LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il governo mette all'asta i beni culturali.


E i privati potranno farne fast food
intervista a Massimiliano Santi raccolta da Barbara Romagnoli
CASTELLI, monumenti, musei, parchi, palazzi storici: tutte le opere d'arte che finora abbiamo sentito anche un po' "nostre", saranno ufficialmente in vendita al miglior acquirente. Un modo per far tornare i conti dello Stato, con il solito provvedimento d'urgenza. Il decreto Tremonti, approvato dalla Camera venerdì scorso, senza sostanziali modifiche, dispone, infatti, "la valorizzazione, gestione ed alienazione del Patrimonio dello Stato".
Sarà possibile farlo grazie una normativa che stravolge un principio guida finora consolidato, ossia la tutela e l'accrescimento del patrimonio artistico e culturale dello Stato, e che attenua i vincoli sulla destinazione d'uso dei beni culturali, che saranno ceduti ai privati. Nel caso della vendita non è prevista neanche l'autorizzazione della sovrintendenza regionale ai beni artistici.
"È tutto un gioco di scatole e vasi comunicanti", spiega Massimiliano Santi, consigliere provinciale di Rifondazione comunista, a Roma, della commissione cultura del partito, "perché il decreto si inserisce in una situazione avviata dalla legge 401 del 2001, con la quale è stato messo in vendita il patrimonio immobiliare degli enti pubblici, che già prevedeva la possibilità di mettere le mani sui beni artistici e culturali. Inoltre, c'è l'ennesima legge delega, che riguarda il riassetto e la codificazione in materia di beni culturali e ambientali [e anche spettacolo, sport, proprietà letteraria e diritti d'autore, ndr.]".
Quali sono gli strumenti concreti per dare il via alla privatizzazione di questi beni?
Il decreto legge prevede la costituzione di due società per azioni. La prima è la Patrimonio dello Stato Spa, che è quella che può effettuare operazioni di cartolarizzazione sui beni artistici e culturali, ossia emette titoli e obbligazioni, e in questo modo il bene è ridotto a merce e può essere commercializzato anche nei mercati finanziari esteri. Questa società, le cui azioni dovrebbero essere detenute direttamente o indirettamente dal ministero delle Finanze, può trasferire a titolo gratuito la totalità delle azioni o alla Cassa depositi e prestiti, sempre del ministero, o alla seconda società che verrebbe a costituirsi, ossia la Infrastrutture Spa. Oltre alla cessione gratuita delle azioni, la Patrimonio Spa può cedere a Infrastrutture spa anche una parte del patrimonio. Infrastrutture Spa serve a trovare e spendere soldi per finanziare opere pubbliche e investimenti per lo sviluppo economico, ma concede anche garanzie. E c'è da considerare che anche i flussi di indebitamento a medio e lungo termine sono stabiliti dal ministero delle Finanze.
La cessione dei beni culturali andrà quindi a finanziare le grandi opere di Lunardi…
È evidente, anche perché la Infrastrutture Spa concede garanzie, perciò il bene artistico e culturale diventa l'ipoteca per i prestiti che la stessa società chiede alle banche o ad altri finanziatori. Se non viene conclusa la grande opera, il bene dato in garanzia passa al finanziatore esterno. Quindi, anche in termini economici si tratta di una manovra che nasconde una doppia perdita, perché i contabili del governo calcolano nel bilancio un attivo che non c'è, e poi, se le infrastrutture non saranno terminate secondo contratto, lo Stato perderà definitivamente i beni del patrimonio artistico dati in garanzia.
Ma il privato può fare come vuole? Non è previsto un recupero di questi beni?
Ad oggi, con il testo unico 490 del '99 e la specifica normativa sui beni artistici e culturali, esistono due elenchi che dividono il patrimonio inalienabile in due parti: quello la cui gestione può passare a privati e quello che non può essere venduto. Non sappiamo ancora, per via della legge delega, quali saranno e se ci saranno dei beni esclusi da questa compravendita. E comunque, anche nell'eventuale rivendita del bene, una volta che lo Stato lo abbia perso, c'è un articolo nella legge del 2001 che non prevede diritto di prelazione degli enti locali. Un giapponese avrebbe la meglio, per esempio, sulla regione Toscana.
Ma se il giapponese si compra il Colosseo, non potrà farci una discoteca…
Anche questo non si sa, ma non è escluso, perché con la precedente legge, la 410/01, vendute le case degli enti, il cambio destinazione d'uso, da case a uffici, è avvenuto. E nel decreto non c'è alcun accenno alla disposizione o al profilo d'uso. In teoria dovrebbe rimanere la fruibilità pubblica del bene artistico, ma nella legge delega c'è scritto che l'aggiornamento degli strumenti di conservazione e protezione dei beni avverrà "senza ulteriori restrizioni alla proprietà privata". Quindi è chiaro che ci sarà una totale apertura ai privati, e la riduzione di investimenti pubblici per la tutela. C'è poi la questione della ripartizione delle competenze con le regioni, e qui si chiama in causa la riforma federalista: bisogna capire fino a che punto la tutela passerà agli enti locali e quanto tutto questo andrà a scontrarsi con la pianificazione urbanistica, che di nuovo compete alle regioni.
Traducendo in moneta, quanto vale tutta questa operazione finanziaria?
Nessuno può comprendere la portata di una manovra del genere, perché non si capisce fin dove arriveranno le alienazioni, e il patrimonio artistico e culturale del nostro paese è enorme. L'Italia, insieme a Spagna, Portogallo e Grecia, è il paese dove maggiore è stata l'attenzione alla protezione e tutela di beni artistici, che non sono solo le opere d'arte in senso stretto. Le due società nascono con un capitale sociale di un milione di euro, che non è tantissimo, però poi gli aumenti di capitale vengono rinviati a futuri decreti del ministero delle finanze. In altri paesi, per esempio il Belgio, la privatizzazione è avvenuta. Il problema è se la circolazione dei beni artistici sia solo un mezzo per fare più soldi oppure uno strumento per arricchire la formazione di tutti i cittadini.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news