LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Close(d) to meet you: programma di ricerca finalizzato al rinnovamento del Museo delle Antichit Egizie di Torino

Comunicato Stampa del Ministero dei Beni Culturali

29/05/2003

TORINO: LOUVRE, MOMA, HERMITAGE E NUOVO MUSEO EGIZIO



Louvre, MoMA di New York, Hermitage di San Pietroburgo, Centre Pompidou, Museo Nazionale Svizzero, Asian Art Museum di San Francisco. Questi alcuni dei musei che hanno gi collaborato, insieme a molti Istituti Italiani di Cultura all'Estero, al programma di ricerca fortemente voluto dal Ministro Giuliano Urbani in vista dell'imminente rinnovamento del Museo Egizio di Torino, che ospita una fra le collezioni egizie pi importanti al mondo.

Close(d) to meet you, cio ‘chiuso per incontrarti', ma anche ‘prossimo a incontrarti'. Questo il titolo del progetto di ricerca finalizzato al rinnovamento del Museo delle Antichit Egizie di Torino, realizzato dall'Ires-Piemonte su richiesta del Comitato Esecutivo per il Museo Egizio e finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Torino e dall'Assessorato alla Cultura della Regione Piemonte. Quasi cinquanta i conservatori, i museum professionals e gli esperti – italiani ed esteri - coinvolti nello studio, reso possibile grazie alla straordinaria disponibilit di Louvre, MoMA di New York, Hermitage di San Pietroburgo, Centre Pompidou, Museo Nazionale Svizzero, Asian Art Museum di San Francisco e di molti Direttori di Istituti Italiani di Cultura all'Estero.


Con la sua ricchissima collezione il l'Egizio di Torino uno dei pi importanti musei egizi del mondo ed caratterizzato da un profondo legame storico con la citt prealpina, nella quale l'interesse per la civilt egizia ha inizio nel ‘600, con l'acquisto da parte di Carlo Emanuele I di Savoia della Mensa Isiaca, tavola di bronzo in onore della dea Iside.

La parte pi rilevante della collezione del Museo Egizio di Torino, venduta nel 1824 da Bernardino Drovetti a Carlo Felice di Savoia e il cui simbolo la bellissima statua del faraone Ramesse II, caratterizzata da oggetti e documenti eccezionali, espressione dell'arte, delle tradizioni religiose e funerarie della vita quotidiana. Per questo museo, il pi importante ‘bene culturale' di Torino e uno dei pi rilevanti del nostro Paese previsto un progetto di radicale rinnovamento, che comprender un significativo aumento della superficie espositiva, nuovi allestimenti e percorsi espositivi, ma anche la ridefinizione dei modelli organizzativi e gestionali.



Ministero dei Beni Culturali, Soprintendenza regionale, Regione Piemonte, Provincia e Comune di Torino, Compagnia di San Paolo e Fondazione CRT stanno definendo, avvalendosi anche della consulenza di egittologi di fama internazionale ed esperti, le linee-guida che caratterizzeranno la filosofia museale e la museografia del nuovo Museo Egizio.



I possibili nuovi assetti organizzativi e gestionali del Museo, analizzati da Luca dal Pozzolo, e la definizione delle linee-guida di comunicazione e marketing museale, alle quali stanno lavorando Vittorio Falletti e Marcello La Rosa, sono invece i temi centrali del progetto di ricerca dell'Ires-Piemonte Close(d) to meet you.



Il cantiere dell' Egizio di Torino destinato a durare alcuni anni. Come mantenere alta la visibilit del museo in questo periodo? Le esperienze e i suggerimenti degli esperti dei musei internazionali coinvolti nella ricerca Ires-Piemonte hanno gi permesso di identificare e approfondire cinque possibili soluzioni:

- “Soluzione Louvre”: il museo non chiude mai, continuando a esporre una parte significativa della collezione e a esercitare la propria forza ‘centrifuga' sul pubblico;

- “Soluzione Centre Pompidou”: durante il cantiere il museo sostanzialmente chiude, d per l'illusione che il contenitore sia ancora ‘vivo' ed esercita nel frattempo la sua forza ‘centripeta', raggiungendo il pubblico altrove con mostre temporanee e altre iniziative;

- “Soluzione MoMA di New York”: il museo chiude completamente la sede principale e apre una – pi piccola – sede temporanea che nel periodo di cantiere ospita i ‘pezzi' migliori della collezione;

- “Soluzione Museo Nazionale Svizzero di Zurigo”: durante il cantiere il museo chiude la propria sede fisica e si ‘trasferisce' in una nuova sede virtuale (Virtual Transfer);

- “Soluzione Asian Art Museum di San Francisco”: durante il cantiere il museo chiude ed esercita la sua forza ‘centripeta' raggiungendo il pubblico altrove, con l'aiuto dell'associazione ‘amici del museo' (Society for Asian Art).



L'analisi completa dei cinque casi e delle relative linee-guida di comunicazione museale (in formato pdf): ‘Close(d) to meet you' (http://www.beniculturali.it/news/comunicati/testi/MUSEOEGIZIO.pdf)

http://www.beniculturali.it


news

16-03-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 marzo 2019

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

Archivio news