LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CONVEGNO FAI: L'8 per mille alla guerra. Riesplode il caso
Maria Serena Palieri
LUnit, 11 / 11 / 2006

stata una ripetuta battaglia di questo giornale, nel quinquennio del governo Berlusconi: l'8 per mille destinato dai cittadini al finanziamento pubblico di missioni contro la fame nel mondo ma anche alla cultura, e finito per strane e ripugnanti vie a finanziare la guerra in Iraq. Una denuncia solitaria che ieri, nella sala dell'Auditorium della Tecnica all'Eur, ripetuta da donna Giulia Maria Mozzoni Crespi, presidente del Fai, stata amplificata presso un pubblico selezionato e di altissimo livello: di fronte a lei sedevano infatti il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, con la moglie Clio, il ministro per i Beni e le Attivit Culturali Francesco Rutelli, il sindaco Veltroni, il presidente di Confindustria Luca di Montezemolo e un parterre di economisti, da Francesco Giavazzi a Marco Vitale, amministratori, da Giuseppe Perini a Renato Soru, storici dell'arte. Appunto, ci lasciamo alle spalle un quinquennio che, per ci che concerne il tesoro del Bel Paese, ha segnato il punto pi basso nel convertire in armi e divise il denaro che i cittadini destinavano a solidariet e arte. Ora, da dove si ricomincia?
Il Fondo per l'Ambiente Italiano, la creatura nata nel 1975 e che, su modello del National Trust inglese, adotta ville e castelli, giardini e tesori naturali, ritiene che si debba ripartire da questo interrogativo: le ragioni dell'economia e quelle della tutela del nostro patrimonio storico-artistico-ambientale sono inconciliabili o possono procedere insieme?
In questi anni la formula perseguita, attraverso Patrimonio spa, Scip e Arcus, stata una terza, assai pi basic: vendere il tesoro pubblico per fare cassa. Ora, tornati - si spera - alla normalit, il Fai propende per la seconda ipotesi: questo convegno, ospite di Confindustria, ha come scopo siglare un patto tra chi si batte per la tutela e chi produce ricchezza, Confindustria appunto, Confartigianato, Confcommercio, Confagricoltura.
Trattandosi del Fai, un convegno lievemente sui generis, con piccolo concerto d'apertura, siparietto emozionante del regista-poeta Ermanno Olmi, un buffet regale, due interventi che volano alto, del francese Hugues de Varine, un filosofo del patrimoine, e dell'indiano Ashok Khosta, ambientalista pessimista ed economista sul modello Amartya Sen. E donna Crespi che, col suo piglio da monarca illuminata, apostrofa Rutelli: Lei intende davvero fare il ministro seriamente, come ha affermato?.
Rutelli arrossisce, annuisce. Se s, continua la presidente del Fai, ecco i compiti: tramutare quello 0,26% del bilancio pubblico destinato al suo dicastero in un 1%; mandar via i soprintendenti che non valgono niente e riconfermare quelli validi che hanno stipendi da fame, dar seguito al lodevole impegno, gi da lui preso, di riportare nelle scuole la storia dell'arte, modificare quegli articoli del Codice Urbani che prevedono che i piani paesistici possano essere fatti dalle Regioni d'intesa con le Soprintendenze: quel possono deve trasformarsi in un devono; e, d'intesa col ministro per l'Ambiente, battersi perch venga ripristinato la VIA, cio la valutazione d'impatto ambientale. Rutelli di fatto, qui, al suo esordio pubblico come ministro sul versante beni culturali. Un primo round, con gli editori, sul versante libro, l'ha vinto conquistandone la platea in settembre al San Michele. In quest'altro ambito, fin qui, il suo debutto stato accompagnato da polemiche. Una su tutte: quella del concorso per undici direttori storici dell'arte bloccato dopo la prova scritta, mentre con contratto esterno venivano assunti al ruolo dirigenziale quattro studiosi bocciati all'ammissione allo stesso concorso.
Ora s'impegna a: ridurre drasticamente i residui passivi del ministero che, con le gestioni Urbani e Buttiglione, hanno toccato i 2.288.000.000 euro; ringiovanire un personale la cui et media oggi di 55 anni (e annuncia che in gennaio si terr un nuovo concorso per 40 dirigenti); studiare un piano di defiscalizzazione per chi mantiene dimore storiche e la nascita di un circuito turistico sul modello dei Paradores spagnoli. E, quanto a cose gi fatte, annuncia: la nomina, avvenuta ieri, di Salvatore Settis a presidente del risorto Consiglio Superiore dei Beni Culturali, col compito precipuo di rimettere mano al Codice (in verit, e questo un paradosso irrisolto, lo stesso professore fu il consigliere di Urbani nello stenderlo); a consiglieri di Andrea Emiliani, Cesare de Seta, Antonio Paolucci e Andreina Ricci; la nascita di un comitato interforze, col ministero dell'Economia, presieduto da Davide Croff, sul tema: come ottenere defiscalizzazioni per la cultura?; l'apertura il 13 dicembre della Galleria Nazionale d'Arte Antica a palazzo Barberini, dopo decenni di lite con il locale Circolo Ufficiali; l'acquisizione al pubblico di Palazzo Litta a Milano e del Teatro Petruzzelli a Bari; l'obbligo per la Rai, nel nuovo contratto di servizio, di impegno nella pedagogia del bello, insomma l'educazione ai beni culturali.

Ma il Paese cui guarda il convegno del Fai non solo quello dello scempio della destra. un paese dove un federalismo malfatto (dalla sinistra) e malinteso va producendo altri piccoli mostri: i villini a schiera di Monticchiello, sito Unesco, Regione Toscana, le duecento villette pi albergo di cinque piani nel paradiso lacustre di Mantova, predisposte dalla precedente amministrazione diessina e osteggiate dall'attuale sindaca, Fiorenza Brioni, Ds anch'essa. Dove, per, fioriscono anche buoni esempi: la rinascita di Genova, la battaglia vinta per la tassa sul lusso in Sardegna.
Al convegno duellano due filosofie: quella statalista (semplice ritorno integrale all'articolo 9 della Costituzione, batte Settis) e quella della sussidiariet, grande alleanza tra cittadini, Stato, enti locali, imprenditori per salvare il Bel Paese e dargli un futuro florido. La seconda sembra quella giusta. la pi difficile.



news

24-09-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 24 SETTEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news