LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CONTRIBUTO SU ALTALEX: sanatoria edilizia e principi costituzionali
http://www.altalex.com/

SANATORIA EDILIZIA STRAORDINARIA E PRINCIPI COSTITUZIONALI
ANCORA SULLA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE N. 49 DEL 2006
UN MONITO PER LA CASSAZIONE ?

di Bruno Molinaro


SOMMARIO: 1. I PRINCIPI AFFERMATI DALLA CORTE CON RINVIO AI PRECEDENTI (SENTENZE N. 196 DEL 2004 E NN. 70 E 71 DEL 2005). 2. LAMPIO POTERE DISCREZIONALE DELLE REGIONI NEL DEFINIRE I CONFINI ENTRO CUI MODULARE GLI EFFETTI, SUL VERSANTE AMMINISTRATIVO, DEL CONDONO EDILIZIO STRAORDINARIO: NON E IRRAGIONEVOLE SUBORDINARE LA SANABILITA DELLE OPERE ALLULTERIORE CONDIZIONE CHE IL CONTRAVVENTORE NON ABBIA GI BENEFICIATO DI ALTRI CONDONI. 3. LINAMMISSIBILITA DI UN CONDONO TOMBALE OPE LEGIS E, PER GIUNTA, GRATUITO. 4. LA LETTURA AMPLIATIVA E COSTITUZIONALMENTE ORIENTATA DELLART. 32, COMMA 27, LETT. D), DEL D.L. N. 269 DEL 2003 PER GLI ABUSI SU IMMOBILI VINCOLATI: UN MONITO PER LA CASSAZIONE? 5. LE ALTRE NOVITA EMERSE DALLA SENTENZA N. 49 DEL 2006. 6. IL RAFFRONTO CON LA CIRCOLARE DEL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI N. 2699 DEL 2005 (SUL SUPERAMENTO DELLE VOLUMETRIE MASSIME E SULLO SCORPORO DI DUBBIA COSTITUZIONALITA DELLE OPERE ECCEDENTI I 3000 METRI CUBI). 7. LE ESIGENZE DI CASSA E I VINCOLI EUROPEI SULLA SPESA PUBBLICA NON CONDIZIONANO LAUTONOMIA LEGISLATIVA DELLE REGIONI.

* * * * * * *

1. I PRINCIPI AFFERMATI DALLA CORTE CON RINVIO AI PRECEDENTI (SENTENZE N. 196 DEL 2004 E NN. 70 E 71 DEL 2005).

Con la sentenza che si annota, la Corte, preso atto che le questioni di costituzionalit sollevate dal Presidente del Consiglio dei Ministri contro numerose disposizioni di sette leggi regionali (dellEmilia Romagna, n. 23 del 2004, della Toscana, n. 53 del 2004, delle Marche, n. 23 del 2004, della Lombardia, n. 31 del 2004, del Veneto, n. 21/2004, dellUmbria, n. 21 del 2004, e della Campania, n. 10 del 2004) sottoposte al suo sindacato erano, in larga parte, fondate su differenziate, se non contrapposte, interpretazioni della giurisprudenza della stessa Corte in ordine allambito di applicazione del nuovo condono edilizio, prima di addentrarsi nellesame del merito delle censure ha avvertito la necessit di richiamare alcuni suoi fondamentali insegnamenti.

Dopo aver ricordato che, nella disciplina del condono edilizio di tipo straordinario, convergono la competenza legislativa esclusiva dello Stato, per quanto riguarda la esenzione dalla sanzionabilit penale e alcuni limitati contenuti di principio (come quelli, ad esempio, relativi alla previsione del titolo abilitativo edilizio in sanatoria di cui al comma 1 dellart. 32, al limite temporale di realizzazione delle opere e alla determinazione delle volumetrie massime condonabili), e la competenza legislativa di tipo concorrente delle Regioni ad autonomia ordinaria in tema di governo del territorio, di valorizzazione dei beni culturali ed ambientali e nelle altre materie riconducibili al quarto comma dellart. 117 Cost., la Consulta ha stabilito, in linea con quanto gi evidenziato, sul punto, nella precedente sentenza n. 196 del 2004, che per tutti i restanti profili , invece, necessario riconoscere al legislatore regionale un ruolo rilevante pi ampio che nel periodo precedente di articolazione e specificazione delle disposizioni dettate dal legislatore statale sul versante amministrativo della sanatoria (paragrafo 20 del Considerato in diritto).

Daltra parte ha aggiunto la Corte le censure relative alladozione di un nuovo condono straordinario, sempre nella sentenza n. 196 del 2004, sono state dichiarate infondate in relazione alla presunta violazione del principio di ragionevolezza (a causa dellasserita mancanza di circostanze eccezionali che potessero giustificare la ulteriore reiterazione di un provvedimento certamente lesivo della certezza del diritto), solo perch stato possibile attribuire al comma 2 dellart. 32 del citato decreto legge n. 269 del 2003 il significato di individuare la giustificazione del condono da esso previsto << nelle contingenze particolari della recente entrata in vigore del nuovo titolo V della seconda parte della Costituzione, che consolida ulteriormente nelle Regioni e negli enti locali la politica di gestione del territorio >>.

E stata cos pronunziata dichiarazione di illegittimit costituzionale in relazione al << comma 25 dellart. 32 nella parte in cui non prevede che la legge regionale di cui al comma 26 possa determinare limiti volumetrici inferiori a quelli indicati nella medesima disposizione >>.

E utile sottolineare che, con le successive decisioni nn. 70 e 71 del 2005, la Corte aveva, altres, precisato che ci che esula dalla potest delle Regioni << il potere di rimuovere i limiti massimi di ampiezza del condono individuati dal legislatore statale >> e che, << a seguito della citata sentenza n. 196 del 2004, la disciplina contenuta nellart. 32 del decreto legge n. 269 del 2003 ha subito una radicale modificazione, soprattutto attraverso il riconoscimento alle Regioni del potere di modulare lampiezza del condono edilizio in relazione alla quantit e alla tipologia degli abusi sanabili, ferma restando la spettanza al legislatore statale della potest di individuare la portata massima del condono edilizio straordinario, attraverso la definizione sia delle opere abusive non suscettibili di sanatoria, sia del limite temporale massimo di realizzazione delle opere e delle volumetrie massime sanabili >>.

Sulla base di tali principi e dei confini cos delineati tra competenza legislativa statale e competenza legislativa regionale, la Corte ha esaminato nel merito le varie censure prospettate nei ricorsi dellamministrazione statale.

Il risultato stato che talune disposizioni delle leggi dellEmilia Romagna e delle Marche sono state dichiarate costituzionalmente illegittime, nel mentre per la Lombardia, il Veneto, la Toscana e lUmbria lo scrutinio di legittimit costituzionale si rilevato, invece, positivo.

Tralasciando il caso della Campania (gi oggetto di un mio precedente contributo), la cui legge n. 10 del 2004 stata, in gran parte, dichiarata costituzionalmente illegittima perch intervenuta fuori tempo massimo, ovvero oltre il termine di quattro mesi dalla data di entrata in vigore del decreto legge n. 168 del 2004, cos come convertito nella legge n. 191 del 2004, i principali punti di novit emersi dalla pronuncia della Corte sono quelli di seguito indicati sub 2, 3, 4, 5 e 7.

2. LAMPIO POTERE DISCREZIONALE DELLE REGIONI NEL DEFINIRE I CONFINI ENTRO CUI MODULARE GLI EFFETTI, SUL VERSANTE AMMINISTRATIVO, DEL CONDONO EDILIZIO STRAORDINARIO: NON E IRRAGIONEVOLE SUBORDINARE LA SANABILITA DELLE OPERE ALLULTERIORE CONDIZIONE CHE IL CONTRAVVENTORE NON ABBIA GI BENEFICIATO DI ALTRI CONDONI.

Accertato, come gi detto, nella sentenza n. 196 del 2004, che riconosciuto al legislatore regionale un ampio potere discrezionale nel definire i confini entro cui modulare gli effetti, sul versante amministrativo (governo del territorio), del condono edilizio straordinario, non stato ritenuto irragionevole che una regione subordini, in concreto, la sanabilit delle opere allulteriore condizione che le stesse non abbiano beneficiato di precedenti condoni.

Cos, ad esempio, aveva fatto la Regione Emilia Romagna (art. 32 legge n. 23 del 2004), la quale aveva aggiunto agli interventi non ammessi a sanatoria anche quelli realizzati su unit abitative gi oggetto di condono ai sensi dei capi IV e V della legge 28 febbraio 1985, n. 47, o dellart. 39 della legge 23 dicembre 1994, n. 724.

Analogamente, la Regione Umbria (art. 21, comma 1, lett. e, legge n. 21 del 2004) aveva escluso la sanabilit dellampliamento di edifici la cui intera costruzione avesse gi beneficiato di precedenti condoni edilizi.

Va detto per inciso che anche la Campania, allart. 4, comma 1, lett. d), della legge n. 11 del 2004, aveva vietato laccesso alla sanatoria alle opere abusive in ampliamento di manufatto gi oggetto di condono, se superiore al cinque per cento della volumetria della costruzione originaria.

Nel suo ricorso la Presidente del Consiglio dei Ministri ha eccepito che tali disposizioni violerebbero gli artt. 3, 42 e 117 Cost., poich la previsione di ulteriori condizioni ostative allammissibilit della sanatoria contrasterebbe con la normativa statale di principio, con il principio di uguaglianza e con la disciplina costituzionale della propriet privata, in quanto discriminerebbe gli attuali proprietari degli edifici in questione che potrebbero essere soggetti diversi dagli autori dei precedenti abusi e dai proprietari degli immobili allepoca in cui essi sono stati realizzati. Inoltre, la discriminazione tra propriet edilizie e relativi proprietari sarebbe invasiva della competenza esclusiva in materia di ordinamento civile e penale.

La Corte ha ritenuto infondate tali censure, sul rilievo che << non costituisce irragionevole scelta legislativa la subordinazione da parte della Regione della condonabilit delle opere abusive alla ulteriore condizione che le stesse non abbiano gi beneficiato di precedenti condoni, volendosi evidentemente in tal modo penalizzare la reiterazione di comportamenti illeciti >>.

Sul piano strettamente pratico, laffermazione della Corte non priva di conseguenze soprattutto per le regioni, come la Campania e la Sicilia, in cui labusivismo edilizio costituisce un fenomeno ampiamente diffuso tra i vari strati delle popolazioni, sicuramente pi che in altre regioni dItalia, e nelle quali, quasi sempre, chi ha beneficiato del terzo condono si avvalso anche del secondo e non di rado anche del primo.

Queste ed altre regioni, ove, in futuro, dovesse essere ritenuta ammissibile (ma da escludere) una ulteriore (lennesima) sanatoria straordinaria da parte dello Stato per chiss quali nuove, pressanti ed irrinunciabili esigenze finanziarie, magari in concomitanza con lentrata in vigore di una nuova organica disciplina in materia edilizia, avrebbero la possibilit, alla luce dellultima decisione del giudice delle leggi, di vanificarne (quasi) del tutto gli effetti, perch sarebbe davvero difficile trovare qualcuno che non abbia beneficiato di precedenti condoni.

A meno di non voler sottilizzare, operando un distinguo tra chi abbia conseguito materialmente il condono e chi si sia solo limitato a farne richiesta senza ottenere il rilascio del titolo. Ma la ratio delle norme in discorso come sottolineato dalla Corte quella di voler penalizzare la reiterazione di comportamenti illeciti, la qualcosa non assolutamente irragionevole.

3. LINAMMISSIBILITA DI UN CONDONO TOMBALE OPE LEGIS E, PER GIUNTA, GRATUITO.

Un condono tombale, ope legis e finanche gratuito, non ammissibile, risolvendosi nella estensione al di fuori dello schema procedimentale tipico della sanatoria straordinaria ad ipotesi ulteriori rispetto a quelle previste dallart. 32 del decreto legge n. 269 del 2003.

La Consulta, nellaffermare tale principio, ha dichiarato lillegittimit costituzionale dellart. 26, comma 4, della legge della Regione Emilia Romagna n. 23 del 2004, che aveva codificato una nuova fattispecie di condono automatico e senza il sinallagma della monetizzazione per le opere edilizie autorizzate e realizzate anteriormente alla legge 28 gennaio 1977, n. 10 (norme per la edificabilit dei suoli), che presentino difformit esecutive.

La difesa regionale, in relazione alle censure dellAvvocatura che aveva contestato leffetto di ampliamento degli interventi ammessi alla sanatoria amministrativa, aveva tentato di giustificare la disposizione, sostenendo che essa aveva ad oggetto solo difformit esecutive lievi e risalenti nel tempo e mirava, comunque, ad assicurare la certezza del diritto e la facilit degli scambi privati.

La Corte, nel ritenere fondate le censure dellAvvocatura generale ha ribadito ancora una volta che le regioni non possono rimuovere i limiti massimi fissati dal legislatore statale, e che, tra i principi fondamentali cui esse devono attenersi, vi proprio quello della previsione del titolo abilitativo in sanatoria al termine dello speciale procedimento disciplinato dalla normativa statale.

4. LA LETTURA AMPLIATIVA E COSTITUZIONALMENTE ORIENTATA DELLART. 32, COMMA 27, LETT. D), DEL D.L. N. 269 DEL 2003 PER GLI ABUSI SU IMMOBILI VINCOLATI: UN MONITO PER LA CASSAZIONE ?

La sanabilit delle opere realizzate in zona vincolata da escludere solo se si tratti di vincolo di inedificabilit assoluta (divieti di edificazione o prescrizioni di inedificabilit ex art. 33 legge n. 47 del 1985) e non anche nella diversa ipotesi di vincolo di inedificabilit relativa, ovvero di vincolo di tutela suscettibile di essere rimosso mediante un giudizio ex post di compatibilit delle opere da sanare da parte della competente autorit (cfr. Cons. Stato, Sez. V, sent. n. 696 del 4 maggio 1995).

La Corte ed questa, a mio avviso, la novit maggiormente significativa ha, infatti, ritenuto che lart. 3, comma 1, della legge della Regione Lombardia n. 3 del 2005 non sia in contrasto con quanto previsto dallart. 32, comma 27, lettera d), del decreto legge n. 269 del 2003, norma questultima che, secondo linterpretazione ormai consolidata della Cassazione penale, renderebbe di fatto inapplicabile il condono edilizio nelle aree assoggettate a vincolo, nelle quali potrebbero essere, in sostanza, sanati soltanto gli interventi edilizi c.d. minori (riconducibili alle tipologie 4, 5 e 6, secondo quanto previsto anche dal comma 26).

Tralasciando per un momento linterpretazione non condivisibile della Cassazione, sulla quale si ritorner in seguito, soprattutto sul versante penalistico del condono (cfr, sul punto, analiticamente, A.P. Arturo. Il terzo condono edilizio e la Cassazione penale, in Altalex, n. 967 del 7 marzo 2005), quel che emerge dalla decisione in commento e che la Consulta giustifica ed anzi dichiara costituzionalmente legittima la disposizione regionale censurata, giacch, a suo avviso, tale norma si limita oggettivamente << a recepire la normativa statale concernente la sanatoria degli abusi realizzati nelle aree vincolate, senza introdurre ipotesi di sanatoria ulteriori rispetto a quelle previste dal decreto legge n. 269 del 2003 >>.

Eppure, la Presidenza del Consiglio dei Ministri con lAvvocatura generale aveva, nel ricorso introduttivo, fortemente sostenuto lesatto contrario, denunciando il contrasto della disposizione censurata con lart. 117, terzo comma, Cost. e con il principio posto dallart. 32, comma 27, lettera d), del decreto legge n. 269, che << non consente la sanatoria delle opere realizzate su aree comunque vincolate >>, e senza che lo stesso operi una distinzione tra vincoli di inedificabilit assoluta e vincoli di inedificabilit relativa.

La norma regionale, << ove considerata esaustiva ed a s stante rispetto alla legislazione statale e, dunque, interpretabile a contrario, nel senso di consentire un ampliamento della sanatoria >>, violava anche lart. 117, secondo comma, lettera l), Cost. in quanto invadeva lambito della competenza statale esclusiva in materia di ordinamento civile e penale.

Solo in una successiva memoria, lAvvocatura dello Stato aveva, peraltro, ritenuto coerente con la normativa statale linterpretazione datane dalla difesa regionale, nel senso che lAmministrazione non avrebbe fatto altro che ribadire e consacrare, anche in un proprio testo legislativo, quanto gi previsto dalla legislazione statale, allart. 32, comma 27, lettera d).

La pronuncia della Corte Costituzionale, sul punto, apre sicuramente a nuove prospettive interpretative ed applicative della disciplina condonistica, in ispecie sul versante degli effetti penali della sanatoria nelle aree assoggettate a vincolo paesistico.

Si prima accennato allorientamento decisamente restrittivo, in materia, della Corte di Cassazione che, anche in una recente decisione della Terza Sezione penale, n. 33297/05, Palazzi, depositata il 13 settembre 2005, ha avuto modo di ribadire che le << nuove costruzioni, realizzate in assenza del titolo abilitativo edilizio e in area assoggettata a vincolo imposto a tutela degli interessi paesistici, non sono suscettibili di sanatoria, ai sensi dellart. 32, comma 26, lett. a), del decreto legge n. 269 del 2003. Nelle aree sottoposte a vincoli imposti sulla base di leggi statali e regionali a tutela degli interessi idrogeologici, ambientali e paesistici la norma anzidetta ammette, infatti, la possibilit di ottenere la sanatoria soltanto per gli interventi edilizi di minore rilevanza (corrispondenti alle tipologie di illecito di cui ai nn. 4, 5 e 6 dellAllegato 1: restauro, risanamento conservativo e manutenzione straordinaria da parte dellautorit preposta alla tutela del vincolo). In proposito, appare opportuno ricordare che la Relazione governativa al D.L. n. 269/2003 si esprime nel senso che << fissata la tipologia di opere assolutamente insanabili tra le quali si evidenziano quelle realizzate in assenza o in difformit del titolo abilitativo edilizio nelle aree sottoposte ai vincoli imposti sulla base di leggi statali e regionali a tutela degli interessi idrogeologici, ambientali e paesistici (). Per gli interventi di minore rilevanza (restauro e risanamento conservativo) si ammette la possibilit di ottenere la sanatoria edilizia negli immobili soggetti a vincolo previo parere favorevole da parte dellautorit preposta alla tutela. Per i medesimi interventi, nelle aree diverse da quelle soggette a vincolo, lammissibilit alla sanatoria rimessa ad uno specifico provvedimento regionale >> ( cfr., negli stessi sensi, anche Sez. III, 1.10.2004, n. 11593; 21.12.2004, n. 48954; 21.12.2004, n. 48956; 12.1.2005, n. 216 ).

In precedenza, sempre con riferimento ad abusi in zona vincolata, la stessa Corte di Cassazione aveva ritenuto << le opere realizzate non sanabili in forza di quanto disposto dallart. 32, comma 27, lettera d), del D.L. n. 269/2003, secondo cui le opere abusive non sono, comunque, suscettibili di sanatoria qualora siano state realizzate su immobili soggetti ai vincoli e non conformi alle norme urbanistiche ed alle prescrizioni degli strumenti urbanistici. Nelle aree sottoposte ai vincoli anzidetti, solo nel caso di conformit agli strumenti urbanistici le opere abusive possono essere sanate, previo parere favorevole dellautorit preposta al vincolo, come disciplinato dal nuovo testo dellart. 32 della legge n. 47/1985, nella formulazione introdotta dal comma 43 dellart. 32 del detto D.L.. Si applicano, pertanto, i principi fissati dalle Sezioni Unite di questa Corte Suprema con la sentenza 24.11.1999, n. 22 >>.

Riassumendo, secondo i Giudici della nomofilachia, nelle aree vincolate la nuova normativa in materia di condono troverebbe applicazione solo per gli interventi edilizi minori eseguiti senza titolo (tipologie 4, 5 e 6 riferite alle opere di restauro e risanamento conservativo e a quelle di manutenzione straordinaria, art. 32, comma 26 ) e sempre che gli stessi consistano in abusi formali e non anche sostanziali, ovvero in opere per le quali poteva essere regolarmente acquisito il titolo abilitativo preventivo perch conformi alla normativa urbanistica vigente (art. 32, comma 27, lettera d).

Per gli abusi maggiori, come le nuove costruzioni, la sanatoria straordinaria sarebbe inammissibile.

Lorientamento della Corte di Cassazione, nonostante lautorevolezza propria della giurisdizione nomofilattica, non convince appieno, come sembra lasciar intendere, sia pure per via indiretta, il Giudice delle leggi nella sentenza n. 49, in cui si sottolinea lo si ripete in coerenza con la norma statale, che non tutti i vincoli sono ostativi alla sanabilit ma solo quelli di inedificabilit assoluta, tra i quali si segnalano i vincoli di rispetto cimiteriale, i vincoli di rispetto stradale, i vincoli idrogeologici e quelli relativi alle zone omogenee A, A1 ed F1 del P.R.G. sempre, per, che lo stesso risulti debitamente adottato, approvato e pubblicato e, pertanto, vigente.

Il rigetto della tesi sostenuta dalla Cassazione affonda le sue radici, a ben vedere, anche in altre ragioni, in gran parte ancorate ai precedenti insegnamenti della stessa Corte anche a Sezioni Unite (cfr, ex plurimis, Cass. SS.UU. n. 22 del 1999, gi citata).

La fragilit delle argomentazioni addotte da collegare, in primo luogo, al tentativo mal riuscito dei giudici di legittimit di porre sullo stesso piano gli effetti penali ed amministrativi del condono.

Ma, gi con la sentenza n. 196 del 2004, la Corte Costituzionale aveva avvertito lesigenza di chiarire che la nuova normativa di condono << si ricollega sotto molteplici aspetti ai precedenti condoni edilizi che si sono succeduti dallinizio degli anni ottanta, il che reso del tutto palese dai molteplici rinvii contenuti nellart. 32 alle norme concernenti i precedenti condoni, con una tecnica normativa che crea una esplicita saldatura tra il nuovo condono ed il testo risultante dai due precedenti condoni edilizi di tipo straordinario, cui si apportano solo alcune limitate innovazioni >>.

Sempre nella sentenza n. 196 la Corte Costituzionale aveva rimarcato con maggior vigore rispetto al passato il rapporto (e la non necessaria coesistenza) tra effetti amministrativi ed effetti penali della sanatoria, precisando, altres, come permanga anche con il nuovo condono edilizio la caratteristica fondamentale di mantenere collegato il condono penale con la sanatoria amministrativa, in quanto lintegrale pagamento delloblazione, oltre a costituire il presupposto per lestinzione dei reati edilizi, estingue anche i relativi procedimenti di esecuzione delle sanzioni amministrative e costituisce uno dei requisiti per il rilascio del titolo abilitativo edilizio in sanatoria (art. 32, commi 32 e 37, del decreto legge n. 269 del 2003).

Peraltro, ci non esclude che, pagata interamente loblazione, ai sensi dellart. 39 della legge n. 47 del 1985 (applicabile come gli artt. 38 e 44 in virt del richiamo operato dal comma 25 dellart. 32 cit. agli interi capi IV e V della legge n. 47 del 1985), pur in presenza di diniego di sanatoria, si estinguano i reati edilizi e si riducano in misura pari alloblazione versata le sanzioni amministrative consistenti nel pagamento di una somma di danaro.

In altri termini, il potere del giudice penale di non applicare la speciale causa estintiva prevista dalla sanatoria straordinaria (e naturalmente anche di non sospendere il giudizio per i reati ai quali la stessa si riferisce) pu essere esercitato nella sola ipotesi in cui dagli atti emerga verosimilmente la violazione, da parte del contravventore, dei limiti temporali e volumetrici nella esecuzione delle opere e non anche quando tali opere non appaiano suscettibili di sanatoria sul piano strettamente amministrativo.

A tali fini, come si visto, persino il diniego di sanatoria della P.A. rappresenta un elemento neutro e del tutto inidoneo a determinare lesclusione della operativit della causa estintiva, ricollegata lo si ripete al solo pagamento delloblazione in misura congrua secondo quanto previsto dal richiamato art. 39 della legge n. 47 del 1985.

Daltronde, sempre sul versante amministrativo, la Cassazione non spiega perch nelle aree vincolate maggiormente sensibili, come quelle demaniali, sulle quali siano state eseguite opere abusive, il legislatore del 2003 (art. 32, comma 17) si sia accontentato di subordinare la disponibilit alla cessione dellarea al solo rilascio del parere favorevole dellautorit preposta alla tutela del vincolo (che, pertanto, fungerebbe da vincolo relativo, perch rimuovibile ad opera della competente autorit, e non assoluto).

N spiega perch il controverso comma 26 arrivi a ritagliare uneccezione allambito oggettivo di applicabilit della sanatoria per i soli abusi realizzati su immobili dichiarati monumento nazionale, omettendo di menzionarne altri.

La norma prevede, infatti, che sono suscettibili di sanatoria edilizia (tutte) le tipologie di illecito di cui allallegato 1: a) numeri da 1 a 3 nellambito dellintero territorio nazionale, fermo restando quanto previsto dalla lettera e) del comma 27, nonch 4, 5 e 6 nellambito degli immobili soggetti a vincolo di cui allart. 32 della legge 28 febbraio 1985, n. 47.

La sanatoria abbraccia, dunque, tutte le tipologie di illecito da 1 a 3 (opere nuove senza titolo edilizio o in difformit, in contrasto con gli strumenti urbanistici o conformi agli strumenti urbanistici; ristrutturazioni senza titolo o in difformit dal titolo), escludendo espressamente le sole opere abusive realizzate su immobili assoggettati a vincolo storico artistico ai quali si riferisce il comma 27, lettera e).

Che necessit avrebbe avuto il legislatore, ove la disposizione del comma 26 fosse effettivamente da interpretare nel senso che nelle aree vincolate sono sanabili solo gli interventi edilizi minori, di collegare agli abusi maggiori le opere eseguite senza titolo su immobili dichiarati monumento nazionale, per giunta vincolati in individuo ?

E lo stesso comma 27 nemmeno avrebbe avuto motivo di esistere in quanto in esso si fa riferimento a tutti i vincoli riconducibili allambito di applicazione dellart. 32 della legge n. 47 del 1985.

Privo di giustificazione sul piano logico sarebbe stato anche prevedere, come in effetti avvenuto, con la formulazione della lettera d), che la mancata dimostrazione della conformit delle opere alle norme urbanistiche e alle prescrizioni degli strumenti urbanistici determina linsanabilit delle opere per le quali stato richiesto il beneficio condonistico.

La sentenza della Corte Costituzionale n. 49 sembra rafforzare sul piano interpretativo il convincimento di chi come lo scrivente ritiene che lunico parametro normativo da considerare per delimitare lambito oggettivo di applicazione della sanatoria straordinaria nelle aree sottoposte a vincolo sia rappresentato non gi dal comma 26 ma piuttosto dal comma 27, lett. d), del d.l. n. 269 del 2003.

La Consulta, infatti, non solo omette ogni riferimento al suindicato comma 26 ma, anzi, finisce per offrire una lettura pi ampliativa dello stesso comma 27, lettera d), laddove precisa che i soli vincoli di inedificabilit assoluta e non anche quelli di inedificabilit relativa possano essere considerati ostativi alla sanabilit.

In altre parole, nelle aree sottoposte a vincolo, sempre che non si tratti di vincolo di inedificabilit assoluta, le opere abusive potranno essere sanate laddove si dimostri la conformit delle stesse alla normativa urbanistica, previo parere favorevole dellautorit preposta alla tutela del vincolo, come disciplinato dal nuovo testo dellart. 32 della legge n. 47/85, nella formulazione introdotta dal comma 43 del decreto - legge n. 269 del 2003 (che prevede una conferenza di servizi cui partecipa necessariamente anche la Soprintendenza territorialmente competente, il cui parere vincolante).

Tale interpretazione tutto sommato anche coerente con linciso contenuto nella norma (fermo restando quanto previsto dagli artt. 32 e 33 della legge 28 febbraio 1985, n. 47) che deve essere cos letto come previsto dagli artt. 32 e 33.

5. LE ALTRE NOVITA EMERSE DALLA SENTENZA N. 49 DEL 2006.

Sempre restando nellambito della sanatoria straordinaria, sul versante amministrativo, delle aree vincolate, va ricordato che il Presidente del Consiglio dei Ministri aveva anche censurato lart. 2 della legge regionale della Toscana n. 53 del 2004, ai sensi del quale << qualora i vincoli di cui al comma 4 e al comma 5 , lettera a), siano istituiti dopo lentrata in vigore della presente legge, si applica quanto previsto dallart. 32 della legge n. 47 del 1985. Si applica ugualmente lart 32 della legge n. 47 dell85 per la sanatoria delle opere di cui al comma 5, lettera a), conformi agli strumenti urbanistici >>.

Secondo lo Stato ricorrente tale norma era da interpretare nel senso di attribuire ai vincoli istituiti dopo lentrata in vigore della legge de qua << la forza di impedire la sanatoria straordinaria >>, per il che violava gli artt. 81, 117, secondo e terzo comma, e 119 Cost.; lart. 3 Cost., in quanto il principio di uguaglianza veniva << irrazionalmente leso dalla facolt (e dalla attuale minaccia) di travolgere in futuro ed in modo discrezionale laffidamento del cittadino che autodenuncia labuso edilizio; lart. 97 Cost. ed i principi di imparzialit e buon andamento dellamministrazione >>.

La Corte Costituzionale ha dichiarato infondate tali censure, ritenendo, al contrario, che la norma regionale disciplina semplicemente la sanatoria delle opere realizzate su aree sulle quali siano stati apposti, dopo lentrata in vigore della legge regionale, i vincoli di inedificabilt assoluta di cui allart. 33 della legge n. 47 del 1985, ovvero i vincoli idrogeologici, ambientali e paesistici, relativi a parchi ed aree protette di cui allart. 32 della medesima legge, subordinandola al parere favorevole dellautorit preposta al vincolo , in tal modo dando rilevanza anche ai vincoli imposti successivamente alla realizzazione dellintervento abusivo secondo lormai consolidato orientamento della giurisprudenza amministrativa.

La Corte ha anche precisato che, nellambito della speciale normazione relativa al condono edilizio straordinario, le regioni non possono rimuovere i limiti normativi fissati dal legislatore statale. E questo, ad esempio, il caso della legge della Regione Marche n. 23 del 2004 che, allart. 3, nel determinare i limiti per il conseguimento della sanatoria amministrativa con disposizioni che in genere riducono le volumetrie massime, non ripete, per, tutti i limiti massimi determinati dal comma 25 dellart 32 del decreto legge n. 269 del 2003 (30% della volumetria originaria della costruzione ampliata, 3000 metri cubi complessivi per le nuove costruzioni residenziali).

La disposizione censurata stata, dunque, dichiarata costituzionalmente illegittima per violazione dellart. 117, terzo comma, Cost..

Ci anche perch ha precisato la Corte lart. 3 della legge regionale, con riguardo allampliamento degli immobili non residenziali, determina il limite in relazione (non gi al volume, ma) al diverso criterio della superficie realizzabile.

Pertanto, non ponendo alcun limite volumetrico, n richiamando le limitazioni del 30% e dei 750 metri cubi previsti, sia pure in via alternativa, dallart. 32, comma 25, del decreto - legge n. 269 del 2003, la disposizione impugnata rende possibile, per gli immobili non residenziali, la realizzazione di ampliamenti superiori a quelli massimi previsti dalla normativa statale.

Analogamente, in tema di realizzazione di nuove costruzioni residenziali, la norma non pone alcuna limitazione alla volumetria complessiva della nuova costruzione, pur individuando limiti pi rigorosi in relazione alla singola unit immobiliare ammessa a sanatoria.

In tal modo la disposizione censurata rende possibile che la nuova costruzione residenziale superi il limite complessivo di 3000 metri cubi stabilito dallart 32, comma 25, del decreto - legge n. 269 del 2003 per tale tipologia di interventi.

6. IL RAFFRONTO CON LA CIRCOLARE DEL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI N. 2699 DEL 2005 (SUL SUPERAMENTO DELLE VOLUMETRIE MASSIME E SULLO SCORPORO DI DUBBIA COSTITUZIONALITA DELLE OPERE ECCEDENTI I 3000 METRI CUBI).

Sempre con riguardo alle volumetrie massime, va segnalato che, con circolare del 7 dicembre 2005, n. 269, (in G.U. n. 52 del 3 marzo 2006), il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, nel disciplinare << la materia di cui allart. 32 della legge 24 novembre 2003, n. 326, nei limiti delle competenze dello Stato, fatte salve quelle regionali >>, ha precisato che << il legislatore (quanto allambito oggettivo della normativa condonistica) fa riferimento a due fattispecie:

a ) ampliamenti: sono condonabili, indipendentemente dalla destinazione duso ( residenziale o non residenziale) le opere abusive ove non superino, alternativamente, i 750 metri cubi, ovvero il 30% della volumetria della costruzione originaria;

b ) nuove costruzioni >>.

Per le nuove costruzioni residenziali, il comma 25 prevede che le suddette disposizioni si applichino alle opere abusive realizzate entro il 31 marzo 2003 e non superiori a 750 mc. per singola unit di titolo abilitativo in sanatoria, a condizione, tuttavia, che la nuova costruzione non superi complessivamente i 3000 metri cubi.

In caso di superamento di questultimo limite, pertanto, preclusa ogni forma di sanatoria, salva la doverosa riconduzione al limite dei 3000 metri cubi, con demolizione delle opere eccedenti.

In questo caso, alla domanda di sanatoria deve essere allegato un atto dobbligo, da parte dellinteressato, a demolire le parti eccedenti, appunto, i 3000 metri cubi.

Il rilascio del titolo abilitativo in sanatoria condizionato alleffettiva esecuzione dellattivit demolitoria, che deve avvenire con le modalit indicate dalle norme relative al completamento delle opere abusive (art. 35, comma 14, della legge n. 47/1985).

La circolare in questione, nella parte in cui prevede la possibilit di scorporare mediante demolizione le opere eccedenti i 3000 metri cubi, afferma indubbiamente un principio che definire innovativo poco.

La circolare finisce di fatto per ampliare il novero delle opere sanabili, introducendo una condizione (quella della demolizione delle parti eccedenti) che nemmeno la normativa vigente prevede.

Questultima si limita, infatti, a fissare un tetto volumetrico massimo per le opere ultimate entro il 31 marzo 2003, tetto che non pu superare i 750 metri cubi per singola richiesta di titolo abilitativo in sanatoria purch la nuova costruzione non superi i 3000 metri cubi nel suo complesso.

La Corte Costituzionale, come affermato a chiare lettere nel caso della legge della Regione Marche, ha avvertito che tale limite non pu essere in alcun modo superato, n ipotizzabile uno scorporo delle parti eccedenti.

Affermare il contrario daltra parte significherebbe che tutte le costruzioni da sanare non sono vincolate allosservanza dei limiti quantitativi prescritti perch ove questi risultassero in concreto superati potrebbero essere pur sempre ricondotti in un secondo momento ai limiti c.d. legali.

Ma questo non ammissibile in quanto il titolo abilitativo in sanatoria riflette labuso cos come si presenta, ovvero nelle sue caratteristiche oggettive e nella sua attitudine intrinseca ad acquisire legittimazione ex post, senza che la sua efficacia sia rimessa allattivazione dei destinatari e alla futura e potenziale modificazione dello stato dei luoghi attraverso eventuali interventi di demolizione parziale.

Pertanto, lopera o rispetta o non rispetta i requisiti di legge, anche in ordine alla volumetria massima consentita.

Se tali requisiti difettano, non prevista alcuna attivit di tipo per cos dire riparatrice ad opera del contravventore, il quale godrebbe, in definitiva, anche di discrezionalit nellindividuare le parti delledificio da rimuovere.

Tutto questo non sembra coerente con i principi costituzionali e le esigenze di certezza dei rapporti giuridici e, pertanto, ritengo che tale interpretazione contra legem non possa avere vita lunga n presso i giudici amministrativi, n presso i giudici penali che, per tale aspetto, ben potrebbero disapplicare la circolare del Ministero (cfr., sul punto, Cass. pen., Sez. Terza, 10 maggio 27 settembre 2005, n. 34376, secondo cui << il rilascio del provvedimento sanante consegue ad unattivit vincolata della P.A., consistente nellapplicazione alla fattispecie concreta di previsioni legislative ed urbanistiche a formulazione compiuta e non elastica, che non lasciano allAmministrazione medesima valutazioni discrezionali come quella di subordinare la sanatoria allesecuzione, nellimmobile abusivo, di specifici interventi demolitori finalizzati, attraverso la riduzione della superficie e della volumetria, allacquisizione mediata della conformit urbanistica >>).

7. LE ESIGENZE DI CASSA E I VINCOLI EUROPEI SULLA SPESA PUBBLICA NON CONDIZIONANO LAUTONOMIA LEGISLATIVA DELLE REGIONI.

In conclusione, va anche evidenziato che, con la sentenza n. 49 del 2006, la Consulta ha respinto la tesi, pi volte ribadita nelle memorie dellAvvocatura, che una legislazione regionale che disciplini i profili amministrativi del condono edilizio non potrebbe comunque produrre indirettamente una riduzione significativa delle entrate erariali ed un conseguente squilibrio della complessiva finanza pubblica, la cui disciplina sarebbe di esclusiva competenza statale, ponendo quindi anche a rischio il rispetto, da parte delle istituzioni nazionali, dei vincoli europei sulla spesa pubblica. La Corte, nel motivare il rigetto delle relative censure, ha precisato che queste ultime prescindono da una adeguata ricostruzione sistematica del titolo V della seconda parte della Costituzione ed in particolare del livello di tutela costituzionale dellautonomia legislativa regionale che ivi presente.

I limiti a tale autonomia non possono che essere espressi, e ci tanto pi ove ci si riferisca ad effetti indiretti derivanti dalluso che una regione faccia della propria discrezionalit legislativa (magari addirittura con la finalit di contenere uneccezionale forma di compressione della discrezionalit propria e degli enti locali nel settore del governo del territorio).

In altri termini, del tutto evidente, secondo la Corte, che, allorch il legislatore regionale eserciti le proprie competenze legislative costituzionalmente riconosciute, non possa attribuirsi rilievo, ai fini delleventuale illegittimit costituzionale di tale intervento, agli effetti che solo in via indiretta ed accidentale dovessero derivare al gettito di entrate di spettanza dello Stato.


http://www.altalex.com/index.php?idstr=25&idnot=33775


news

27-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news