LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Beni artistici, ‘un vero assalto’. Il grido d’allarme dello storico Salvatore Settis
Aldo Forbice
Il Gazzettino 30/11/2002

Ma veramente i beni archeologici e artistici potranno essere venduti ai privati? E’ una polemica da alcuni mesi aperta che vede impegnati attivamente, in primo luogo, studiosi e difensori della natura pubblica del nostro patrimonio culturale. Ad accendere la polemica è stata la costituzione di una società, “Patrimonio spa” che, nelle intenzioni del Tesoro, dovrebbe valorizzare il patrimonio immobiliare e artistico dello Stato. Ma le preoccupazioni sono venute soprattutto con la Finanziaria 2002, che offre ai privati la gestione di parchi e musei e la legge Tremonti del giugno 2002 che ha reso possibile la costituzione di apposite società per l’alienazione di almeno una parte dei nostri beni archeologici e artistici. L’allarme in Italia e all’estero è ancora oggi enorme. Sono entrati in campo nella polemica rovente anche politici e ministri. Un appello al presidente del Consiglio per “non vendere la bella Italia al migliore offerente” è stato lanciato, su un quotidiano, da Cesare Romiti. Ha scritto Romiti: “Alla legittima preoccupazione di vedere alienati siti archeologici, monumenti, opere d’arte e tesori ambientali si è sempre risposto che “nessuno pensa ovviamente di vendere il Colosseo”. In realtà il provvedimento ha rimosso di fatto la garanzia giuridica, lasciando sul campo soltanto quella politica, per sua natura effimera. Ogni rassicurazione si scontra inoltre con lo spirito stesso della legge, che crea un pragmatico strumento di capitalizzazione con evidenti e dichiarate finalità economiche”.
Per la verità, l’attuale ministro ai Beni culturali, Giuliano Urbani, ha sempre smentito future privatizzazioni del nostro patrimonio culturale e la stessa cosa avevano fatto i ministri del centro sinistra (Veltroni e Melandri) che avevano gettato le prime pietre degli attuali provvedimenti. I dubbi però rimangono e di queste perplessità si è fatto interprete Salvatore Settis che ha pubblicato, per Einaudi, un libro dal significativo titolo; "Italia Spa.-L’assalto al patrimonio culturale". L’autore è un prestigioso storico dell’arte: insegna alla Scuola Nomale Superiore di Pisa, è autore di numerosi saggi e monografie sull’arte ed ha diretto, dal 1994 al 1999, il Getty Research Institute for the History of Art and the Humanities di Los Angeles.

Professor Settis, il suo libro ha sollevato un vespaio su una materia che era già scottante ma, secondo lei, la possibile privatizzazione di musei, gallerie e aree archeologiche conferma il fallimento della gestione pubblica?

“Vorrei intanto far notare che l’alienazione del nostro patrimonio culturale è prevista in modo esplicito dalla legge. Insomma non esiste più quella salvaguardia dei beni archeologici e artistici che esisteva sino al 14 giugno del 2002. Dobbiamo distinguere tra la privatizzazione della gestione dei musei e l’eventuale alienazione del patrimonio. Spero che nessuna delle due cose accada. Sono, infatti, due fronti diversi ma entrambi vanno nella stessa direzione”.

Lei, con un linguaggio molto colorito, ha scritto nel suo libro “I talebani distruttori della propria memoria storica governano Roma”.

“Mi sono limitato a citare alcuni titoli della stampa straniera. Devo però notare che negli ultimi anni si è verificato un profondo mutamento di cultura istituzionale e civile che ha coinvolto ministri di “destra” e di “sinistra” e, in particolare, gli ultimi tre (Veltroni, Melandri, Urbani). Il discorso è andato ra-dicalizzandosi e Urbani si è spinto, insieme a Tremonti, molto più in là di quanto avessero fatto i suoi predecessori, ma certo questi ultimi hanno spianato la strada”.

In sostanza i pericoli che lei avverte sono individuabili nel rischio privatizzazione?

“Io ho paura che quello che si sta cercando di distruggere non sia il Colosseo né un Castello valdostano, né il Parco degli Abruzzi, né una piccola e splendida pieve toscana, ma un monumento ancora più grande, ancora più significativo: la secolare cultura della conservazione messa a punto dagli italiani per generazioni e generazioni”.

Professor Settis, condividiamo pienamente le sue preoccupazioni. Non pensa, tuttavia, che la privatizzazione non costituisca di per sé il male assoluto mentre le virtù sarebbero rappresentate dalla pubblica amministrazione? Vi sono tanti esempi all’estero (ma anche in Italia) che farebbero pensare a modelli positivi di gestione di privati o pubblico-privati di musei e aree archeologiche.

“Io non penso che i privati siano dei barbari. Sostengo che gli operatori privati devono essere chiamati a collaborare alla gestione del nostro patrimonio culturale, ma questo non deve essere fatto smantellando la pubblica amministrazione. Ad esempio, il Guggenheim o il Getty, dove io ho lavorato, o il Metropolitan partono da un modello che si basa prevalentemente sul mecenatismo privato. Il nostro sistema è molto diverso. Secondo la nostra Finanziaria vengono ceduti a privati beni culturali pubblici. Esattamente il contrario delle istituzioni culturali estere, che investono centinaia di migliaia di dollari a fondo perduto. I modelli sono, ripeto, non confrontabili. Ma non possiamo però prendercela solo con Urbani e Tremonti. Siamo tutti noi che dobbiamo mobilitarci per riuscire a provocare una seria riflessione istituzionale, una inversione di tendenza”.



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news