LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Gestione dei Musei Locali: articolo di Vincenzo Galluccio
14.04.2006



La Gestione dei Musei Locali, di Vincenzo Galluccio

da : http://www.altalex.com/index.php?idstr=24&idnot=33700

1. Riferimenti Normativi e Definizione dei Concetti. 2. Scelta Gestionale ed in particolare la Concessione dei Servizi Museali; I Problemi Connessi alla Scelta del Concessionario.


1. Riferimenti Normativi e Definizione dei Concetti

Secondo quanto rilevato da una recente indagine condotta dalla Corte dei Conti1 i musei si estendono in modo capillare su tutto il territorio nazionale e quelli di propriet degli enti locali costituiscono la percentuale pi elevata dei musei italiani ancora in costante espansione. I musei costituiscono un potente fattore di attrazione e di promozione del paese, e che possono assumere un importanza strategica per lo sviluppo di rilevanti settori produttivi, per tanto non si esclude che i musei, ma il discorso vale per lintero patrimonio culturale del paese, possano avere un proprio sfruttamento economico nel rispetto dellart. 9 della Costituzione, che pone tra i principi fondamentali e programmatici del nostro ordinamento la tutela del patrimonio storico e artistico della nazione. In particolare il settore dei musei ha alimentato negli ultimi anni un dibattito sempre pi vivace e proficuo che ha inciso non poco sulla disciplina normativa a partire dalle Leggi Bassanini del 1997 e dai relativi decreti attuativi2, per arrivare al D.Lgs. 22/01/2004 n. 42 Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio (anche noto come Codice Urbani) adottato in base all'articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137 (Delega per la riforma dell'organizzazione del Governo e della Presidenza del Consiglio dei Ministri, nonch di enti pubblici).

Tra i motivi che hanno reso necessario ladozione del Codice Urbani si deve evidenziare ladeguamento della normativa di settore alla riforma del Titolo V della Costituzione avvenuta con la legge costituzionale n. 3 del 2001 che ha modificato gli art.li 117 e 118 della Costituzione. In particolare lart. 117, secondo comma, lett. s), attribuisce alla potest legislativa esclusiva dello Stato la tutela dei beni culturali, mentre assegna alla legislazione concorrente la valorizzazione dei beni culturali ed ambientali. Stante queste premesse, il Codice dei Beni Culturali ha fornito una definizione sia del concetto di tutela che di valorizzazione. Lart.3, comma 1, stabilisce che: La tutela consiste nellesercizio delle funzioni e nella disciplina delle attivit dirette, sulla base di un adeguata attivit conoscitiva, ad individuare i beni costituenti il patrimonio culturale ed a garantire la protezione e la conservazione per fini di pubblica fruizione... La valorizzazione viene definita dallart. 6, comma 1: La valorizzazione consiste nellesercizio delle funzioni e nella disciplina delle attivit dirette a promuovere la conoscenza del patrimonio culturale e ad assicurare le migliori condizioni di utilizzazione e fruizione pubblica del patrimonio stesso. Essa comprende anche la promozione ed il sostegno degli interventi di conservazione del patrimonio culturale.

Dalla lettura delle disposizioni normative si ricava che la tutela pu essere considerata come una difesa del valore esistente ed ha carattere statico, mentre la valorizzazione un accrescimento del predetto valore ed ha carattere dinamico e rientrante nella competenza del Soggetto Pubblico, diverso dallo Stato, che ne titolare. Tale impostazione stata confermata dalla Corte Costituzionale in due recenti sentenze, la n. 9 del 13 gennaio 2004 e la n. 26 del 20 gennaio 2004, precisando che gli aspetti fondamentali della valorizzazione sono la gestione e la fruizione del bene culturale nellinteresse di tutta la collettivit.

Dopo il fallimentare tentativo di attribuire, secondo il disposto dellart.150 del D.lgs. 112/98, la gestione museale in base al principio di sussidiariet verticale ed il passaggio di funzioni in materia dallo Stato alle Regioni ed agli altri Enti territoriali, il Codice ha avuto larduo compito di ricomporre la materia sulla base dei nuovi equilibri costituzionali privilegiando lo strumento convenzionale, cos come disposto espressamente dallart. 5, tant che lo Stato, le Regioni e gli Enti Locali agiscono, ciascuno nel proprio ambito, sulla base di programmi concordati con lobiettivo di costituire un sistema integrato di tutela e valorizzazione. Gli accordi istituzionali (o cooperazioni come li definisce il Codice), a cui si applicano la L.241/90, la L.662/96, la L.449/97 ed anche lart. 34 del T.U.E.L. (D.lgs. 267/2000), non solo costituiscono un modo di esercitare congiuntamente le attivit di valorizzazione, ma sono gli strumenti attraverso i quali possibile arrivare a trasferire alle Regioni ed agli altri enti pubblici territoriali la disponibilit di istituti e luoghi di cultura, allo scopo di evitare, in un settore cos delicato, frammentazioni e disparit.

Il museo "Un'istituzione permanente, senza scopo di lucro, al servizio della societ e del suo sviluppo aperta al pubblico, che compie ricerche sulle testimonianze materiali dell'uomo e del suo ambiente, le acquisisce, le conserva, le comunica e soprattutto le espone a fini di studio, di educazione e di diletto"3, per tanto sulla base di questa definizione esso va considerato, da una parte come un bene culturale in s, distinto dalle cose mobili di pregio ivi raccolte, e, sotto un altro aspetto come un servizio reso alla collettivit. Tale sua idoneit lo qualifica come bene dinteresse pubblico, a prescindere sia dal regime di propriet delle collezioni ivi contenute, sia dalla forma di gestione del suo patrimonio, meritevole dintervento da parte dei pubblici poteri4.

Con il d.lgs 29 ottobre 1999 n. 4905 la legislazione nazionale per la prima volta ha introdotto la definizione di museo qualificandolo: Struttura comunque denominata, organizzata per la conservazione, valorizzazione e fruizione di raccolte di beni culturali. Una evoluzione di tale definizione rappresentata dallart.101 del d.lgs 42/2004 (Codice dei beni culturali) che annovera i musei fra gli istituti e i luoghi di cultura e definisce il museo Struttura permanente che acquisisce, conserva, ordina, ed espone beni culturali per finalit di educazione e di studio Va poi evidenziato che, in base al Decreto del Ministero dei Beni Culturali del 10 maggio 2001, la gestione del museo deve essere assicurata mediante strutture organizzative apposite, dotate di autonomia organizzativa, finanziaria, contabile e scientifica con il supporto di personale specializzato. In particolare il museo, a prescindere dallappartenenza giuridica, deve avere uno statuto o un regolamento che ne orienti lattivit ed il funzionamento e che individui la natura di organismo permanente e senza scopo di lucro, la missione e le finalit, le forme di governo e di gestione, lassetto finanziario e lordinamento contabile, le norme e le dotazioni di personale, il patrimonio, i principi generali per la gestione e cura delle collezioni, i principi generali di erogazione dei servizi al pubblico, le modalit di raccolta dei dati sullattivit e la gestione del museo, i compiti e le funzioni del museo in riferimento al territorio in cui situato. Sempre in riferimento alla natura del museo, ricordiamo che ai sensi del decreto del Ministero degli Interni del 31 dicembre 1983, emanato in base alla legge 26 aprile 1983, n. 131, tra le categorie dei servizi pubblici locali a domanda individuale sono inclusi al punto 16) i musei, ci comporta che tale servizio non ha carattere di gratuit, non ha carattere produttivo ed coperto da contribuzione dellutenza, anche non generalizzata.

Nellambito dei servizi museali, necessario distinguere tra il servizio primario (la fruizione in senso lato della struttura da parte degli utenti) e quelli che lo stesso Codice dei Beni Culturali definisce allart. 117 Servizi Aggiuntivi quali: la biglietteria; il servizio ristoro-caffetteria i servizi di accoglienza, la gestione del punto di ritrovo e di portineria, il guardaroba, e i servizi di sicurezza ed assistenza al pubblico, fra cui visite guidate; lattivit di custodia, la sorveglianza e la vigilanza delle sale espositive e delle opere darte esposte; inventariazione e catalogazione di beni storico - artistici; il controllo e la regolazione dellaffluenza del pubblico nelle sale ed il servizio di hostess; il servizio di pulizia e manutenzione ordinaria; lattivit editoriale e il servizio di vendita di libri, cataloghi, audiovisivi e del materiale informativo e della riproduzione dei beni culturali e oggettistica; le attivit di supporto tecnico-amministrativo quali la progettazione e realizzazione di moduli didattici specifici per le scuole di ogni ordine e grado, i laboratori didattici, la progettazione di percorsi museali, la comunicazione, la promozione, lorganizzazione di mostre e manifestazioni e tutto ci che costituisce marketing museale.

2. Scelta Gestionale ed in particolare la Concessione dei Servizi Museali

Lart. 42, comma 2, lett. e) del T.U.E.L., cos come modificato dallart. 35, comma 12, della legge 448/2001 prevede che il consiglio dellEnte Locale sia lorgano competente ad emanare atti di organizzazione dei pubblici servizi, costituzione di istituzioni e aziende speciali, concessione dei pubblici servizi. Quindi al Consiglio Comunale spetter la decisione di assumere la gestione del servizio museale e la scelta tra le diverse figure giuridiche di organizzazione, compresa la competenza ad adottare lo Statuto/Regolamento per lesercizio del medesimo. Alla Giunta sono attribuite funzioni di indirzzo politico non espressamente riservate al consiglio, quali ad esempio la individuazione di specifiche attivit culturali che possono riguardare la struttura mussale (convegni, mostre, spettacoli, etc.). Ai Dirigenti e/o Responsabili dei servizi culturali, o comunque denominati, resta affidata la responsabilit di predisporre atti negoziali e la conduzione delle gare per attuale quanto deliberato dagli organi politici.

La gestione di un museo da parte di unamministrazione locale determina la necessit di adottare la scelta migliore per poter coniugare le esigenze prioritarie della tutela con una visione moderna del bene culturale. Si ormai consolidata la convinzione che, accanto allo storico ruolo conservativo, il museo debba affiancare quello didattico - divulgativo, ed , dunque, questo il primo compito che il gestore museale deve svolgere verso i visitatori con il conseguente potenziamento dei processi produttivi direttamente connessi ai servizi culturali, attraverso una gestione adeguata degli allestimenti, della didattica, oltre che di unofferta di servizi aggiuntivi innovativi.

Se in passato il museo costituiva di per s il punto di riferimento per studiosi e ricercatori, oggi acquisita centralit il pubblico nelle politiche di gestione e non si pu prescindere dalla sua eterogeneit e attrarre un numero di visitatori pi ampio significa diversificare lofferta e, allo stesso tempo, renderla attraente. Simpone dunque una concreta inversione di tendenza rispetto al passato, cercando di favorire la mobilitazione di capitali privati. Ma ci possibile solo nel quadro, pi ampio, di una profonda ridefinizione del rapporto pubblico - privato in questo settore attuando la sussidiariet orizzontale di cui tanto si discute in ambito nazionale e comunitario.

Il vero nodo della questione riguarda il tipo di gestione che pu essere adottato per le strutture museali. Dal punto di vista normativo i principi gestionali sono contenuti negli artt. 115 e ss. del Codice il quale distingue due forme di gestione: quella diretta e quella indiretta. La prima si realizza attraverso strutture organizzative interne allEnte adeguatamente competenti, la seconda, che risponde allesigenza di assicurare un miglior livello di fruizione pubblica dei beni culturali, attuata attraverso laffidamento diretto dei servizi ad istituzioni, fondazioni, associazioni, consorzi, societ di capitali o altri soggetti costituiti o partecipati, in misura prevalente, dallamministrazione pubblica cui i beni pervengono, oppure mediante Concessioni a terzi (esternalizzazione). In materia gestionale le disposizioni del Codice dei Beni Culturali devono essere coordinate con le norme in materia di gestione dei servizi pubblici locali di cui allart. 113 bis del T.U.E.L. (D. Lgs. 267/2000) Gestione dei servizi pubblici locali privi di rilevanza economica, cos come modificato prima dalla L.21/12/2001 n.488 (Legge Finanziaria per il 2002) e successivamente dal Decreto legge 30/09/2003 n. 269, convertito con la Legge 24/11/2003 n. 326.

Nellambito della gestione indiretta, necessario distinguere tra:

affidamento istituzionale ad organismi associativi di tipo pubblico o, viceversa, quale espressione di paternariato pubblico privato;

gestione contrattuale tra amministrazioni pubbliche (cooperazione interistituzionale) o tra pubblico e privato;

gestione di tipo misto in una combinazione di strumenti di natura istituzionale e contrattuale6.

Nella forma di gestione di cui al punto 1) si fanno rientrare: le aziende speciali, le istituzioni, le associazioni, le fondazioni, le societ cooperative o di capitali. Al punto 2) ricordiamo: le convenzioni, i protocolli dintesa, gli accordi di programma, le concessioni e, per certi versi, anche i contratti di sponsorizzazione. Al punto 3) i consorzi, le Unioni di Comuni, le Comunit Montane.

La formalizzazione della strategia per la esternalizzazione, ed in particolare la "privatizzazione" dei servizi culturali si inserisce in un quadro di operazioni assai complesso, il quale prevede almeno tre fasi di sviluppo: a) l'analisi di fattibilit del processo di privatizzazione, con evidenziazione dei vantaggi economici e delle possibili problematiche gestionali; b) l'esatta qualificazione dei servizi culturali da affidare e la precisa configurazione del soggetto deputato a gestirli; c) la formalizzazione dellaffidamento dei servizi culturali, con conseguente stipulazione del contratto di servizio.

Un discorso a parte bisogna fare per quanto riguarda lo strumento gestionale della Concessione a terzi, ricordando in premessa che la concessione viene definita come provvedimento amministrativo che attribuisce al soggetto a favore del quale viene emanato un diritto o una serie di potest, o comunque una posizione legittimante in ordine a beni pubblici, servizi pubblici o opere pubbliche7. I provvedimenti concessori si distinguono, secondo la pi comune e consolidata teoria in merito, in concessioni costitutive e concessioni traslative: le prime determinano ex novo la nascita di una posizione di vantaggio a favore del soggetto destinatario; le seconde determinano il trasferimento di poteri dal soggetto concedente al concessionario. Con la concessione a terzi lEnte dismette la gestione conservando la sola titolarit del servizio e affidandolo a terzi. Si ricorre alla concessione di pubblico servizio, qualora sussistano ragioni tecniche, economiche e di opportunit sociale. Le ragioni tecniche sono rinvenibili nelle ipotesi nelle quali la P.A. non disponga di strutture tecnologiche e scientifiche capaci di assicurare al meglio lerogazione del servizio. Le ragioni economiche possono essere reperite in una minore spesa, sia corrente che in conto capitale, che la P.A. intende sostenere per lo sviluppo, oltre che per la gestione di un dato servizio, rispetto a quello che avrebbe dovuto affrontare con la gestione diretta, ovvero con unazienda speciale. Le ragioni di opportunit sociale costituiscono, invero, la componente di maggiore variabilit del quadro degli elementi di decisione, in quanto si riconnettono ad aspetti peculiari del servizio specifico, incidenti sulle dinamiche di soddisfazione della comunit locale.

La concessione di un pubblico servizio, oggetto della presente trattazione, considerata per dottrina tradizionale una concessione di tipo traslativo in quanto la P.A. titolare del servizio, anzich gestirlo mediante propri uffici o strutture, sulla base di una scelta discrezionale, pu conferirne lesercizio di esso a soggetti privati. Si parla in questo caso di concessione ufficio perch il concessionario legittimato allesercizio di un pubblico ufficio destinato alla prestazione di un servizio in favore della collettivit. La concessione di "pubblici servizi" presuppone non solo il fatto che il servizio sia reso a terzi (e non all'amministrazione) ma anche che il corrispettivo sia tutto o in parte a carico degli utenti; pertanto, non l'inerenza al "pubblico" connota il servizio come "pubblico" ma la destinazione dello stesso ad un pubblico di utenti (cos T.A.R. Puglia Bari, sez. II, 23 aprile 1998, n. 367). Da quanto detto emerge che affinch si possa parlare di concessione di servizi sono necessari tre presupposti: 1) lofferta indiscriminata al pubblico del servizio erogato; 2) lastratta possibilit per lente pubblico concedente di poterlo gestire in esclusiva; 3) il servizio, di regola, deve consistere in prestazioni ripartibili ed erogabili alla collettivit dietro corrispettivo. Nella concessione di pubblico servizio il concessionario sostituisce la pubblica amministrazione nell'erogazione del servizio, tant vero che per consolidata giurisprudenza, il privato concessionario di un servizio pubblico riveste la qualifica di incaricato di pubblico servizio anche ai fini penali(Cassazione penale, sez. VI, 17 ottobre 1996, n. 10735).

La pubblica amministrazione, salva la sussistenza di specifiche ragioni che rendano inopportuna o impossibile la selezione tra pi soggetti o pi offerte, non esonerata dal dovere di ricercare e comparare posizioni ed offerte diverse, al fine di scegliere il concessionario pi idoneo in base alle capacit tecniche, professionali ed economiche e le condizioni pi convenienti per il perseguimento degli interessi pubblici affidati alle sue cure (T.A.R. Lombardia Milano, 8 giugno 1988, n. 767), avvalendosi anche di gare informali o di consultazione, facendo dipendere laggiudicazione dallesito dei contatti avuti con i soggetti interessati, che consapevoli delle offerte altrui, pongono in essere le proprie (Cass. Sez.VI, sentenza 10 maggio 1996, n. 4741).

Al provvedimento unilaterale della Pubblica Amministrazione (la deliberazione di affidamento del servizio) accede un contratto privatistico (contratto di servizio), disciplinante in particolare i rapporti patrimoniali tra le parti. In riferimento al contenuto del rapporto lobbligo primario del concessionario quello di svolgere il servizio conformemente a quanto dettagliatamente previsto nelleventuale bando o capitolato di gara, a tale dovere corrisponde il potere della P.A. concedente di monitorare e controllare lorganizzazione gestoria del servizio al fine di assicurare il buon andamento nella gestione senza alcun pregiudizio per linteresse pubblico sotteso al suo espletamento. Nei casi pi gravi la stessa amministrazione pu ricorrere al potere sostitutivo nei confronti del concessionario (si parala di esecuzione in danno in questo caso), ma se vi una precisa responsabilit del gestore concessionario non escluso il ricorso a provvedimenti di tipo sanzionatorio, che possono comportare anche la revoca della concessione. Al contrario i diritti del concessionario si sostanziano in primo luogo nel corrispettivo, che di regola viene assicurato attraverso un canone pagato dagli utenti, a tal proposito ha diritto all'adeguamento delle tariffe agli aumentati costi di gestione, affinch gli sia consentito un equo margine di utile, come vuole il dettato costituzionale di cui agli art. 41 e 42 cost. che costituisce un limite alla discrezionalit dell'amministrazione in sede di controllo ed approvazione delle tariffe anzidette (Consiglio Stato, sez. V, 22 aprile 1980, n. 449; Cons di Stato, sez. VI, 21 aprile 1999 n.484.).

3. I Problemi Connessi alla Scelta del Concessionario

Lart.115 del Codice dei beni culturali va oggi letta, proprio in materia di gestione dei servizi locali, alla luce dei principi sanciti dalla sentenza della Corte Costituzionale del 27 luglio 2004 n. 272 che ha dichiarato incostituzionale la riforma dei servizi pubblici locali attuata con il Decreto legge 30 settembre 2003 n. 269, convertito con la Legge 24 novembre 2003 n. 326.

Prima della citata sentenza della Corte Costituzionale si escludeva che la concessione a terzi potesse trovare applicazione nellaffidamento dei servizi privi di rilevanza economica in assenza di un preciso riferimento sia nellart.113 bis del T.U.E.L., sia nellart. 115 del Codice che, pur prevedendo lo strumento concessorio, esclude che di esso le autonomie locali potessero avvalersene, cos come si ricava dalla lettura combinata dei commi 4 e 6. La ragione di fondo di tale esclusione vanno ricercata in due ordini di motivi: il primo riguarda la capacit delle amministrazioni locali di poter assicurare, in caso di concessione del servizio, ladeguato controllo sul regolare svolgimento del servizio; il secondo riguarda laspetto pi strettamente economico in quanto con ogni probabilit il legislatore esclude che possano esistere un mercato per i servizi privi di rilevanza economica tal da poter consentire lindividuazione di soggetti privati capaci di gestirli.

Lintervento della Consulta teso a definire lambito di operativit della competenza legislativa statale attinente alla tutela della concorrenza e conseguentemente la legittimit dei relativi interventi statali. Per tanto, da un lato, in materia di servizi pubblici locali aventi rilevanza economica, in base allart.117 Cost., secondo comma lett. e), la Corte ha ritenuto legittimo lintervento normativo dello Stato con la riforma dellart 113 del T.U.E.L. Dallaltro sui servizi locali privi di rilevanza economica ha dichiarato lincostituzionalit della puntuale disciplina contenuta nellart. 113 bis del T.U.E.L. e questo proprio in ragione del fatto che in un ambito in cui non pu esistere un mercato concorrenziale lo Stato, sulla base dellattuale assetto costituzionale, non sarebbe legittimato ad intervenire normativamente, avendo competenza in materia solo le Regioni e gli Enti Locali. Ci ha, di fatto, comportato unapparente situazione di vuoto normativo con il venir meno del principio di tipicit delle forme di organizzazione dei servizi privi di rilevanza economica. In realt tale vuoto normativo pu essere superato dagli enti locali che, salvo diversa previsione da parte del legislatore regionale o dello Statuto dellEnte, potranno continuare ad utilizzare le forme di gestione in economia, ovvero gli organismi istituzionali forniti di propria autonomia quali le aziende speciali, le societ di capitali con partecipazione totalitaria, minoritaria o maggioritaria degli enti stessi ed, inoltre, non esclusa la possibilit di avvalersi della concessione a terzi.

Nel caso specifico della gestione del servizio museale ci si chiede se tale servizio possa essere considerato privo o meno di rilevanza economica ed in particolare, distinguendo tra il servizio primario di gestione del Museo ed i relativi servizi aggiuntivi, di questi ultimi non pu essere esclusa la rilevanza economica. A tal proposito bisogna ricordare che non esiste una definizione certa sulla base della quale stabilire quando un servizio abbia o meno rilevanza economica, cos come ci ricorda la Commissione europea, nel Libro verde sui servizi di interesse generale (COM-2003-270) del 21 maggio 2003, nel quale si affermato che ...le norme sulla concorrenza si applicano soltanto alle attivit economiche, precisando che la distinzione tra attivit economiche e non economiche ha carattere dinamico ed evolutivo, cosicch non sarebbe possibile fissare a priori un elenco definitivo dei servizi di interesse generale di natura non economica..... In particolare la giurisprudenza amministrativa nel nostro paese afferma che un servizio ha rilevanza economica se si innesta in un settore per il quale esiste, quantomeno in potenza, una redditivit, e quindi una competizione sul mercato; pu invece considerarsi privo di rilevanza quello che, per sua natura o per i vincoli ai quali sottoposta la relativa gestione, non da luogo ad alcuna competizione e quindi appare irrilevante ai fini della concorrenza (Cos T.A.R. Liguria, II sez. 28 aprile 2005 n.527). La conseguenza di quanto finora detto che, qualora fosse possibile affermare che il servizio museale abbia natura di servizio privo di rilevanza economica, lente locale, nella scelta del terzo concessionario, non necessariamente dovrebbe ricorrere allevidenza pubblica, potendo procedere ad un affidamento diretto mediante semplice trattativa privata, salvo diversamente prevedere la legislazione regionale in materia, ma soprattutto fatta salva lipotesi in cui non sia possibile rinvenire nellambito dello stesso territorio un soggetto terzo che svolga, o che possa svolgere, la medesima attivit, poich in questo caso lEnte locale non potrebbe non procedere ad una pubblica gara per la scelta dellaffidatario, cos come confermato dal T.A.R. Sardegna in una vicenda analoga inerente allaffidamento diretto del servizio ad una societ a totale partecipazione dellEnte (sentenza n. 1729 del 2 agosto 2005).

Fatte queste premesse dobbiamo rilevare lesistenza di un contrasto giurisprudenziale circa laffidamento dei servizi museali, per cui, cos come affermato dal T.A.R. Lazio, Roma, Sez. II, sentenza n. 7590 del 28 settembre 2005, ove lAmministrazione locale ha rinunciato alla gestione diretta dei servizi museali, affidandoli in concessione, deve bandire senza alcun indugio la procedura ad evidenza pubblica per laffidamento, a termini di legge, dei medesimi servizi in caso di dismissioni o cessazione del precedente affidamento. Su una questione analoga lo stesso T.A.R. Lazio Roma, II sez, con la sentenza n. 11471 del 17 novembre 2005 stabilisce che l'art. 115 del D.Lgs. n. 42 del 2004 contiene in s una disciplina conclusa e compiuta che non affatto integrativa rispetto a quella dettata dall'art. 113 bis del D.Lgs. n. 267 del 2000, ma alternativa proprio per effetto del suo chiaro carattere di specialit, ci comportando che lart. 115 e 117, nel menzionare le societ o gli altri soggetti, non impone la selezione del socio di minoranza mediante procedure ad evidenza pubblica, considerando invece quale criterio rilevante quello della pertinenza dei beni e quello della partecipazione prevalente da parte dell'amministrazioni interessate garantendo in tal modo il controllo sull'uso del bene connotato da una certa rilevanza culturale ed artistica; la circostanza che la disposizione non impone l'osservanza di procedure di evidenza pubblica con riferimento alle modalit di gestione indicate nella predetta lettera a) dellart 115, comma 3, implica la precisa volont del legislatore di consentire un affidamento diretto ad una societ mista in cui il socio di minoranza non viene scelto mediante procedure predeterminate. Le vicende giudiziarie inerenti alle sentenze menzionate dimostrano chiaramente che lo strumento concessorio pu rilevare lesistenza di un forte interesse da parte dei privati nella gestione mussale che possono ricevere un evidente ritorno economico connesso allaffidamento, anche attraverso la gestione dei citati servizi aggiuntivi.

Ne sembra che, ai fini di quanto finora stato detto, per la risoluzione della questione possa assumere rilevanza limminente adozione del Codice dei Contratti Pubblici di lavori, servizi e forniture, che recependo le direttive 2004/17 e 2004/18 allart. 30 ha introdotto una disciplina organica e coordinata sulla concessione dei servizi, stabilendo che la concessione di servizi si distingue dallappalto di servizi sotto il duplice profilo che il servizio non necessariamente prestato a favore di unamministrazione aggiudicatrice, potendo essere prestato anche a favore della collettivit; la remunerazione dellaggiudicatario non un prezzo, bens il diritto di gestire il servizio. Sebbene la direttiva comunitaria abbia tendenzialmente escluso dal proprio ambito le concessioni di servizi, secondo la giurisprudenza comunitaria e nazionale laffidamento delle concessioni di servizi non pu essere sottratto ai principi espressi dal Trattato in tema di tutela della concorrenza, confermando quanto detto in precedenza.

Tutto questo per non esclude che le autonomie locali che si avvalgono di tale strumento devono essere in grado di ponderare adeguatamente le capacit tecniche dellaffidatario sia al momento della scelta del concessionario, a prescindere dallobbligo o meno di rispettare le norme sullevidenza pubblica, sia di controllare durante tutto il rapporto di servizio il mantenimento degli standard qualitativi richiesti, evitando un distacco assoluto tra la titolarit e la gestione nellinteresse generale della collettivit tutta e non solo quella locale amministrata.
-------------------------------------------------------------
1 Corte dei Conti Deliberazione n. 8/AUT/2005 Sezione Autonomie Locali, adunanza del 16 novembre 2005.

2 Ricordiamo in particolare gli articoli 148 e ss.del D.lgs. 31/03/1998 n.112, e soprattutto il d.lgs 29 ottobre 1999 n.490 (Testo unico delle disposizioni legislative in materia di beni culturali e ambientali).

3 ICOM, Codice di deontologia professionale, adottato dalla 15 Assemblea generale dell'ICOM riunita a Buenos Aires, Argentina, il 4 novembre 1986.

4 M.S.Giannini I beni culturali in Riv. Trim. Diritto pubblico. 1976.

5 art.99 comma 2 lett.a)

6 Tale ripartizione corrisponde a quella fatta propria dalla Commissione Europea nel Libro Verde relativo ai paternariati pubblico privati ed al diritto comunitario degli appalti pubblici e delle concessioni del 30/04/2004.

7 cos Galli R. Corso di diritto Amministrativo ed.1997 Cedam, pag. 546

http://www.altalex.com/index.php?idstr=24&idnot=33700


news

02-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 2 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news