LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Elezioni amministrative 28-29 maggio 2006: "Cultura a Milano" di Silvia Dell’Orso, candidata al Consiglio Comunale di Milano, Lista Ferrante

Riceviamo e volentieri pubblichiamo.
La Redazione
--------------------------

CULTURA A MILANO

di Silvia Dell’Orso
candidata nella Lista Ferrante per il Consiglio comunale alle prossime elezioni amministrative di Milano (28-29 maggio 2006)


Una citt culturalmente pi viva garanzia di qualit della vita

Milano citt distratta, intrappolata nei suoi ritmi frenetici e sempre pi difficile da vivere. Per risvegliare questa citt, renderla pi vivibile, pi bella, pi amata e dunque anche per garantirle un futuro necessario investire anche nella cultura, elaborando politiche che sappiano a un tempo far leva sul passato e sul presente, sul patrimonio storico e sulla cultura della contemporaneit.

Perch investire nella cultura?
Perch una citt con un’offerta culturale ricca e variegata genera un indotto turistico che avr benefici effetti di ricaduta (alberghi, ristoranti, negozi, ecc.) su tutta la comunit.
Perch la cultura offre opportunit di utilizzo intelligente del tempo libero.
Perch le risorse culturali possono essere utilizzate efficacemente per lo sviluppo urbano e della comunit.
Perch un progetto culturale prestigioso pu essere simbolo di rinascita, di rinnovata fiducia e dinamismo.

Che funzioni svolge la cultura?
Una funzione sociale, innanzitutto: la cultura comunicazione, occasione di confronto e socializzazione; favorisce l’integrazione e la conoscenza di realt diverse; educa i giovani alla tolleranza e alla convivenza attraverso la sua funzione aggregante (la musica, la danza, il teatro, ecc. sono riti collettivi).
Ma la cultura ha anche una valenza fortemente simbolica, quindi un’amministrazione pubblica deve impegnarsi per farla diventare uno dei bisogni primari dei cittadini, restituendo loro l’orgoglio del proprio patrimonio culturale.
La cultura ha una funzione economica. Ma anche vero che il patrimonio non un “prodotto” pronto, in grado di suscitare da solo una domanda: necessario valorizzarlo, promuoverlo. Il patrimonio come una rete di telecomunicazioni: rende poco se non si offrono servizi e contenuti. Quindi sono le politiche culturali che generano la domanda aggiuntiva e per elaborare buone politiche culturali servono investimenti. Milano spende l’1,2% del bilancio comunale in attivit culturali. Fa effetto paragonare questo dato all’11,2% di Ferrara, al 10% di Mantova, ma anche al 4,3% di Firenze, al 3,7% di Roma e al 3 % di Torino. Siamo il fanalino di coda!
E infine ha una funzione ricreativa che deve indurre a un ripensamento e a una razionalizzazione dell’offerta di spettacoli e intrattenimenti, consentendo una migliore e pi diffusa fruizione da parte di chi vive in citt o vi si trovi di passaggio. Un’esperienza come la “ Notte Bianca”, nonostante il discreto successo di pubblico, andrebbe ripensata sull’esempio di Roma che l’ha lanciata, con una maggiore cura alla qualit delle proposte culturali, una maggiore sinergia tra i diversi soggetti che operano nella citt e un maggiore coinvolgimento anche dei quartieri periferici.

Quali sono i bisogni fondamentali di Milano?
Milano deve rimettersi al passo con le altre citt di cultura europee, attraverso interventi che non possono pi avere carattere di occasionalit, ma diventare momento di progettualit sul territorio.
Proprio per far s che la cultura non si riduca a una definizione puramente estetica ( non solo “arte”), necessario che le politiche culturali siano coordinate con altri settori della progettazione e dello sviluppo locale (organizzazione comunale; scuola e formazione; urbanistica e demanio; decentramento; parchi e giardini; viabilit e trasporti; servizi sociali; sicurezza; turismo e tempo libero; finanza pubblica; comunicazione).
Il primo step dovr essere: “interagire”, costruire una strategia pubblica complessiva fondata su una maggiore interazione tra Comune, Provincia e Regione.

Quali sono le priorit da individuare?
Veniamo da un decennio di progettualit intensa, ma rimasta pressoch tutta sulla carta. Basta con la politica dei grandi annunci; scegliamo invece la strada di politiche culturali che sappiano trovare finalmente un giusto equilibrio tra produzione e consumo, tra attivit “effimere” e servizi “permanenti”, nel senso che se non ci si impegna a investire sugli spazi per la musica, i musei, le biblioteche, i centri culturali, non si sar in grado neppure di offrire attivit “effimere” di qualit.
Al di l di singoli progetti – piccoli o grandi – sui quali naturalmente si dovr puntare (Citt delle culture all’ex Ansaldo; Museo del ‘900 all’Arengario; Museo d’arte contemporanea; razionalizzazione del Castello Sforzesco e di Palazzo Reale, Museo del Futurismo o Centro studi sul Futurismo, etc, etc.), Milano ha bisogno della partecipazione dei cittadini, ha bisogno di essere riscoperta a partire dai quartieri e dalle zone. Questa una citt che ci cambiata sotto il naso, ma senza un progetto unitario, senza una strategia e noi oggi scontiamo questa miopia nella disaggregazione e disarticolazione che caratterizzano Milano.

Come far diventare la cultura un fattore di coesione sociale?
Ci si deve muovere lungo filoni distinti, ma intercomunicanti:
1) Tutelare il patrimonio locale, fatto di edifici, archivi, foto, memorie orali, promuovendo una nuova politica culturale che sappia affermarsi anche sul terreno della capacit di coltivare la memoria: non in chiave puramente nostalgica, ma come leva motivante per guardare al futuro forti di un passato conosciuto. La “citt della memoria”, dunque, che sappia valorizzare i temi del lavoro, della Resistenza, della storia dei quartieri: senza scadere nel localismo, ma avendo sempre presente la differenza tra nostalgia e sviluppo, tra memoria e visione, perch sia chiaro che la conservazione della memoria serve allo sviluppo; verso la “citt del futuro”.
2) Recuperare il tempo perduto nel campo dell’arte contemporanea, a partire da una piena consapevolezza di quanto stato fatto in questi anni dai privati a fronte della latitanza della pubblica amministrazione. Milano vanta infatti un numero elevatissimo di gallerie molto attive e propositive, di fondazioni interessanti, di associazioni culturali per la promozione dell’arte giovane, di accademie. Il collezionismo sempre pi diffuso e attento, c’ una comunit artistica giovane proveniente da ogni nazione e un’editoria prestigiosa. Manca un Museo di arte contemporanea ed la pubblica amministrazione a doverlo realizzare, esercitando un ruolo di coordinamento dell’iniziativa privata.
3) Coordinare fra loro i musei milanesi a prescindere dalla loro titolarit (statali, comunali, ecclesiastici, privati, etc.).
4) Riprogrammare le istituzioni culturali perch possano svolgere un ruolo attivo sotto il profilo dell’accessibilit e delle politiche per l’inclusione sociale, enfatizzandone il ruolo di servizio per i cittadini.
5) Revisionare e rilanciare il sistema delle biblioteche rionali, riqualificandole all’interno di un piano d’intervento sulle periferie come centri di aggregazione culturale e allargando a un tempo l’offerta culturale.
6) Prestare maggiore attenzione ai segni e alle richieste spontanee che autogerminano nella citt (centri culturali, fondazioni, associazioni, centri sociali, ecc.), affinando la capacit di ascoltare e andare incontro alle esigenze delle categorie meno protette: bambini, anziani e giovani.

Chi sono gli attori coinvolti?
Tutti i cittadini che vogliono utilizzare in modo intelligente il loro tempo libero; i bambini, i giovani e gli anziani grazie a iniziative mirate; gli operatori del settore che possono trovare occasioni di lavoro e di sperimentazione; gli abitanti delle zone coinvolte nei progetti di decentramento. Ma necessario coinvolgere le universit, tra studenti, ricercatori, docenti: possono svolgere un ruolo molto importante nella programmazione dell’offerta culturale.

Che cosa fa la differenza a Milano?
Uno dei suoi caratteri distintivi potenzialmente pi interessanti quello di essere una citt multicentrica: Bovisa, Bicocca, Lambrate, Genova-Solari, etc. Ognuna di queste aree possiede una sua chiave di lettura e consente davvero di leggere Milano come la “citt dei tanti centri”, insistendo di volta in volta sull’universit, sulla moda, sull’arte, ecc.
In quest’ottica andrebbe ripensato anche il turismo culturale a Milano, oggi praticamente inesistente, ma solo per assenza di strategie.

-----------------------

Dal Sito: www.comunalimilano2006.it/silviadellorso

Elezioni Comunali Milano 2006
Silvia dell’Orso, Candidata al Consiglio comunale di Milano, Lista Ferrante
E-Mail: silvia.dellorso@fastwebnet.it

Io in breve:
Vivo e lavoro come giornalista a Milano, citt nella quale sono nata (nel 1956), bench la mia famiglia abbia origini abruzzesi.
Cosa ho fatto finora nella vita:
Dopo la laurea in lettere e il perfezionamento in storia dell’arte mi sono impegnata, come giornalista e saggista, nella divulgazione di tematiche legate alle arti visive e ai beni culturali e ambientali.
Sono stata redattrice per le pagine culturali de la Voce di Montanelli, corrispondente da Milano per Il Giornale dell’Arte e titolare di rubriche sull’arte per svariati mensili e settimanali. Attualmente associo all’attivit saggistica, consulenze specialistiche e collaborazioni giornalistiche a la Repubblica, L’Espresso, Il Sole 24 ore (inserto domenicale), Gente.
Dal ’96 sono anche consulente per la comunicazione e i rapporti istituzionali del Fai–Fondo per l’Ambiente Italiano. Ho partecipato, per il Gruppo giovani dell’Assolombarda, a una ricerca sul tema della sponsorizzazione culturale tradottasi in un libro: Dalla sponsorizzazione all’investimento nella cultura, edito nel 1998. E ho pubblicato, fra l’altro, due libri con Laterza: Altro che musei. La questione dei beni culturali in Italia (2002) e Quale eccellenza? Intervista sulla Normale di Pisa, libro-intervista con Salvatore Settis (2004).

Vi spiego perch mi candido:
Perch vivere a Milano sta diventando sempre pi faticoso e ho voglia di fare qualcosa anch’io per invertire la tendenza.
Perch vorrei che la cultura a Milano possa diventare un’esperienza condivisa e partecipata.
Vorrei musei aperti e in grado di comunicare, biblioteche accessibili e nelle quali si possa anche bere un caff (ma non alla macchinetta!), vorrei vedere un’opera alla Scala senza dover prenotare con mesi di anticipo.
Ma, soprattutto, vorrei una citt consapevole di ci che possiede e capace di valorizzare l’attivit dei tanti (singoli individui, gruppi, associazioni, fondazioni, gallerie. etc) che, nei pi svariati ambiti culturali, questa consapevolezza ce l’hanno da tempo e si spendono pur fra mille difficolt.



news

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

05-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 5 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news