LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

All’asta palazzo Barberini e Nisida
Luciano Di Domenico
Il Messaggero 11/12/2002

Palazzo Barberini e l'ex Forte Ardeatino a Roma, gli isolotti della Laguna di Venezia, le isole di Pianosa e dell'Asinara, il bosco di Capodimonte, il bosco di Castel Porziano, le foreste Casentinesi, tra le più preziose e pregevoli in Italia. E ancora l'isoletta di Nisida, nel golfo di Napoli, che ospitò nel tempo personaggi come Lucullo, Cassio, Bruto, Cicerone; il carcere dell'Isolotto di Santo Stefano (quello dove venne rinchiuso tra gli altri anche il giovane Sandro Pertini); i Forti di Genova e il Forte Santa Sofia a Verona; il sito archeologico romano, Alba Fucens, a due passi dalle grandi antenne paraboliche di Telespazio nella Marsica.
Sono solo alcuni dei tesori italiani che secondo Legambiente sarebbero contenuti nella lista, ancora incompleta, che circolerebbe negli uffici del Ministero dell'Economia e riferita ai beni pubblici che per primi verranno messi all'incanto, per rinsaguare le casse statali. Verrebbero in realtà trasferiti dallo Stato alla “Patrimonio spa", la società a capitale interamente pubblico istituita con il decreto Tremonti, divenuto legge nel giugno scorso, per gestire al meglio i beni pubblici di valore artistico e paesaggistico, vendendo nel contempo quei beni demaniali che tale valore non hanno, il tutto per incamerare quattro miliardi di euro.
Di fronte all’allarme lanciato da Legambiente, che rinnova quelli che da più parti si levarono l’estate scorsa alla vigilia della conversione del decreto in legge, il ministro dei Beni culturali, Giuliano Urbani reagisce seccamente bollandole come «Notizie inesatte» che, «oltre che diffondere allarmismo ingiustificato», causano «all'estero un danno d'immagine per l'Italia che non giova proprio a nessuno». In un comunicato, il ministero ribadisce che «l'elenco dei beni immobili di proprietà dello Stato appartenenti al patrimonio indisponibile e disponibile, apparso sulla Gazzetta Ufficiale del 6 agosto scorso e a cui probabilmente fa riferimento la nota diffusa da Legambiente, era ed è da considerarsi puramente ricognitivo».
L'elenco, precisa ancora il ministero, «ha una finalità meramente contabile legata all'esigenza di accertamento della proprietà e di rappresentazione dei beni dello Stato in modo tale da permetterne un'analisi economica, come richiesto dalle leggi in materia di ristrutturazione del bilancio dello Stato e del conto generale del patrimonio, e non riveste alcun significato di proposta di vendita, come peraltro si può desumere da un'attenta lettura».
L'elenco dei beni demaniali pubblicato la scorsa estate «è certamente ricognitivo, come ha ricordato il ministro Urbani». Sottolinea Giovanna Melandri, ex ministro per i Beni culturali nel governo di Centrosinistra «Ma in assenza di regole certe e chiare», il sospetto che il governo «voglia utilizzare la svendita del patrimonio per fare cassa» è «più che legittimo».
Per l'ex ministro «esiste un solo modo per superare il problema, come lo stesso ministro Urbani sa molto bene: trasformare in norma di legge le disposizioni contenute nel regolamento del ministero fatto approvare nel 2000 dall'Ulivo che individua chiaramente quali sono i beni di valore storico artistico assolutamente inalienabili e pone regole chiare. In questo senso l'Ulivo ha presentato un emendamento alla Finanziaria. Il Governo - conclude Melandri - lo accetti e lo appoggi».
Ed intanto mentre divampa la polemica Legambiente ha proclamato per sabato prossimo una giornata di mobilitazione nazionale “contro la vendita dei beni pubblici". Sit-in di protesta sono previsti nelle zone dove sorgono alcuni dei tesori “minacciati". Così gli abruzzesi già si sono dati appuntamento ad Alba Fucens,il sito archeologico a 40 chilometri dall’Aquila, “prezzato" 40 mila euro. In Sardegna manifestazioni a Capo Caccia a nord, e Capo Teulada a sud. E così lungo tutto lo stivale.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news