LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'Italia ha bisogno di un New Deal della bellezza
Giovanna Melandri
l'Unit, 03/02/2006

L'ANTICIPAZIONE. Un volume dell'ex ministro dei Beni Culturali sul nostro patrimonio presenta le proposte perch le politiche culturali diventino il detonatore di un nuovo ciclo di sviluppo

Non possiamo permettere che l'Italia continui a sprecare una delle sue risorse migliori: la sua bellezza, la sua cultura, i suoi paesaggi unici. Sono risorse strategiche, non delocalizzabili nel mercato globale, che n la Cina n l'India possono sottrarci e su cui abbiamo interesse a investire. Per creare nuova ricchezza. Ricchezza civile e sociale innanzitutto. Ma non solo. Sono molte le ricadute in termini di nuove industrie e nuovi servizi che possono crescere attorno a un New Deal della bellezza italiana. E che possono, di conseguenza, far crescere l'occupazione e con essa l'economia. Tutto il sistema produttivo, territoriale, urbano coinvolto in questa sfida, una sfida attorno alla quale chiamare a raccolta imprenditori e forze del lavoro, amministratori e consumatori, singoli cittadini e uomini della cultura e delle professioni. Insomma, un grande obiettivo per l'Italia. L'Italia un paese strano. Volendo fare una brevissima storia del modo in cui dalla nascita dello Stato unitario ad oggi gli italiani hanno trattato l'Italia, il suo territorio, la sua cultura e la sua bellezza, potremmo sintetizzarla con una parola: male.
Per anni questo Paese rimasto seduto inerte sul suo patrimonio culturale e paesaggistico oscillando tra condoni edilizi, disimpegno nella tutela e valorizzazione del patrimonio culturale e scarsa attenzione e sostegno ai talenti contemporanei in tutti i campi dell'arte e della produzione culturale. Sono stati anni davvero orribili gli ultimi cinque per la cultura italiana. Le conseguenze dell'atteggiamento predatorio e mercantile che ha aleggiato sulle politiche culturali messe in campo dal governo Berlusconi sono note: patrimonio dello Stato costantemente posto a rischio di svendita, normativa di tutela pesantemente indebolita, bilanci tagliati, attivit di spettacolo a rischio paralisi e pi complessivamente lancette che sembrano essere tornate indietro al poco glorioso tempo in cui i musei italiani chiudevano, come le poste, alle 14, lasciando dietro le loro porte centinaia di migliaia di visitatori italiani e stranieri, incapaci di credere che un Paese con un patrimonio storico-artistico e culturale cos ricco potesse trattarlo con tanta incuria e sciatteria. Molti Paesi in Europa hanno capito da tempo che nell'economia postindustriale la cultura, se adeguatamente tutelata e promossa, pu diventare una delle molle dello sviluppo e un fattore d crescita e di rafforzamento della coesione sociale. Da noi, invece, il Governo di centrodestra tratta le risorse destinate alla cultura come gli sprechi e le taglia come se fossero auto blu. Senza capire che dove c' pi cultura e istruzione vi sono anche maggiore innovazione, coesione sociale, tolleranza, capacit creativa e, in definitiva, pi adattamento alla competiziorie globale.
Quello che cerco sommessamente di proporre in queste pagine un vero e proprio New Deal della bellezza italiana, un progetto finalizzato all'investimento in termini strategici sulla cultura e sulla bellezza del nostro Paese, capace di mettere in rete la miriade di esperienze positive gi disseminate nel territorio e di valorizzare tutte le risorse della cultura e del sapere anche
con il mondo dell'impresa e dell'innovazione. E, infine, fi far cresecere una diffusa domanda di cultura. Altri lo hanno chiamato patriottismo gentile, accentuandone soprattutto il valore sociale di rafforzamento della coesione attraverso la valorizzazione delle nostre radici comuni. Personalmente preferisco parlare di New Deal anche evocando lo sforzo complessivo di una nazione per reinventare se stessa. Uno sforzo che va compiuto nel quadro pi generale della strada tracciata a Lisbona per il passaggio dell'Europa verso un'economia prevalentemente immateriale e qualitativa. Per fare questo occorre superare una serie di luoghi comuni e di storiche pigrizie di segni diversi. L'idea un po' elitaria che il patrimonio culturale e la bellezza di un Paese si preservano se si sottraggono al consumo e all'usura delle masse e si proteggono in una teca di cristallo, oppure l'idea opposta e mercantile che il patrimonio culturale debba essere offerto all'incasso di un Paese a rischio di bancarotta. Come gi ho avuto occasione di dire, la sfida che dovremmo cogliere, invece, quella di percorrere una via alta di crescita e sviluppo per l'Italia che, nella societ della cultura e della conoscenza, deve saper essere inclusiva ed estendere il diritto alla cultura e all'accesso ad essa e, contemporaneamente, deve fare di questo settore un perno per la ricerca del posto dell'Italia nei mercati globali. Insomma, le politiche culturali intese come politiche insieme sociali e industriali, come un pezzo irrinunciabile della struttura del Welfare delle societ moderne e come parte del nucleo delle politiche per la crescita competitiva del Paese. Politiche per l'estensione di un diritto di cittadinanza dai tratti nuovi nell'era digitale, il diritto alla cultura appunto, e per la promozione di imprese, industrie e servizi che corrispondano a questa nuova domanda. Il paesaggio, l'ambiente, il patrimonio e la produzione culturale costituiscono un immenso valore in grado di sviluppare una filiera produttiva che pu garantirne la tutela, favorirne la fruizione e creare nuove imprese e nuova buona occupazione. Oltre che nella riqualificazione dei sistemi urbani e territoriali, nei settori del restauro, della multi-medialit, dell'audiovisivo, dello spettacolo, dell'informatica, dell'editoria e dell'accoglienza di quei milioni di visitatori che ogni anno continuano a dimostrare il loro interesse per il nostro Paese.
Vi nel mondo e in Italia un'enorme domanda collettiva di cultura in generale e di cultura italiana in particolare. La domanda c', il patrimonio pure, dobbiamo solo deciderci a far diventare tutto ci il detonatore di un nuovo ciclo di sviluppo.
E riconoscere che la cultura oggi materia prima della catena del valore.


IL LIBRO
Esce oggi in libreria "Cultura Paesaggio Turismo. Politiche per un New Deal della bellezza italiana" di Giovanna Melandri (Gremese, pp. 155, euro 10), del quale anticipiamo un brano in questa pagina. Il libro, con una prefazione di Romano Prodi al quale il libro espressamente rivolto in qualit di leader della coalizione di centrosinistra, nasce dalla convinzione che le politiche per la tutela e la valorizzazione del patrimonio storico-artistico e del paesaggio e le politiche di promozione delle attivit culturali e di spettacolo, connesse con la promozione di un turismo di qualit, debbano essere considerate e trattate a tutti gli effetti come un asse portante per lo sviluppo del nostro Paese e, allo stesso tempo, come uno dei capitoli essenziali di un welfare moderno che riconosca tra i diritti di cittadinanza anche il diritto alla cultura. Marted prossimo, 7 febbraio, discuteranno intorno ai temi del libro, Giovanna Melandri, Walter Veltroni, Luca Cordero di Montezemolo e Ermete Realacci, moderati da Giovanni Valentini. L'appuntamento alle ore 17,30, alla Sala della Protomoteca del Campidoglio a Roma.



news

09-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 09 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news