LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I problemi della tutela. I beni culturali? Conosciamoli meglio
Salvatore P. Polito
Nuovo Quotidiano Bari 26/11/2002

Nel presentare il primo numero del Bollettino d'informazione dell'attività della Soprintendenza di Puglia (BiaS, 1997), il soprintendente Gian Marco Jacobitti concluse il suo editoriale affermando che «la tutela non è solamente la presentazione di grandi mostre o la riapertura di antichi castelli, ma è anche, e soprattutto, l'opera silenziosa, ma sicuramente ripagante, volta a salvare dalla distruzione un piccolo oggetto d'arte o un tratto di costa». Sottolineando «il lavoro spesso anonimo, spesso non gratificante, che si svolge all'interno di un ufficio dello Stato preposto alla tutela dei beni culturali».
E, a tale proposito, ritengo opportuno ricordare che i beni culturali sono i dipinti e le sculture, gli arredi antichi e gli arazzi, le colonne e gli archi, i palazzi storici, le strade, le piazze delle nostre città e l'umile tessuto edilizio dei paesi delle nostre province. Fanno parte di tale universo, inoltre, le opere d'architettura e d'aggregazione urbana, gli ambienti naturali di particolare interesse antropico, faunistico e geologico, i parchi e giardini, i paesaggi agrari, gli strumenti tecnico-scientifici e di lavoro, i libri e i documenti, le testimonianze d'usi e costumi d'interesse antropologico, le opere di rappresentazione tridimensionale o piana realizzate su qualsiasi supporto: murario, lapideo, ceramico, vitreo, ligneo, tessile, cartaceo, metallico, ecc. A questi, si aggiungono i reperti archeologici, paleologici, paleontologici isolati o inseriti in vasti ambienti. Un enorme patrimonio
«sottoposto fin dal momento della nascita o del rinvenimento di ogni suo singolo elemento all'azione degradante, dispersiva e/o distruttiva di eventi e processi fisico-chimici, geologici, biologici e antropici». I provvedimenti di conservazione, naturalmente, non riguardano solo il singolo oggetto o l'insieme di oggetti considerati significativi, ma anche la prevenzione e la manutenzione degli stessi e, ove occorra, il restauro del bene, vale a dire «qualsiasi intervento che, nel rispetto dei principi della conservazione e sulla base d'indagini conoscitive d'ogni
tipo, sia rivolto a restituire all'oggetto, nei limiti del possibile, la relativa leggibilità e, ove occorra, l'uso».
Fondamentali, pertanto, si rivelano le considerazioni e le istruzioni enunciate nella "Carta della conservazione e del restauro degli oggetti d'arte e di cultura del 1987". Il documento intende
rinnovare, integrare e sostanzialmente sostituire la "Carta italiana del restauro del 1972" e detta le
norme da applicare «a tutti gli oggetti d'ogni epoca e area geografica che rivestano significativamente interesse artistico, storico e, in genere, culturale». La conservazione e il restauro, quindi, anche se momenti distinti, si rivelano complementari e, in ogni caso, non possono prescindere da un adeguato programma di tutela, manutenzione e prevenzione del bene. Questi sono i beni culturali e costituiscono il patrimonio storico dell'intera nazione, enormemente ricca di testimonianze da tutelare, salvaguardare e consegnare alla fruizione del mondo intero; oggi, tutto questo, si rivela di un'importanza enorme nel progetto di un'Italia veramente europea.
Chiunque nel quotidiano, per svariati motivi, abbia a che fare con i beni culturali e particolar-
mente i privati, nonché gli enti territoriali, le amministrazioni e le istituzioni tutte, non può e non
deve prescindere dalle disposizioni legislative in materia di beni culturali e ambientali, (D.L. 29
ottobre 1999, n. 490), e delle disposizioni riguardanti i destinatari della normativa. Pertanto, nei
tradizionali conflitti tra interesse pubblico alla tutela e interesse privato, o interessi pubblici di va-
rio genere, l'ignoranza della normativa vigente non può costituire motivo di interferenza nel regime
dei beni tutelati, su cose d'interesse storico, artistico o ambientale (ivi compresi i problemi delle
aree di rispetto).



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news