LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

UIL BAC COORDINAMENTO NAZIONALE diffida il MIBAC

ATTO STRAGIUDIZIALE DI DIFFIDA AD ADEMPIERE
E CONTESTUALE MESSA IN MORA
La UIL BAC COORDINAMENTO NAZIONALE MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI, in persona del Segretario Generale, dott. Gianfranco Cerasoli
PREMESSO
- che, con atto pubblico del 6.10.2004, a rogito del Notar dott. Andrea Ganelli, Rep. n.2102, Atti n.1227, il Ministero per i Beni e le Attivit Culturali, la Regione Piemonte, la Provincia di Torino, la Citt di To-rino, la Compagnia di San Poalo e la Fondazione Cassa di Risparmio di Torino hanno dato vita alla FONDAZIONE MUSEO DELLE ANTICHITA EGIZIE DI TORINO, con sede in Torino, via Maria Vittoria n.12, i cui precipui scopi sono quelli di assicurare ladeguamento strutturale, funzionale ed espositivo del Museo delle Antichit Egizie di Torino, oltre che la conservazione, promozione e valorizzazione delle relative collezioni;
- che, con successivo atto del 19.12.2005 il Ministero per i Beni e le Attivit Culturali, nella persona del Ministro, On. Prof. Rocco Butti-glione, ha conferito alla citata Fondazione Museo delle Antichit E-gizie di Torino luso del Museo stesso;
- che, in pari data, era stipulato un ATTO CONVENZIONALE tra tutti i soci fondatori e la medesima Fondazione Museo delle Antichit Egizie di Torino, al fine di disciplinare il conferimento, da parte del Ministero, delluso del Museo delle Antichit Egizie, comprese le re-lative dotazioni e collezioni anche bibliografiche e fotografiche, non-ch le modalit, la tempistica e le condizioni di riparto tra i Fondatori diversi dal Ministero, della somma necessaria a procedere alle opere di ristrutturazione e riallestimento del Museo stesso;
- che, pertanto, il Ministero conferiva in uso per tutta la durata della Fondazione, stabilita in anni trenta dallatto costitutivo, il patrimo-nio del Museo delle Antichit Egizie di Torino nella sua attuale con-sistenza, ossia i beni immobili e mobili, le collezioni bibliografiche e fotografiche, i diritti di riproduzione, le attrezzature, gli impianti e gli arredi afferenti alla Soprintendenza Speciale al Museo delle An-tichit Egizie di Torino, ora sostituita, ai sensi del decreto ministe-riale 24 settembre 2004, dalla Soprintendenza per i Beni Archeologi-ci del Piemonte e del Museo delle Antichit Egizie.;
- che, inoltre, il Ministero si impegnava anche a corrispondere gli oneri per il personale dipendente dallo stesso Ministero, da porsi tempora-neamente a disposizione della Fondazione, per assicurare lattuazione del progetto di valorizzazione del Museo, in virt di ap-posito protocollo dintesa, da stipulare fra Ministero e Fondazione ai sensi dellart. 23 bis, comma 7, D. Lgs. 30 marzo 2001 n.165 e s.m.i.;
- che, sempre in data 19.12.2005, il Ministero e la Fondazione sotto-scrivevano un CONTRATTO DI SERVIZIO, ai fini di precisare le condizioni di assegnazione alla Fondazione del personale in servizio presso il Museo Egizio, oltre che di fissare i livelli qualitativi di ero-gazione dei servizi e di professionalit degli addetti ed il potere di in-dirizzo e di controllo spettanti al Ministero medesimo;
- che, in particolare, lart.10 definisce le dotazioni organiche, fissando in 72 unit il personale necessario per linizio dellattivit della Fon-dazione. Inoltre, specifica che i dipendenti della medesima Fondazio-ne saranno selezionati mediante:
a) apposito Protocollo dIntesa fra il Ministero e i Dipendenti del Museo delle Antichit Egizie di Torino che abbiano aderito al progetto di valorizzazione del Museo medesimo, da stipularsi ai sensi dellart.23 bis, comma settimo, del D.Lgs. 30 aprile 2001, n.165, nel testo novellato dallart.5 del decreto legge 31 gennaio 2005 n.7, salvo verifica effettuata dalla Fondazione, della coe-renza fra le prestazioni professionali e le esigenze del progetto di valorizzazione;
b) contratti di lavoro di diritto privato da stipularsi ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di lavoro autonomo o subordinato.

Al personale selezionato ai sensi della lettera a), la Fondazione riconoscer un compenso aggiuntivo, con oneri a proprio carico, diversificato a seconda delle qualifiche e dei profili professionali. Al mede-simo personale si applicano gli istituti contrattuali previsti per il per-sonale del Ministero.
Durante il periodo di due anni, tale personale pu optare per il tran-sito definitivo presso la Fondazione, mediante contratti di lavoro da stipularsi ai sensi della lettera b), ovvero pu rientrare nei ruoli del Ministero medesimo, ovvero ancora pu continuare ad essere distac-cato presso la Fondazione per tutta la durata del presente contratto.
Indipendentemente dalla data di esercizio dellopzione da parte del singolo lavoratore, gli effetti dellopzione decorreranno entro i suc-cessivi sei mesi.
La Fondazione assicura la formazione e laggiornamento professio-nale del personale, per adeguare il servizio agli standard di qualit richiesti.;
- che, in coincidenza della sottoscrizione delle sopra citate pattuizioni, la Soprintendente per i Beni Archeologici del Piemonte e del Museo delle Antichit Egizie, con nota prot. n. 12137 del 19.12.2005, segna-lava che, nelle more della definizione degli organici della Fondazione e dellattuazione degli accordi in merito alla situazione contrattuale del personale operante nellambito del Museo, la responsabilit orga-nizzativa era conferita alla Fondazione per la parte relativa allapertura ed al funzionamento della parte espositiva del Museo e per le attivit promozionali. In conseguenza, le procedure di apertura e gli standards di sicurezza dovevano essere garantiti dal personale, sino a nuove definizioni concordate tra Ministero e Fondazione;
- che, questo provvedimento era seguito ed integrato dalla nota prot. n.492 adottata dal Direttore Regionale per i Beni Culturali e Paesag-gistici del Piemonte, dott. Mario Turetta, in data 12.01.2006, con cui: Ai sensi dellart.10 del Contratto di Servizio fra il Ministero per i Beni e le Attivit Culturali e la Fondazione Museo delle Antichit Egizie, a decorrere dal 20.12.2005, il personale in servizio presso lex Soprintendenza Speciale del Museo, pur continuando a dipende-re organicamente dal Ministero, posto funzionalmente alle dipen-denze della Fondazione, la quale avr cura di determinare, autono-mamente, lorganizzazione operativa, nellambito, tuttavia, degli isti-tuti di stato giuridico del personale ministeriale.
Si precisava, inoltre, che sono in corso le procedure per la redazio-ne di un apposito protocollo dintesa, da stipularsi tra le parti, ai sensi dellart. 23 bis, comma settimo, del D.Lgs. 30 aprile 2001 n.165 e successive modificazioni ed integrazioni, che stabilir, in det-taglio, lassetto giuridico ed economico del personale in parola.;
- che, in realt, sebbene siano trascorsi altri due mesi, la sottoscrizione del richiamato protocollo dintesa ancora ben lungi dal concludersi;
RITENUTO
La situazione creata dagli accordi e dai provvedimenti in precedenza riportati presenta notevoli aspetti di illegittimit, oltre che di illiceit, causando gra-vissimi danni alla stessa Amministrazione pubblica ed ai lavoratori.
In effetti, una prima evidente discrasia emerge dallart.10 del Contratto di Servizio, in cui viene richiamato lart.23 bis, comma settimo, del D.Lgs. 165/2001, al fine di consentire il passaggio dal Ministero alla Fondazione dei dipendenti del Museo.
In realt questa norma non sembra applicabile al caso di specie, poich essa riguarda lassegnazione temporanea, dalla Pubblica Amministrazione ad un soggetto privato, dei soli dirigenti.
Inoltre, il decimo comma del medesimo art. 23 bis D.Lgs. 165/2001, deman-da ad un apposito regolamento, da emanarsi ai sensi dellart.17, primo com-ma, della legge n.400/88, i compiti sia di individuare i soggetti privati e gli organismi internazionali, presso cui assegnare temporaneamente i dirigenti, sia di definire le modalit e le procedure attuative. Dunque, in ultima analisi, il pi volte citato art.23 bis D.Lgs. 165/2001 contiene solo una semplice ma-nifestazione di intenti, non direttamente attuabile se non integrata da specifi-che norme regolamentari.
Pertanto, deve dedursi che le uniche norme effettivamente regolanti la mate-ria della mobilit e, segnatamente, della assegnazione temporanea del perso-nale non dirigenziale, sono quelle della Contrattazione Collettiva del Com-parto Ministeri che consentono lassegnazione temporanea solo verso altre Amministrazioni Pubbliche ed, oltretutto, per periodi non superiori ad un an-no, prorogabili non pi di una volta (art.4 CCNL 1998/2001).
Ad ogni buon conto, la lettura dellart.23 bis D.Lgs. 165/2001, anche volen-do superare i rilievi mossi in precedenza, mostra come lo stesso art.10 del Contratto di Servizio presenti una previsione che si pone in contrasto insana-bile con il suo disposto e che, quasi sicuramente, il frutto della mancanza delle necessarie specificazioni da adottarsi con il regolamento di attuazione. Cos, mentre nella norma richiamata stabilito che il protocollo dintesa sia sottoscritto tra P.A. e soggetto privato, nellart.10 del Contratto di Servizio previsto che il protocollo dintesa venga siglato tra Ministero e Dipendenti del Museo.
In conclusione, non v chi non veda come non sussistano n i presupposti di legge per la stipula del protocollo dintesa, n la univoca individuazione dei soggetti che dovrebbero partecipare alla medesima sottoscrizione.
Conseguentemente, qualora in spregio delle osservazioni qui formulate, si dovesse pervenire ugualmente alla firma di tale accordo si darebbe luogo ad un atto illegittimo, oltre che a comportamenti illeciti, in quanto tendenti ad assicurare ingiusti vantaggi patrimoniali a terzi o, per converso, ad arrecare danni ingiusti allerario ed ai lavoratori.
Lesame delle norme di legge e di contrattazione collettiva sopra riportate evidenzia, inoltre, lillegittimit anche dei provvedimenti assunti dalla So-printendente per i Beni Archeologici del Piemonte e del Museo delle Anti-chit Egizie, con nota prot. n. 12137 del 19.12.2005, (con cui si affida la re-sponsabilit organizzativa del Museo alla Fondazione, implicitamente im-ponendo al personale impegnato nelle attivit di apertura, funzionamento della parte espositiva e promozionali di attenersi alle disposizioni della me-desima Fondazione) e dal Direttore Regionale per i Beni Culturali e Paesag-gistici del Piemonte, dott. Mario Turetta, con nota prot. n.492, del 12.01.2006 (a mezzo della quale il personale del Museo stato posto funzio-nalmente alle dipendenze della Fondazione), in primo luogo, perch lassegnazione temporanea del personale non dirigenziale presso soggetti privati non consentita, in secondo luogo perch, tutto volendo concedere, essa non pu superare il periodo massimo di un anno, prorogabile una sola volta, mentre questi provvedimenti sono privi di termine di scadenza (con il rischio, quindi, che lassegnazione sia indefinita nel tempo) ed infine perch la detta assegnazione temporanea eventualmente doveva essere preceduta (e non seguita) dalla stipulazione del protocollo dintesa.
E appena il caso di ricordare, in aggiunta, che il provvedimento del Diretto-re Regionale, con cui si dispone che il personale del Museo, pur essendo or-ganicamente alle dipendenze del Ministero, presti la propria attivit lavorati-va sotto le direttive ed in favore di un soggetto privato quale, in ultima ana-lisi, la Fondazione -, crea una situazione di incompatibilit a carico dei medesimi dipendenti, ai sensi dellart.60 e seguenti del D.P.R. n.3/1957 co-me richiamato dallart.53 del D.Lgs. n.165/2001 ed fonte di danno erariale, in quanto impone al Ministero di sostenere la spesa delle retribuzioni relative a prestazioni lavorative svolte a tutto vantaggio di terzi.
Dunque, entrambi i citati provvedimenti vanno annullati e/o revocati, in via di autotutela.
Da ultimo, sembra opportuno sottolineare che, in ordine alle procedure di mobilit e/o di assegnazione temporanea, la contrattazione collettiva nazio-nale del Comparto Ministeri prevede che le medesime procedure siano pre-cedute dalla contrattazione collettiva integrativa o, comunque, dalla informa-zione preventiva (art.4 CCNL Integrativo 1998/2001 ed art.6 CCNL 1998/2001). Orbene, sembra evidente che la Soprintendente per i Beni Ar-cheologici del Piemonte e del Museo delle Antichit Egizie ed il Direttore Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte hanno adottato i rispettivi provvedimenti in aperta ed insanabile violazione delle norme poste a tutela delle prerogative sindacali, non avendo, nessuno dei due, adempiuto agli obblighi loro imposti dalle citate norme contrattuali.
Tutto quanto sopra premesso e ritenuto, la UIL BAC COORDINAMENTO NAZIONALE MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI, in persona del Segretario Generale, dott. Gianfranco Cerasoli, notifica for-male ed espressa
DIFFIDA
nei confronti di:
1) Ministro per i Beni e le Attivit Culturali, On. Rocco Buttiglione, domiciliato presso la sede del ministero, in Roma, via del Collegio Romano n. 27;
2) Vice Ministro per i Beni e le Attivit Culturali, On. Antonio Mar-tusciello, domiciliato presso la sede del ministero, in Roma, via del Collegio Romano n. 27;
3) Capo del Dipartimento per la Ricerca, lInnovazione e lOrganizzazione, prof. Giuseppe Proietti, domiciliato presso la sede del ministero, in Roma, via del Collegio Romano n. 27;
4) Direttore della Direzione Generale per gli Affari Generali, il Bi-lancio, le Risorse Umane e la Formazione, prof. Alfredo Giaco-mazzi, domiciliato presso la sede del ministero, in Roma, via del Col-legio Romano n. 27;
5) Soprintendente per i Beni Archeologici del Piemonte e del Museo delle Antichit Egizie, dott.ssa Marina Sapelli Ragni, domiciliata presso la sede della medesima Soprintendenza in (10122) Torino, piazza San Giovanni n.2;
6) Direttore Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Pie-monte, dott. Mario Turetta, domiciliato presso la sede della medesi-ma Direzione Regionale in (10122) Torino, piazza San Giovanni n.2;
a) tutti affinch si astengano dal sottoscrivere il Protocollo dIntesa o, co-munque, accordi e/o pattuizioni che direttamente o indirettamente costitui-scano esecuzione delle previsioni di cui allart.10 del Contratto di Servizio, stipulato il 19.12.2005 tra il Ministero per i Beni e le Attivit Culturali.
b) gli ultimi quattro, perch provvedano alla immediata revoca e/o annulla-mento della nota prot. n. 12137 del 19.12.2005 e della nota prot. n.492, del 12.01.2006, assegnando a ciascuno di essi il perentorio termine, per ladempimento, di giorni trenta, a decorrere dalla notifica del presente atto.
Con espressa riserva di adire le competenti autorit giudiziarie amministrati-ve, contabili, civili e penali, anche ai sensi e per gli effetti di cui agli artt. 323 e 328 codice penale, ove ne ricorrano i presupposti.
Copia della presente diffida viene notificata, per conoscenza e per tutti gli eventuali fini di legge anche alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma, nonch al Procuratore Generale presso la Corte dei Conti.
Roma, l
UIL BAC COORDINAMENTO NAZIONALE
MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI
Il Segretario Generale
(dott. Gianfranco Cerasoli)



news

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

05-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 5 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news