LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sui beni culturali non serve lo scontro politico
Ledo Prato
Il Tempo 10/11/2002

Nel volgere di pochi giorni sui beni culturali si sono pronunciati imprenditori, studiosi, commentatori autorevoli. Anche il Ministro Urbani, rompendo un lungo silenzio, ha annunciato
una nuova legge a tutela dei centri storici in occasione di manifestazioni di piazza. Avocando al suo
ministero ogni decisione. Non mancheranno polemiche. Ma andiamo con ordine.
Ha cominciato Cesare Romiti, su Il Sole 24 ore, con un appello al Presidente del Consiglio perché si riveda la norma sull'alienazione dei beni culturali e non si consegni la gestione del patrimonio ai privati. Nobile il gesto dell'imprenditore, discutibile il terreno che ha scelto per questa uscita.
Il rapporto tra pubblico e privato nei beni culturali torna così ad essere al centro dell'attenzione. La discussione è sempre polarizzata: da una parte coloro che ritengono la «privatizzazione» della gestione dei beni culturali una delle forme da perseguire per la loro conservazione e valorizzazione e chi invece ritiene che il loro profilo giuridico, sociale ed etico ne impedisce una qualunque forma
di alienazione o anche solo i gestione affidata a privati. E così Romiti disegna tinte fosche per il futuro del nostro patrimonio. Anche quando accenna ai pericoli, a suo dire, che può innescare l'applicazione dell'art. 33 della legge finanziaria (con cui si prevede la possibilità di affidare a «soggetti non statali» la gestione di un bene culturale). In realtà Romiti su una cosa ha ragione: gli interventi legislativi di questi ultimi anni sono stati spesso contradditori, di difficile gestione. In altri termini è ancora difficile capire quale è il disegno che le istituzioni pubbliche intendono perseguire a proposito della valorizzazione e gestione dei beni e delle attività culturali.
Per questo motivo c'è un fondo di ragione nell'editoriale di Ernesto Galli della Loggia sul Corriere della Sera di qualche giorno fa quando afferma che era legittimo attendersi qualcosa di più in questo settore, come nell'istruzione, da un governo che aveva denunciato, in questi ambiti, un «soffocante predominio» della sinistra. Manca un'idea nuova e chiara su che cosa possiamo proporre, da-
re e fare, per rendere questo patrimonio non solo la sede identitaria di un Paese molecolare ma anche la cifra dello sviluppo compatibile, dentro, e lo strumento più prezioso, fuori, per una intelligente politica estera. Senza questo «profilo alto» ci rimane solo la polemica di Romiti oggi, degli ambientalisti e dei «conservatori» ieri. Trascinando in questo vortice non solo le istituzioni centrali e periferiche del ministero ma mortificando vitalità e oggettualità così diffuse in
questo settore.
In un tempo in cui tutti o quasi apprezzano il «decisionismo» sarebbe un grande gesto politico provare ad aprire le porte ad un dibattito franco, aperto, con tutti coloro che vogliono o possono contribuire ad individuare un nuovo «senso di marcia». Si possono chiamare «stati generali», o come vi pare, ma il senso deve essere chiaro. Anche così si risponde a chi, forte di competenze ed esperienze internazionali, rintraccia un «filo nero» fra governi di colore diverso per accomunarli in un giudizio severo e preoccupato a proposito delle politiche per i beni culturali. Ci riferiamo a
Salvatore Settis che, approfittando della pubblicazione del suo ultimo libro, «Italia Spa - L'assalto al
patrimonio culturale» scrive e rilascia interviste «nostalgiche». Rimpiangendo la vecchia legge 1089 del 1939, la rete dei sovrintendenti capaci e dediti solo alla ricerca e allo studio, la gestione statale del patrimonio lontana dalle mire di regioni, province e comuni e, perché no, di privati.
Un tentativo, a tratti retorico, di ridurre il dibattito ad uno scontro tra gli «angeli» del patrimonio e i
«vandali» che vogliono americanizzare tutto. Con una punta di fastidio, per usare un eufemismo, verso quanti ai vari livelli delle istituzioni locali si adoperano, in ragione del mandato democraticamente avuto dai cittadini, per valorizzare il proprio patrimonio. In questa situazione è troppo invocare una direzione politica «alta» chiedendo a maggioranza e opposizione
di uscire dalle schermaglie quotidiane? E agli operatori è troppo chiedere che, nel rispetto del principio liberale che assicura a tutti il diritto di esprimere le proprie opinioni, ciascuno
compia uno sforzo per esporre il proprio punto di vista con maggiore cognizione di causa e senza «buttarla sempre in politica»?



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news