LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Nasce il comitato "Viva l'Opificio"

Si costituito a Firenze il comitato "Viva l'Opificio", il cui fine di salvaguardare e rilanciare, in un momento estremamente difficile, l'OPD.
Il comitato, da me promosso, ha avuto fra le sue prime adesioni Giorgio Bonsanti e Antonio Paolucci ed aperto a tutte le persone di cultura ma, per il momento, onde
evitare possibili strumentalizzazioni di ogni tipo, esterne alla politica e/o alla amministrazione del Ministero Beni e Attivit Culturali. Esso intende agire in tutte
le sedi culturali, politiche, sindacali, giornalistiche, per lo scopo sopra accennato.
E' urgente agire, prima della emissione dei decreti ministeriali.
Qui di seguito invio un documento che la base delle richieste del Comitato, con le firme degli aderenti sino ad oggi.
Se intendete aderire, comunicatemelo via mail, con la vostra qualifica.
Se conoscete chi pu e vuole aderire, divulgate via mail questa nota con l'allegato.
Grazie a tutti.
Maurizio Michelucci
ex direttore della Scuola di Alta Formazione dell'OPD.
docente a contratto di storia e tecnica del restauro nella Universit di Pisa

Indirizzo mail:
m.michelucci@tiscali.it


VIVA LOPIFICIO

E' stato reso noto da parte degli organi di stampa il progetto del Ministero Beni e Attivit Culturali di operare il declassamento dell'Opificio delle Pietre Dure di
Firenze ad ufficio privo di dignit dirigenziale e facente capo al Polo Museale Fiorentino. Questo progetto fa parte di una proposta "per venire incontro alla legittima esigenza di mantenere la dirigenza dell'OPD a Firenze", dopo che una
generale protesta aveva respinto la proposta di accorparlo ad un istituendo "Istituto Superiore per il Restau-ro", retto da un unico dirigente con sede a Roma, che nascerebbe con l'intento di "razionalizzare" le attivit di ricerca e
operative relative a questo comparto, ma con il fine soprattutto di risparmiare sul numero dei dirigenti tecnici (da 4 ad 1) preposti agli Istituti ministeriali (OPD,
ICPL, ICR, Istituto di Fotoriproduzione e Legatoria de-gli Archivi di Stato) che si sono occupati di restauro e conservazione del Patrimonio Culturale ben da prima
della istituzione del Ministero Beni Culturali e Ambientali ad opera di Giovanni Spadolini, nel 1975.
Non si vogliono qui esprimere considerazioni sulla gestione di un Ministero che ha visto moltiplicarsi anno dopo anno, spesso su istanze di carattere localistico e clientelare, uffici grandi e piccoli di ogni livello con conseguenti aumenti di
spesa per sedi, funzionamento, missioni e dirigenti (molti con il grado di Direttore Generale), ma con una fortissima riduzione del personale tecnico (e non solo) e dei finanziamenti destinati alle funzioni di restauro, tutela e valorizzazione.
Riteniamo per intollerabile che un Istituto quale l'OPD, con quasi quattrocento anni di storia, dei quali almeno duecento nel campo del restauro, e che ha acquisito innumerevoli riconoscimenti a livello mondiale nella conservazione, restauro e Alta Formazione costantemente contando sulle proprie valenze operative e di ricerca e lontano da burocrazie e da posizioni di rendita ministeriali, venga cancellato e/o
declassato a gabinetto di restauro dei musei fiorentini con un burocratico tratto di penna. Ancor pi intollerabile che il progetto sia stato messo in relazione dalla
burocrazia ministeriale alla promessa concessione della autonomia gestionale e contabile alla Biblio-teca Nazionale di Firenze, quasi in una guerra tra poveri, viste anche le condizioni in cui sta operando la Biblioteca.
Anche in relazione all'ultimo dei grandi interventi scientifici e tecnici dell'OPD a livello internazionale, il contributo al restauro della grande statua bronzea di
"Apoxyomenos", l'Atleta di Lussino, la cui mostra patrocinata dal Presidente della Provincia di Firenze da pochi giorni stata inaugurata alla presenza del Ministro
stesso della Cultura della Croazia, richiediamo che l'Opificio delle Pietre Dure non solo sia mantenuto nella sua dignit di Istituto con competenze a livello nazionale
con a capo un Dirigente tecnico, ma che venga rilanciato nella sua operativit con la concessione di quella
autonomia contabile ed amministrativa da sempre richiesta e mai ottenuta.
Riteniamo altres che l'OPD debba certamente relazionarsi con l'istituendo Istituto Superiore del Restauro ma, senza entrare nel merito di dettagli tecnici, riteniamo
possibile che ci possa realizzarsi in modo analogo agli attuali assetti istituzionali, in esito ai quali l'OPD fa capo alla Direzione Generale per l'Innovazione tecnologica e la promozione del Ministero Beni e Attivit Culturali.

per Il COMITATO "VIVA L'OPIFICIO"

Maurizio Michelucci



news

27-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news