LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano: l'ultima offesa all'Arco della Pace
Jacopo Gardella
La Repubblica - 07.09.2004



Voglio recitare una orazione funebre per le glorie cittadine, recenti e lontane della citt: a Milano si distruggono i ricordi del passato, prossimo e remoto. Mentre ancora incombe sul Castello Sforzesco la minaccia di smantellare il progetto degli architetti Belgiojoso-Peressuti-Rogers, si assistito questa estate, nella pi generale indifferenza, alla profanazione dell'austero luogo in cui sorge l'Arco della Pace. Concepito come monumento di alto valore civico, l'Arco della Pace, per improvvisa decisione dei nostri amministratori, stato brutalmente declassato a centro di ricreazione balneare. Non che fosse sbagliato offrire una piscina gratuita a quei milanesi che non potevano andare al mare; ma scandaloso che, avendo l'intero parco a disposizione, si sia voluto installare quella piscina proprio ai piedi del trionfale Arco napoleonico. Del resto il processo di avvilimento e di svalutazione del luogo in cui sorge l'Arco era gi cominciato tempo fa, quando, senza dibattito democratico n pubblica consultazione, venne drasticamente condannata la interessante sistemazione paesaggistica che della intera zona aveva fatto l'architetto Vittoriano Vigan. Questi, allo scopo di esaltarne l'elevato significato storico, aveva racchiuso l'Arco al centro di una cavea semicircolare, simile ad un teatro greco, e lo aveva inquadrato entro un doppio filare di lampioni, per accentuarne la funzione di fondale prospettico alla estremit del grandioso Corso Sempione. Aveva cio capito l'importanza urbanistica che un monumento come l'Arco della Pace rappresentava per Milano e ne aveva studiata la adeguata valorizzazione spaziale. Una sola critica forse gli si poteva fare: quella di aver avvicinato, con audace dissonanza, le forme espressioniste dei lampioni, dal profilo tagliente ed aggressivo, alle forme neoclassiche dell'Arco, dalla composizione solenne e pacata. Ma una critica che oggi suona tardiva e vana, perch ormai superata dagli eventi: la cavea infatti stata demolita, i lampioni abbattuti, l'austero paesaggio urbano (ideato con passione da Vigan) completamente distrutto. A dare il colpo di grazia arrivata infine la piscina estiva che ha profanato la sacralit laica del luogo, e lo ha declassato da monumentale testimonianza di eventi patriottici a frivolo parco di divertimenti estivi. di



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news