LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Poetto: il processo si spacca in due
La Nuova Sardegna, 1 febbraio 2006

Ripascimento. L'ex presidente della Provincia chiede il giudizio abbreviato e chiama due testi a difesa.
L'impianto accusatorio dei pm al test di un solo giudice. Parte civile la Provincia il comune di Quartu e il gruppo di Deliperi.


CAGLIARI. Il processo ai tredici imputati per il disastroso ripascimento del Poetto
si divide in due: l'ex presidente della Provincia Sandro Balletto ha chiesto il
giudizio abbreviato per rispondere in tempi stretti alle accuse di concorso in
abuso d'ufficio e danneggiamento aggravato che gli vengono contestate dai pubblici
ministeri Guido Pani e Daniele Caria. Il suo difensore Rodolfo Meloni ha presentato
l'istanza al gup Giorgio Cannas condizionandola all'audizione di due testimoni: il
geologo marino Antonio Ulzega e l'ex comandante del porto Giovanni Camboni.
Concesso: saranno sentiti il 17 febbraio, quando il procedimento - salvo clamorosi
passi indietro - dovrebbe imboccare due strade parallele. Una davanti al gup, con
imputati Balletto e il biologo Luigi Aschieri. L'altra di fronte alla prima sezione
del tribunale presieduta da Francesco Sette. Per il caso-Poetto una svolta,
perch se la posizione di Aschieri va considerata marginale nell'economia del
processo, quella di Balletto l'architrave della lunga e complessa indagine
conclusa dalla Procura. Se cadessero le accuse per l'ex presidente della Provincia,
sarebbe un colpo mortale per l'intera architettura processuale. La scelta di
Balletto e del suo legale appare da un lato coraggiosa e dall'altro comprensibile
sul piano tattico: rispetto a un processo fondato su una raccolta monumentale di
documenti un esame lungo e ponderato da parte del tribunale in composizione
collegiale potrebbe essere pi rischioso. Soprattutto per chi convinto di avere
in mano le carte giuste per arrivare a un'assoluzione piena. Carte giocate subito:
una l'intervista di Antonio Ulzega alla Nuova Sardegna, in cui il docente
universitario rispose indirettamente ai consiglieri regionali - che chiedevano la
sospensione immediata del ripascimento - sostenendo la compatibilit della sabbia
di mare con le esigenze di recupero della spiaggia. Con quelle dichiarazioni
pubbliche Ulzega respinse l'allarme generale, per lui l'operazione avviata dalla
Provincia non era dannosa. L'altra carta legata al comandante Antonio Camboni:
neppure lui - a sentire la difesa - s'avvalse del potere di ordinare lo stop ai
lavori. La loro audizione importante perch l'accusa rivolta a Balletto
ancorata proprio alla scelta di non interrompere l'intervento quando appariva
evidente che il materiale riversato sull'arenile era molto diverso dalla sabbia
bianchissima del Poetto. Balletto ha sempre detto: non spettava a me fermare il
lavoro della draga, se l'avessi fatto il danno per l'amministrazione sarebbe stato
ancora pi grave. Per di pi il presidente della Provincia aveva in mano pareri
autorevoli per respingere le pressioni: Ulzega su tutti, poi anche quello dei
consulenti scientifici. Si tratta di capire se tanto baster a convincere il
giudice della sua innocenza. L'udienza di ieri durata in tutto un'ora e mezzo.
Solita folla di avvocati, con tre new-entry che portano a otto il numero delle
parti civili in campo: si costituita la Provincia, ma solo contro gli imputati
esterni all'amministrazione. Parte civile anche il Gruppo di Intervento giuridico
con l'avvocato Guendalina Garau e il comune di Quartu con l'avvocato Carlo Augusto
Melis. Il gup Cannas ha sciolto la riserva sull'istanza dell'avvocato dello stato
Giandomenico Tenaglia, per il quale la Provincia dev'essere chiamata a rispondere
come responsabile civile: accolta. Come dire che la Provincia sar parte offesa,
imputata attraverso i suoi ex amministratori politici e dirigenti, poi anche
responsabile dei danni arrecati se il processo confermer le accuse. Un
guazzabuglio piuttosto imbarazzante, dal quale il presidente Graziano Milia aveva
provato a sottrarre la propria amministrazione per poi cambiare idea all'avvio del
processo. Con Balletto sono imputati di abuso d'ufficio e danneggiamento aggravato
l'ex assessore provinciale ai lavori pubblici Renzo Zirone (difeso dall'avvocato
Luigi Concas) e lo staff dirigenziale della Provincia composto da Salvatore Pistis
e Andrea Gardu (difesi da Andrea Pogliani), il responsabile del procedimento
Lorenzo Mulas (avvocati Salvatore Casula e Antonio Cabriolu). Poi il presidente
dell'Ati Mantovani-Sidra-Gavassino Piergiorgio Baita (avvocato Franco Antonelli e
Alfredo Biagini), il dipendente della Sidra Daniele Defendi (avvocato Leonardo
Filippi) sono tutti accusati di concorso in danneggiamento aggravato. Falso
ideologico il reato contestato alla commissione di monitoraggio nominata dalla
Provincia, composta da Andrea Atzeni, Paolo Orr, Giovanni Serra (difesi da
Francesco Marongiu) e Luigi Aschieri (Paolo Pirastu) oltre che ai dirigenti Pistis
e Gardu che dovevano vigilare insieme al geologo Antonello Gellon (difeso da Gianni
Locci) sul lavoro della draga. L'amministratore della societ Sarcobit Marcello
Vacca (Concas) insieme a Zirone, Gardu e Mulas infine accusato di aver stoccato
senza autorizzazione 800 metri cubi di rifiuti nell'area del tiro a volo. Il
processo va avanti il 17 febbraio, quando - dopo i testi - dovrebbe aprirsi la
discussione.





news

24-09-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 24 SETTEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news