avere dato un segno nel senso della depoliticizzazione dell'ente, considerato che adesso soltanto il 50 per cento delle nomine sono di fonte governativa.
Il primo effetto della riforma e delle nuove nomine oltre all'abbassamento dell'et media e alla ottima caratura dei nuovi nomi (tra cui compaiono Pescosolido e Perfetti, allievi rispettivamente di Romeo e de Felice, due tra i massimi storici italiani del Novecento) infatti proprio la composizione politico-culturale equilibrata (Giardina di sinistra, Perfetti di centrodestra, Pescosolido laico di centrodestra, Prudenza cattolico di sinistra), mentre prima la Giunta era inequivocabilmente "cattocomunista": bastino i nomi di Gabriele de Rosa e Pietro Scoppola.
Il problema perci semplicemente che Prodi dovr trovarsi un altro lavoro, o meglio limitarsi al proprio, di docente a Bologna.



news

09-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 09 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news