LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sono legge le società per valorizzare il patrimonio
Cristina Missiroli
L’Opinione delle libertà on line 17/05/2002

Silvio Berlusconi e Giulio Tremonti portano a casa un gran risultato. La Camera ha convertito in legge il decreto salva deficit, uno dei provvedimenti fondamentali per il riassetto dello stato, fortemente voluto del ministro per l’economia. Si tratta di una duplice operazione che influenzerà non poco le cifre del prossimo Dpef. E che, nelle intenzioni del governo, è destinata a rilanciare le opere pubbliche, utilizzando al meglio il patrimonio dello Stato. In parole povere, dalle costole della Cassa depositi e prestiti nasceranno due società per azioni: la “Infrastrutture Spa” e la “Patrimonio di Stato Spa”, che dovrebbero rispettivamente finanziare extra-bilancio le grandi opere pubbliche e gestire con migliori risultati il vastissimo patrimonio pubblico oggi inutilizzato. "Più che una riforma è una vera rivoluzione della concezione del patrimonio dello Stato e delle infrastrutture", ha spiegato con entusiasmo Giancarlo Giorgetti, presidente della commissione Bilancio. “Con la nascita della Patrimonio Spa - prosegue Giorgetti - l'enorme patrimonio dello Stato che ora annega negli sprechi verrà messo a reddito mentre Infrastrutture Spa farà da volano finanziario per sostenere le spese di investimento pubblico”. Infrastrutture spa fornirà infatti risorse finanziarie complementari a quelle rese disponibili dal settore privato, concedendo prestiti e garanzie con finanziamenti a lungo termine e a tasso fisso a diverse scadenze. Secondo il ministero dell'Economia, si registreranno così effetti positivi per la finanza pubblica, con la riduzione dei contributi pubblici a fondo perduto e la disintermediazione del bilancio pubblico. Patrimonio Spa e Infrastrutture Spa costituiscono infatti la via escogitata da Tremonti per “sdemanializzare” il patrimonio dello Stato. Presto, oltre ai Bot, si aprirà un’alternativa all’investimento dei risparmiatori in titoli di debito emessi dalla società del Patrimonio. L’iter parlamentare che ha portato alla conversione del decreto non è stato particolarmente burrascoso. Anche se forti critiche sono giunte dai banchi dell'opposizione che ha presentato oltre 100 proposte di modifica. Diversi gli emendamenti, sottoscritti da Verdi, Democratici di sinistra e da Rifondazione Comunista, che puntavano alla pura e semplice soppressione della norma. Laura Pennacchi (DS), ha richiamato in Aula le perplessità espresse dalla Corte dei Conti in una recente audizione, Carlo Carli (anche egli diessino) il rischio di una svendita del patrimonio artistico italiano, "un patrimonio - ha detto - che l'umanità ci invidia". Seguito a ruota anche da Teodoro Buontempo di An che paventava la vendita a MacDonald’s del For Italiaco. Alla fine il governo ha accolto un emendamento dei DS destinato a specificare che non cambiano requisiti e finalità dello Stato spa. Ciò al fine di fugare le perplessità di chi ha paventato che, con questo provvedimento, si aprisse la possibilità della cessione di beni pubblici come la Fontana di Trevi o il Colosseo. Angelino Alfano, relatore in Aula per la quinta Commissione, ha cercato di rassicurare i colleghi. “La società Patrimonio dello Stato Spa - ha spiegato - nasce da un'idea sempre presente ed ormai affermatasi nel settore privato, ma mai compiutamente realizzata per quanto riguarda lo Stato. Molti soggetti privati hanno da tempo costituito soggetti specializzati e focalizzati nella valorizzazione del patrimonio; nello Stato queste finalità non sono svolte in modo adeguato a fronte di un debito pubblico che genera oneri finanziari di mercato, mentre l'attivo non genera proventi adeguati, anzi in molti casi il rendimento netto della gestione di questi beni è negativa, vale a dire che lo Stato spende più rispetto a quanto riesce ad incassare nella gestione di questi beni. In molti casi, inoltre, manca perfino un'idea chiara della dimensione dell'attivo a disposizione. La costituzione di un soggetto specializzato nella valorizzazione di attivi materiali e immateriali dello Stato potrà costituire un'opportunità per raggiungere un duplice obiettivo: ottenere un maggiore rendimento per lo Stato, con rilevanti benefici per la finanza pubblica e rendere più trasparente la gestione di molti asset. Si tratta, quindi, di incrementare i proventi ottenibili dalla gestione di questi beni e di promuovere una migliore gestione degli stessi a monte del processo, con l'effetto indiretto di promuovere una rapida azione di ricognizione del patrimonio di cui lo Stato è proprietario”. Vinta la battaglia in parlamento, Tremonti e Berlusconi, hanno incassato ieri un’altra vittoria significativa, con la nomina dell’attuale Ragioniere Generale dello Stato, Andrea Monorchio (che lascia il posto a Vittorio Grilli) alla guida della neonata “Infrastrutture SpA”.

http://www.opinione.it/4.attualita/archivio_attualita/2002/13-05_19-05/17-05-02_missiroli.htm


news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news